Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Yoga della risata: cos’è e proprietà benefiche

Hai mai sentito parlare dello yoga della risata? Si tratta di una particolare tecnica che sta trovando sempre più “seguaci” anche in Italia, e che – come potrai ben immaginare – si contraddistingue per la sua “ilarità.

Lo yoga della risata si caratterizza infatti per essere una tecnica piuttosto curiosa, stravagante ed eccentrica, che però sta prendendo piede in tutto il mondo con particolare convinzione ed entusiasmo, trascinando anche i più scettici alla scoperta dei suoi vantaggi, che tra breve avremo modo di esaminare pur brevemente.

Come puoi ben immaginare, questa tecnica è un particolare e unico sistema che ha come obiettivo quello di far ridere le persone senza un motivo ben preciso, sprigionando tutti i vantaggi che questa condizione può riservarti. Guai, però,  a pensare che si tratti di una pratica poco “seria”: la denominazione di yoga della risata deriva infatti dal fatto che questa disciplina prevede anche degli esercizi iniziali di respirazione ripresi proprio dallo yoga, che vengono tuttavia poi combinati con degli esercizi di risata.

Il risultato è ben apprezzabile: agita in maniera corretta, questa tecnica consente di incrementare le riserve d’ossigeno all’interno dell’organismo e, in modo particolare, nel cervello, garantendo così al soggetto che si rende protagonista di questa tecnica un benessere notevole e subito verificabile.

Cos’è lo Yoga della risata

Come abbiamo già avuto modo di ricordarti, guai a pensare che questa disciplina non sia comunque basata su elementi di oggettiva credibilità.

Cos’è lo Yoga della risata

Lo yoga della risata si fonda infatti su un dato scientifico da tempo noto e sperimentato, ovvero quello secondo cui l’organismo umano non riesce ad avvertire la distinzione tra una risata reale e una che, invece, è stata provocata in modo volontario.

Da quanto sopra ne risulta che gli effetti positivi che possono essere prodotti anche attraverso le risate indotte in modo volontario, sono praticamente gli stessi sia dal punto di vista psicologico che sotto il profilo fisiologico.

Ad approfondire tale questa conclusione è stato poi un medico indiano, il dott. Madan Kataria, che ha scelto di formalizzare il tutto in una nuova disciplina, chiamata “yoga della risata”, praticata per la prima volta in un parco di Mumbai, in India.

Da quel momento sperimentale in poi lo yoga della risata ha dimostrato un’invidiabile diffusione e longevità. Tanto che oggi ci sono club della risata in più di 65 Paesi in tutto il Pianeta, con la finalità principale e primaria di diffondere benessere e influssi positivi per chi lo pratica, donne e uomini, giovani e anziani.

Insomma, se anche da noi si dice che “ridere fa buon sangue” e che “ridere è la miglior medicina”, qualche motivo ci sarà!

Com’è nato lo yoga della risata

Ma cerchiamo di approfondire in che modo è nata questa particolarissima disciplina. Come in parte abbiamo già avuto modo di ricordare, l’invenzione dello yoga della risata si deve al dott. Madan Kataria e risale al 1995.

L’obiettivo del medico indiano era quello di far nascere una sorta di “club della risata” che potesse condividere tra tutti i benefici della risata. Nonostante, almeno inizialmente, la cosa non fosse stata interpretata con particolare credibilità, ed era invece vista con molto scetticismo… il progetto in pochi mesi cominciò a prendere sempre più piede, e non solo nella città originaria.

Com’è nato lo yoga della risata

A partecipare alle iniziative benefiche che poggiavano le proprie fondamenta sulla risata non erano solamente uomini sulla quarantina. Pian piano si aggiunsero anche donne e bambini, ciascuno dei quali doveva raccontare una storia divertente per poter rallegrare gli altri. Ben presto, però, si cominciò a provare a capire come poter ridere anche senza raccontare delle barzellette. Crebbe così la consapevolezza che i vantaggi per la persona sarebbero comunque stati gli stessi, sia in caso di risata involontaria che di risata volontaria.

Aiutare a ridere

Partendo da ciò, il dott. Kataria cercò di ideare un sistema che potesse dare una mano alle persone a ridere, vincendo anche la propria timidezza. Ogni sessione della risata, quindi, cominciava con uno specifico esercizio di respirazione: le braccia dovevano essere allungate verso il cielo (ovvero la posizione migliore per ridurre al minimo qualsiasi inibizione), inspirando in modo profondo e poi buttando fuori l’aria.

Questo esercizio permette di incrementare la capacità dei polmoni di garantire adeguato sostegno alla risata. Si tratta inoltre di un’attività da svolgersi prima delle successive, con una serie di esercizi di vocalizzazione sempre più intensi. Ciascun esercizio di vocalizzazione aveva come scopo quello di creare un movimento del tutto ritmico del diaframma e dei muscoli dell’addome. In questo modo, è possibile migliorare l’inspirazione per favorire la risata.

Perché fare lo yoga della risata

Effetti benefici dello yoga

Tra le basi dello yoga della risata c’è innanzitutto quello di ridere di continuo per almeno 10 – 15 minuti. Stando alle dimostrazioni scientifiche infatti, solo con questa estensione è possibile ottenere risultati di rilievo.

La risata naturale, infatti, dura solo qualche secondo e non è in grado di garantire dei miglioramenti sotto il profilo fisiologico e psicologico del corpo. Per garantire invece il massimo beneficio possibile la risata non solamente deve essere prolungata. E’ infatti richiesto che sia il più forte e la più intensa possibile, oltre ad arrivare direttamente dal diaframma (insomma, una sorta di risata di pancia!).

La risata naturale che invece proviamo quotidianamente è limitata a pochissime azioni e situazioni, e sono ben poche le motivazioni che portano a questa condizione. All’interno del club della risata, quindi, ciascuna risata è voluta ed è frutto dell’impegno che viene messo da ogni partecipante al progetto. Ciò permette di ottenere degli influssi positivi sulla salute: provare per credere!

Effetti benefici dello yoga della risata

Gli effetti benefici sulla salute del soggetto sono essenzialmente due. Da una parte la prevenzione di malattie per chi è sano e dall’altra una guarigione più rapida per chi soffre di qualche patologia. All’interno della vita quotidiana, l’umore gioca un ruolo decisivo e, di conseguenza, lo yoga della risata provoca un cambiamento positivo, andando a rilasciare le endorfine, ovvero l’ormone della felicità.

Chiaramente gli effetti benefici si ripercuotono anche sulla vita lavorativa, riducendo lo stress e incrementando le riserve d’ossigeno. Inoltre, la risata può tornare anche molto utile per superare le sfide che ogni giorno le persone devono superare. Aiuta infatti sia la calma che la concentrazione, permettendo di conservare più a lungo anche la pazienza.