Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Vitamina D, i capelli ci possono dire se abbiamo carenza

I capelli e il loro stato di salute ci possono fornire alcune utili indicazioni per manifestare se stiamo o meno soffrendo di carenza di vitamina D.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Viviana Pisaniello

Come noto, la vitamina D è elemento necessario per mantenere sani i muscoli, le ossa e i denti. La conseguenza è che se non si dispone di abbastanza vitamina D dalla propria dieta alimentare, è difficile regolare la quantità di calcio o fosfato nel corpo. Una grave carenza di vitamina D può anche portare ad altre complicazioni, come deformità, rachitismo o osteomalacia.

Ebbene, fermo restando che monitorare i livelli di vitamina D nel corpo è particolarmente importante, c’è una piccola ma importante spia che ci può aiutare nel comprendere se siamo o meno a rischio carenza.

Stando al centro di caduta dei capelli Wimpole Clinic, infatti, le persone che sperimentano la caduta dei capelli hanno maggiori probabilità di essere altresì carenti di vitamina D rispetto ad altri.

Secondo gli esperti, infatti, la vitamina D è (anche) usata dal corpo per aiutare a sviluppare un corretto ciclo di crescita dei capelli. Sebbene gli stessi esperti ammettano la necessità di procedere a nuove ricerche in questo campo, sarebbe comunque opportuno assicurarsi di avere abbastanza vitamina D nella propria dieta.

“Ci sono numerosi studi sugli effetti della vitamina D sulla nostra salute generale, e in particolare sul ruolo vitale che svolge nella salute delle ossa e nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e del diabete. Tuttavia, studi recenti hanno anche trovato un legame tra la vitamina D e la caduta dei capelli, vale a dire se una carenza di vitamina D possa effettivamente causare la caduta dei capelli – afferma la nota del centro – Lo studio più recente ha esaminato donne con perdita di capelli, indicando che quelle che soffrono di perdita di capelli avevano livelli di vitamina D molto più bassi del normale”.

Oltre a ciò, gli esperti sottolineano come l’aumento della caduta dei capelli e la gravità della situazione abbiano causato un’ulteriore diminuzione dei livelli di vitamina D.

È noto altresì che la vitamina D “lavora” insieme ad una serie di diverse vitamine e minerali, tra cui ferro, vitamina C e biotina, vitali nel ciclo di crescita dei capelli: ottenere una migliore comprensione di tutti questi elementi getterà più luce nella connessione.

Oltre alla perdita dei capelli, altri sintomi comuni di carenza di vitamina D includono una sensazione di affaticamento e di sudorazione eccessiva.

Il modo migliore per evitare una carenza è trascorrere tra i 20 e i 30 minuti sotto la luce diretta del sole, ma quando questo non è possibile, come durante i mesi invernali, è bene valutare con il proprio medico la possibilità di assumere integratori di vitamina D da settembre a marzo.