Permixon: a cosa serve e controindicazioni

Permixon si caratterizza per essere un farmaco che si può trovare in commercio sotto forma di capsule molli e che presenta al suo interno il principio attivo estratto lipido-sterolico di Sereneoa repens. Si tratta di un farmaco che fa parte di quel particolare gruppo di medicinali che vengono impiegati per la cura dei soggetti che soffrono di un incremento delle dimensioni della prostata, una patologia che viene chiamata ipertrofia prostatica benigna.

Permixon a cosa serve

Permixon a cosa serve

Permixon è un farmaco che viene utilizzato, di conseguenza, per la cura di vari disturbi di tipo funzionale che sono strettamente correlati con la malattia denominata ipertrofia prostatica benigna. Quindi, si può impiegare nel caso in cui il paziente soffra di un incrementa della frequenza con cui espelle l’urina, senza che ci sia un corrispettivo incremento della quantità di urina rilasciata, ma anche nel caso in cui soffra di una necessità continua di dover urinare nel corso della notte o, ancora, nel caso in cui la minzione sia particolarmente complicata o provochi un intenso dolore. Ci sono anche altri casi dove può essere impiegato in modo efficace Permixon: si tratta, ad esempio, delle situazioni in cui il getto d’urina diventa meno intenso e perde anche di volume, ma anche quando la vescica si sente svuotata, ma solo parzialmente o, ancora, nel caso in cui ci sia una tensione che provoca un certo dolore nel punto che si trova tra i testicoli e l’ano.

Permixon contrindicazioni

Il paziente dovrebbe sempre evitare l’assunzione di questo medicinale nel caso in cui presenti un’allergia nei confronti del principio attivo, ma anche rispetto a uno dei vari eccipienti che si trovano al suo interno.

Permixon precauzioni per l’uso

Prima di iniziare un trattamento a base di questo medicinale si consiglia di chiedere sempre un consulto al proprio medico curante. Nel corso della terapia, il paziente deve essere continuamente monitorato da parte del medico, ma al tempo stesso si deve ricordare che l’assunzione di tale farmaco deve avvenire durante i pasti, dal momento che potrebbe causare altrimenti disturbi come nausea nel caso in cui dovesse essere assunto distante rispetto ai pasti. Ovviamente questo medicinale è in grado di favorire le condizioni per poter intervenire con un’operazione chirurgica nel caso in cui il problema del paziente lo dovesse richiedere, ma non si può in alcun modo considerare come una vera e propria alternativa all’intervento nel caso in cui questo fosse fondamentale per la guarigione del paziente. Questo farmaco non va in alcun modo a provocare un’alterazione della capacità di mettersi alla guida così come di usare dei macchinari di precisione o a scopo lavorativo. Al suo interno si trova etile para-ossibenzoato sodico che è in grado di provocare delle reazioni di natura allergica, anche se queste ultime non si verificano nella maggior parte dei casi nell’immediato, ma dopo un po’ di tempo.

 Permixon posologia

L’assunzione di questo medicinale deve rispettare in ogni caso le indicazioni del medico curante o del farmacista. Il dosaggio che viene di solito raccomandato corrisponde ad una capsula molle da 320 mg che deve essere assunta una o, al massimo, due volte al giorno, in base alla forma più o meno grave di disturbo che fa soffrire il paziente. L’assunzione deve avvenire sempre con un bicchiere colmo d’acqua. Il dosaggio chiaramente può subire delle modifiche da parte del medico curante, anche se nella maggior parte dei casi si suggerisce di seguire dei trattamenti piuttosto prolungati, che non siano in ogni caso inferiori ad un mese. A livello pediatrico, si consiglia di non usare questo medicinale, anche in virtù del fatto che non può avere alcuna valenza a livello clinico, dal momento che si usa per la cura di disturbi che di solito insorgono nelle persone in età adulta.

 Permixon posologia

 Permixon in gravidanza

Nel caso di sospetta gravidanza, di programmazione della gravidanza oppure nel corso vero e proprio di una gravidanza, si consiglia di non assumere questo medicinale. Allo stesso modo deve essere evitato qualsiasi trattamento nel corso dell‘allattamento, visto che il principio attivo potrebbe finire all’interno del latte materno. Ad ogni modo, sarà il medico curante a dare tutte le indicazioni del caso e a valutare se effettivamente la madre o gestante deve assumere tale farmaco. Permixon, infatti, di solito viene suggerito come terapia solamente per le persone di sesso maschile.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella. Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia