Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Test per daltonici, come e quando bisogna farli per comprendere il grado di daltonismo

Il test per daltonici è un test visivo che viene svolto dall’oculista e serve a comprendere se un soggetto è in grado o meno di distinguere il rosso dal verde e se il risultato è positivo, il soggetto è affetto da daltonismo. Il daltonismo è una patologia che viene anche chiamata “cecità ai colori” ma fortunatamente una totale cecità verso i colori è molto rara. Le persone affette da tale disturbo visualizzano i colori in maniera differente in particolar modo le tonalità del grigio. Questo problema di origine genetico si tramanda ed è quindi ereditabile, e l’impiego di occhiali oppure di lenti a contatto in questo caso specifico non risolverebbero la malattia.

Test per daltonici e daltonismo: i soggetti a rischio

Il daltonismo è una patologia molto comune che colpisce maggiormente il sesso maschile ed è costituita dal mal funzionamento delle cellule fotosintetiche degli occhi. Come abbiamo descritto poco fa, il problema è di natura genetica, ma potrebbe insorgere anche a seguito di danni subiti agli occhi, oppure ai nervi del cervello o persino dopo l’esposizione prolungata nel tempo ad alcuni prodotti di origine chimica. Una persona si definisce daltonica quando i suoi occhi non sono in grado di distinguere i colori di diversa lunghezza d’onda. Il daltonismo si suddivide in: Deuteranopia ovvero deficit che interessa il colore verde e quello rosso, e Tritanopia, ovvero deficit che interessa il colore giallo ed il colore blu.

Per comprendere se una persona è affetta da tale disturbo, il medico oculista mostra diverse tabelle colorate con internamente nascosti dei numeri altrettanto colorati, se la persona è in grado di distinguere correttamente i numeri, allora la si può definire non daltonica, mentre se trova delle difficoltà perché il suo occhio non distingue i numeri e di conseguenza i colori, allora ci troviamo di fronte ad una persona affetta da daltonismo. I test per i daltonici si basano sempre sulla visualizzazione di tavole che mostrano colori anche facente parte della stessa scala cromatica, dove il paziente deve essere in grado di visualizzare il colore che si distingue dagli altri. Attualmente è possibile fare i test per daltonici anche su internet, ma vi consigliamo nel caso trovaste difficoltà in questo senso, di rivolgervi dal medico di base o dal vostro oculista di fiducia ed esporre il problema, in maniera tale da poter evidenziare o meno il daltonismo.

Test per daltonici: daltonismo

Gran parte delle persone danno per scontato la capacità di visualizzare in maniera corretta i colori vivaci, assicurandosi ad esempio di aver abbinato i colori dei vestiti che indossano, oppure alla visione di una fragola rossa hanno voglia di assaggiarla e possono godere di tutti i magnifici colori che la natura ci offre gratuitamente. Nonostante questo, ci sono circa 180 milioni di persone in tutto il mondo che non riescono a distinguere in maniera parziale o totale i colori che li circondano. Tali soggetti hanno un deficit visivo che impedisce loro di percepire i colori come le percepirebbe una persona non affetta da daltonismo.

Le persone che hanno una visione cromatica nella norma, mescolano i tre colori spettrali ovvero il rosso, il verde ed il blu per realizzare delle tonalità di colore completamente differenti. In questo caso, le cellule cono ovvero le cellule sensoriali che si trovano nella retina, sono i maggiori responsabili e lavorano soltanto nelle ore diurne, dal momento che di notte vediamo tutto di colore grigio. Nonostante ciò come abbiamo accennato sopra, le forme di daltonismo non si manifestano tutte nella stessa maniera, anche se tendenzialmente si è portati a credere che il daltonismo sia un problema unico.

Test per daltonici: cecità cromatica totale

La cecità cromatica totale è una patologia molto rara e le persone colpite da tale disturbo non sono in gradi di visualizzare nessun colore ed inoltre sono foto sensibili. Il loro occhio è come se fosse sempre in modalità notturna e quello che riescono percepire sono solo le sagome nell’oscurità. Sia il daltonismo di cui sopra, che la deficienza cromatica ereditaria, sono delle patologie causate da fattori genetici.