Sinusite mascellare: cos’è e come va curata

440

Quando si parla di sinusite, si fa riferimento ad una patologia che colpisce il naso e i relativi seni paranasali. Si tratta di una malattia che insorge soprattutto durante la stagione invernale e in forma particolarmente acuta. Tra i principali motivi che possono portare alla sinusite mascellare troviamo sicuramente le infezioni di natura batterica oppure quelle virali, come ad esempio il raffreddore. Queste ultime, quindi, vanno a causare un’infiammazione che colpisce proprio i seni paranasali e può essere davvero molto fastidiosa. In relazione poi al punto in cui la mucosa nasale comincia a gonfiarsi e causare una sensazione di dolore, possiamo differenzia tra sinusite mascellare, sinusite frontale, sinusite sferoidale e sinusite etmoidale.

Quali sono i sintomi della sinusite mascellare

Nel momento in cui insorge una sinusite mascellare, i sintomi maggiormente diffusi sono i seguenti. Prima di tutto una difficoltà notevole a respirare, ma anche un notevole senso di stanchezza e di pesantezza muscolare, spesso associato a mal di testa. In modo particolare, il dolore si concentra proprio nella parte in cui è avvenuta l’infiammazione dei seni paranasali. La sinusite mascellare si caratterizza proprio per essere un’infiammazione che colpisce il seno mascellare denominato Antro di Highmore. Si tratta di una particolare cavità che si trova ai lati dell’osso mascellare, esattamente sopra l’arcata di denti superiore. Per la precisione, sopra i premolari e i molari. Ad ogni modo, la sensazione di dolore che viene provocata dalla sinusite mascellare si caratterizza per diffondersi praticamente a gran parte del viso. È sufficiente fare una semplice pressione con il proprio dito per trovare il punto in cui si concentra maggiormente il dolore. E il punto corrisponde proprio al di sopra dei denti canini dell’arcata dentale superiore. Tantissime volte, di conseguenza, può capitare che il dolore possa assumere le forme anche di mal di denti e di cefalea frontale. Piuttosto frequentemente può capitare che la sinusite mascellare cronica possa insorgere dopo un ascesso dentale. Ecco spiegato il motivo per cui spesso si suggerisce di effettuare una TC per avere a disposizione una migliore definizione sia dell’estensione che del livello che caratterizzano la sinusite. Inoltre, una rx degli apici dentari può tornare decisamente utili in tutti quei soggetti che soffrono di sinusite mascellare cronica, in modo particolare per levare di mezzo ogni dubbio circa una possibile origine da un ascesso periapicale.

Come si cura

Individuate cause e sintomi della sinusite mascellare, è fondamentale iniziare una terapia corretta. Tra i principali trattamenti per questo tipo di malattia troviamo sicuramente l’impiego di farmaci anticongestionanti e antinfiammatori. Nel caso in cui la sinusite porti a delle conseguenze particolarmente gravi e con fatica sopportabili, allora la terapia più consigliata è quella antibiotica che, tra l’altro, è quella maggiormente usata per la cura delle forme croniche. Nel momento in cui la causa che ha portato all’insorgere della sinusite mascellare derivi da un’allergia, allora sarà fondamentale utilizzare anche dei farmaci antistaminici. Sarà in ogni caso compito del vostro medico curante stabilire una terapia adeguata alle vostre condizioni di salute, in maniera tale da poter curare in modo efficace la vostra sinusite mascellare. Ci sono anche diversi rimedi naturali che possono essere impiegati per il trattamento della sinusite mascellare, che possono dare un certo sollievo su gran parte dei sintomi. Nei casi particolarmente gravi, non si può che fare ricorso all’intervento chirurgico. In relazione alla sinusite mascellare sono due le opzioni che vengono prese in considerazione, ovvero meatotomia inferiore e meatotomia media.

Quali sono i rimedi naturali

Esistono diversi rimedi naturali che possono essere molto utili per alleviare i sintomi. Il vapore è un ottimo rimedio per contrastare la sinusite. I suffumigi, infatti, possono essere fatti tranquillamente a casa in modo molto semplice: è sufficiente far bollire l’acqua, in cui poi devono essere inseriti anche gli oli essenziali di eucalipto, oppure timo e rosmarino che danno sicuramente un ottimo sollievo per liberare l’apparato respiratorio. Le tisane calde sono un altro rimedio casalingo molto diffuso per combattere la sinusite mascellare. In questi casi va molto bene il tè alla menta oppure una tisana di erbe aromatiche, che consente di stappare il naso e migliorare la respirazione. Tè e tisane si possono rendere più dolci con un cucchiaio di miele, che ha delle notevoli proprietà espettoranti. Le acque termali rappresentano un ulteriore rimedio valido ed efficace, visto che hanno un effetto benefico importante contro la sinusite mascellare. Nello specifico l’haloterapia è davvero molto interessante