Riserva naturale di Scandola: Paradiso nascosto della Corsica

43

Unica. Magica. È la Riserva Naturale di Scandola che, dal 1975, ospita animali e vegetali all’interno di 1.900 ettari comprensivi tra terra e mare.

È collocata in una penisola di origine vulcanica dove l’erosione ha creato paesaggi incantati degni di un film fantasy contemporaneo. I suoi colori prevalenti sono il rosso argilloso e l’azzurro incontaminato del Mediterraneo nel quale sguazzano indisturbate diverse specie di pesci e crostacei, sotto la spietata guardia del falco pellegrino.

La Riserva Naturale di Scandola si colloca in uno scenario mozzafiato nella regione Nord-Ovest della Corsica, precisamente nell’area di Porto. Si affaccia sul Mediterraneo e permette di scoprire le bellezze francesi in uno scenario incredibilmente italiano.

L’escursione

La Riserva Naturale di Scandola non è però l’unico posto visitabile. Oltre alla splendida penisola, l’escursione comprende anche un passaggio al villaggio di Girolata e a Les Calache di Piana, per poi arrivare ai suggestivi paesini di montagna come Evisa.

Oltre a essere circondata dal mare, l’area è costituita da interessanti laghi che costeggiano le zone alpine, donando un’atmosfera ancora più fatata.

Dovete sapere, inoltre, che la Riserva è un’area protetta e perciò esistono dei divieti da rispettare. Alcune zone non sono visitabili per via del territorio ostile all’uomo: montagne alte più di 1.000 metri e sentieri impervi fanno sì che un’escursione diventi troppo pericolosa. Ma si tratta appena di una minima parte e le zone più belle sono facilmente visibili e visitabili.

Riserva Naturale di Scandola: cosa c’è da vedere

Esplorare la Riserva Naturale di Scandola in Corsica è un viaggio emozionante da fare con tutta la famiglia. I bambini si divertiranno e rimarranno a bocca aperta alla vista dei delfini che scorrazzano nel Mediterraneo. Se si sposta lo sguardo verso l’alto, invece, si potranno osservare le molteplici specie di uccelli selvatici e i grandi predatori del cielo.

Oltre agli esseri viventi in completa libertà, ciò che ha un impatto importante è il magnifico territorio naturale della Riserva di Scandola. Un mare cristallino che nulla ha da invidiare alle coste americane, coste frastagliate e grotte misteriose pronte a essere esplorate sono solo alcune delle chicche che la Riserva Naturale di Scandola ci regala. Il paesaggio, infatti, si dipinge di contrasti e sfumature di colore incredibili: l’azzurro chiaro del mare incontra quello del cielo e, insieme, toccano il rossastro delle insenature mentre le montagne si ergono imponenti nel centro della penisola.

Gli animali e la vegetazione

La flora e la fauna della Riserva sono ricche e variegate. È, infatti, possibile osservare volatili allo stato brado come falchi, gabbiani e cormorani. L’ambiente marino si completa di moltissimi specie di pesci e ampie colonie di delfini. Se si è fortunati, si può godere dei loro incredibili tuffi in mare aperto.

La vegetazione comprende oltre 450 tipi di alghe e coralli.

Ricordiamo, però, che caccia e immersioni sono vietate per proteggere gli animali e la flora della Riserva Naturale di Scandola; nessuno vuole rovinare e rischiare di perdere questo piccolo ma immenso paradiso del Mediterraneo.

Come arrivare

È impossibile raggiungere la Riserva Naturale di Scandola a piedi. L’unico modo per entrare nella penisola è via mare, attraverso i battelli messi a disposizione dallo staff francese della penisola. Le navette partono da Calvi e da Porto e ha una maggiore concentrazione di turisti in estate.

Noi consigliamo di godervi l’escursione durante il tardo pomeriggio, nell’ora del tramonto: in quel determinato periodo i colori della Riserva creeranno un insieme di giochi e sfumature emozionanti. Da non perdere!