Ugola gonfia: sintomi, cause e trattamenti

Ugola gonfia

La parte superiore della bocca è composta da due sezioni principali, il palato duro nella parte anteriore, e il palato molle nella parte posteriore. L’ugola è visibile nella parte posteriore della gola, “appesa” al centro del palato molle.

Costituita da membrane mucose, tessuto connettivo e muscolare, nonché da canali che espellono la saliva, si tratta di una zona del corpo molto flessibile, per una caratteristica che assicura che possa svolgere le sue funzioni.

Sintomi

Anche se rari, l’ugola e le zone circostanti possono gonfiarsi. Il rossore, il dolore e l’infiammazione dell’ugola rappresentano una condizione chiamata uvulite.

Come noto, l’infiammazione è la risposta automatica dell’organismo a una lesione, reazione allergica o malattia. L’infiammazione può anche includere condizioni di arrossamento, irritazione, prurito, gonfiore o bruciore.

Se il sistema immunitario non è in grado di rimuovere un organismo nocivo come un virus o un batterio, l’ugola può infettarsi.  Con l’uvulite, il paziente può sentirsi come se qualcosa fosse bloccato nella parte posteriore della gola, e sperimentare difficoltà di deglutizione. In alcuni casi, anche il suono della voce può essere influenzato.

Altri sintomi includono:

  • problemi respiratori;
  • mal di gola;
  • tonsille gonfie;
  • eccessiva salivazione;
  • rigurgito nasale;
  • febbre;
  • dolore;
  • difficoltà a deglutire o deglutizione dolorosa.

Cause

Cause dell’ugola gonfia

Le infezioni batteriche e virali come lo streptococco, la mononucleosi o le infezioni delle vie respiratorie possono causare l’uvulite. Il raffreddore comune è un modo diffuso per contrarre un’infezione, considerato che i passaggi nasali delle persone sono in genere “bloccati”. Questo li porta a respirare attraverso la bocca e a incrementare i rischi di malattie in questa zona.

L’uvulite infettiva si verifica tipicamente con altre condizioni, come un’infezione della bocca o della gola. Una qualsiasi di queste condizioni può portare all’infiammazione della gola, che può poi portare all’uvulite.

Altre cause di uvulite includono:

  • Allergie: le reazioni allergiche possono innescare un accumulo di liquido nella gola o nella bocca con conseguente gonfiore. Può essere il risultato di una reazione allergica al cibo o anche di una puntura di insetti. La reazione anafilattica o lo shock è molto pericoloso e richiede un trattamento medico di emergenza;
  • Genetica: il labbro leporino o il palato leporino è un tratto congenito che colpisce il tetto della bocca; anche un’ugola allungata può essere un distintivo tratto ereditario. Anche se non può gonfiarsi, può causare sintomi simili a causa delle dimensioni.

Un’ugola gonfia può anche essere causata da:

  • bocca secca;
  • lesioni all’ugola o alla zona della gola;
  • riflusso acido.

Troppo fumo e alcool possono altresì condurre a irritazione della bocca, che a sua volta può provocare l’uvulite, così come l’inalazione di sostanze chimiche.  Alcune persone possono avvertire un certo gonfiore nell’ugola dopo l’intervento chirurgico: l’anestesia generale può causare irritazione e gonfiore dell’ugola.

Palatoschisi, malformazione del palato

Cura

I casi lievi di uvulite possono spesso essere trattati a casa. Ci sono infatti alcuni rimedi domestici che possono essere utilizzati per trattare il problema, come:

  • Bere molta acqua può aiutare l’uvulite, poiché il gonfiore potrebbe essere causato dalla disidratazione o dalla secchezza delle fauci;
  • Le pastiglie per la gola come le gocce per la tosse all’eucalipto o lo spray per la gola possono aiutare ad intorpidire il dolore;
  • Tè caldo e miele, o solo miele e acqua calda, possono aiutare a lenire il mal di gola;
  • Masticare dei cubetti di ghiaccio può essere utile per ridurre il gonfiore;
  • Riposo abbondante.

Se i sintomi non sembrano migliorare, o peggiorano anche dopo i rimedi casalinghi, è importante che il paziente si rechi subito da un medico. Per aiutare a individuare la causa esatta, è possibile effettuare test di imaging o, se il medico ritiene che il gonfiore dell’ugola possa essere dovuto ad un’infezione di qualche tipo, l’effettuazione di tamponi per la gola o prelievi di sangue.

Chiunque riscontri uno dei seguenti sintomi deve consultare immediatamente un medico:

  • grave difficoltà di deglutizione;
  • disidratazione;
  • difficoltà respiratorie;
  • sangue, pus o altro drenaggio dall’ugola;
  • dolore ingestibile;
  • febbre e mal di stomaco;
  • voce che diventa ovattata.

Detto ciò, i medici di solito prescrivono un antibiotico se si tratta di un’infezione batterica. Gli steroidi possono anche aiutare a ridurre il gonfiore, il dolore e il rossore. In caso di reazione allergica, un antistaminico può essere usato per ridurre il prurito e aiutare a respirare.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella. Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia