età avanzata

Qualche tempo fa una meta-analisi di studi sulle statine condotta dal Cholesterol Treatment Trialists’ (CTT) Collaboration e pubblicata su The Lancet, la terapia con le statine per l’abbassamento dei valori del colesterolo LDL, mostrava l’assenza di differenze di efficacia tra uomini e donne. Oggi, un recente studio coordinato dall’università Sidney e ugualmente pubblicato sulla rivista The Lancet, definirebbe l’importanza e l’utilità degli stessi farmaci nei pazienti particolarmente anziani. Tale studio è stato condotto su 187000 pazienti di cui 15000 sui 75 anni; ed è stato evidenziato come l’utilizzo costante delle statine riduca l’insorgenza degli eventi cardiovascolari in tutte le età. In particolare, per quanto riguarda gli eventi cardiovascolari maggiori, questi diminuirebbero di circa il un quinto in ogni età mentre per gli eventi riferibili specificatamente alle coronarie il beneficio sarebbe, un po’ più pronunciato (30% contro 20%) nella fascia tra 55 e 75 anni rispetto a quella più anziana.

I risultati, in ogni caso, sostengono l’utilizzo delle statine nella popolazione a rischio di eventi cardiovascolari a tutte le età senza nessuna rilevante correlazione riscontrata tra queste ultime e complicanze talvolta accennate come aumento del rischio di morte e di cancro.

Fonti e bibliografia

  • Safety and efficacy of statins. Jean-Philippe Joseph, Pierre Poulizac, Fabrice Bonnet; THE LANCET; 2017
  • Interpretation of the evidence for the efficacy and safety of statin therapy. Collins R,Reith C,Emberson J,Armitage J,Baigent C,Blackwell L,Blumenthal R,Danesh J,Smith GD,DeMets D,Evans S,Law M,MacMahon S,Martin S,Neal B,Poulter N,Preiss D, Ridker P,Roberts I,Rodgers A,Sandercock P,Schulz K,Sever P,Simes J,Smeeth L,Wald N,Yusuf S,Peto R; THE LANCET; 2019
  • Agenzia del Farmaco. AIFA.