Pinterest aiuta a fronteggiare il dolore cronico

Uno studio rivela che un miglior utilizzo di Pinterest potrebbe supportare i livelli di salute delle persone che sono affette da dolore cronico.

pinterest e dolore cronico
credit: stock.adobe.com/everythingpossible

Un nuovo studio dei ricercatori della Virginia Commonwealth University, ad analisi di un ampio numero di post su Pinterest sul dolore cronico, ha rivelato che la piattaforma di social media sta aiutando le persone affette da tale condizione a far fronte alla condivisione di terapie di auto-cura e di consigli di gestione del dolore. Le persone affette da tale condizione riescono anche a usare i social per potersi sfogare sulla gravità del loro dolore e sostenere gli le altre persone che stanno soffrendo allo stesso modo.

Lo studio suggerisce anche che Pinterest è uno strumento sottoutilizzato, e che dunque l’assistenza sanitaria e le organizzazioni di sanità pubblica potrebbero utilizzare tale piattaforma per distribuire informazioni di alta qualità e di buona norma sul dolore cronico, una condizione che il National Institutes of Health stima essere in grado di colpire fino a uno su cinque adulti statunitensi.

Lo studio, “Pinning to Cope: Using Pinterest for Chronic Pain Management,” è stato pubblicato sulla rivista Health Education & Behavior ed è stato condotto da Jeanine Guidry, Ph.D., professore assistente alla Richard T. Robertson School of Media and Culture, e Eric Benotsch, Ph.D., professore associato al Dipartimento di Psicologia del College of Humanities and Sciences.

Stiamo notando che Pinterest viene utilizzato dai pazienti per sostenersi davvero a vicenda, per fornire informazioni l’uno per l’altro e per trovare uno sbocco per affrontare il dolore cronico“, ha affermato Guidry, che studia i social media visivi e la tecnologia mobile in salute, rischio e comunicazione di crisi e design del messaggio.

A conclusione dello studio, Guidry ha affermato che i propri risultati mostrano che, prima di tutto, le persone parlano di dolore cronico su Pinterest in modo molto più frequente di quanto si possa pensare. In secondo luogo, lo studio dimostra che la stragrande maggioranza dei post era condiviso tra utenti individuali e che relativamente pochi erano i messaggi condivisi con le organizzazioni sanitarie o di sanità pubblica, sebbene lo studio suggerisca che Pinterest potrebbe essere un modo efficace per comunicare con le persone affette dolore cronico, che statisticamente hanno un più alto livello di isolamento nella loro vita e possono essere alla ricerca di informazioni affidabili e strategie efficaci per affrontare varie situazioni.

Pinterest è già usato da organizzazioni come i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e l’organizzazione mondiale della sanità, ma non tanto quanto, ad esempio, Facebook e Twitter“, ha detto Guidry. “Conoscendo i risultati di tale studio, i professionisti della comunicazione sanitaria dovrebbero considerare l’utilizzo di Pinterest di più, perché possono davvero raggiungere le persone che stanno cercando di gestire il dolore cronico”.

Fonte

Using Pinterest to cope with chronic pain – vcu.edu

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella. Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia