pressione sotto controllo

Di tutti gli ipertesi solo una piccola fetta di questi controlla correttamente la pressione mantenendola nei range di normalità. Tutti gli altri conviverebbero con valori anormalmente alti di pressione arteriosa che, oltre a metterli a repentaglio per lo sviluppo di patologie interessanti l’apparato cardiovascolare, predisporrebbero ad un più precoce declino cognitivo. Per declino cognitivo si intende un rallentamento globale delle funzioni superiori cerebrali che sembrava, a tratti, quasi essere inevitabile per l’anziano portandolo per esempio a dimenticanze varie, a perdere il filo del discorso mentre parla, a non coordinare correttamente pensiero e parola, a perdere le capacità di orientamento spazio-temporali etc. Colpisce il 15-20% delle persone al di sopra dei 65 anni e predisporrebbe a forme ben più gravi di demenza.

Pressione arteriosa, cosa rappresenta e come misurarla

Mantenere sotto controllo la pressione e anzi, mantenerla bassa, sembrerebbe ridurre questo rischio di declino cognitivo, diretto predecessore anche di alcune patologie neurodegenerative importantissime come la Malattia di Alzheimer.

Ad affermarlo è il dott. Jeff Williamson della Wake Forest School of Medicine dopo aver condotto uno studio che ha esaminato l’effetto di un controllo più intenso della pressione arteriosa e dei rischi di sviluppare un lieve deterioramento cognitivo. Sono stati arruolati e seguite più di 9.000 persone di età pari o superiore a 50 anni per circa 5 anni ed è stato riscontrato come un abbassamento della pressione arteriosa aggressivo a valori di PAS (Pressione Arteriosa Sistolica) minori di 120mmhg abbia condotto a una riduzione del 19% del danno cognitivo rispetto a un trattamento meno aggressivo con PAS rimasta a valori di 140mmhg.

Considerando che circa il 75% delle persone sopra i 65 anni ha la pressione alta è davvero considerevole il numero di anziani che rischiano di andare incontro a deterioramento mentale e a demenza e basterebbe davvero poco, tenendo a bada la pressione, per abbassare di molto questo rischio.

Fonti e bibliografia

  • “Silent Killer” puts millions of Americans at risk. Dr. Jeff Williamson. 2019
  • https://school.wakehealth.edu/
  • Effect of Intensive vs Standard Blood Pressure Control on Probable DementiaA Randomized Clinical Trial. The SPRINT MIND Investigators for the SPRINT Research Group. JAMA (Journal of American Medical Association); 2019