Crampi ai piedi: cosa sono e come curarli

I crampi ai piedi non sono altro che delle contrazioni improvvise e piuttosto intense dei vari muscoli che sono presenti nel piede. Spesso il dolore è particolarmente acuto e i punti in cui si concentra maggiormente corrispondono all’arco interno e le dita. Il dolore varia da qualche secondo a diversi minuti. Sia le gambe che i piedi sono le parti del corpo che più spesso devono affrontare il problema dei crampi.

Le diverse e possibili cause

I crampi che colpiscono i piedi e le gambe possono essere provocati da un gran numero di aspetti. Tra gli altri fattori scatenanti troviamo la stanchezza e delle lacune a livello nutrizionale. In alcuni casi i crampi ai piedi colpiscono le persone durante il giorno, mentre altre volte si manifestano durante la notte. In determinate occasioni, il dolore è tale da svegliare il soggetto mentre dorme. Quindi, lo stress gioca un ruolo molto importante, così come una circolazione del sangue che non funziona nel modo corretto. Ad esempio, in qualche caso i crampi vengono provocati da un eccessivo tempo trascorso in piedi, sopratutto nel momento in cui la superficie è piuttosto irregolare e poco comoda.

La cattiva circolazione del sangue è in grado di incidere, visto che abbassa l’apporto di ossigeno e ciò provoca i crampi ai muscoli che si trovano nei piedi.  In altre occasioni, questa tipologia di crampi può essere causata da disidratazione oppure una mancanza dei minerali fondamentali. Nello specifico, si tratta della bassa concentrazione di potassio o la mancanza di calcio o della vitamina D. I crampi ai piedi possono anche essere legati a delle problematiche elettrolitiche per colpa della sudorazione eccessiva.

i crampi ai piedi colpiscono le persone durante il giorno

Anche un consumo eccessivo di alcol e tabacco può portare a crampi ai muscoli dei piedi, senza dimenticare pure la tendinite, fascite plantare, inquinamento ambientale, l’uso di scarpe particolarmente scomode, la forma piatta dei piedi e delle problematiche a livello ormonale. In altri casi, questi disturbi sono legati a delle patologie più gravi, come ad esempio il morbo di Parkinson, la sclerosi multipla o il diabete.

Quali sono i sintomi principali

Il dolore può avere un’intensità differente in base al soggetto che ne soffre, esattamente come nei crampi allo stomaco, così come la durata può essere variabile, a partire da qualche secondo fino a diversi minuti. Il principale sintomo è quello relativo ai muscoli del piede, che si presentano estremamente tesi e danno una sensazione notevole di contrazione.

I soggetti più colpiti dai crampi ai piedi

I soggetti più colpiti dai crampi ai piedi

I crampi ai piedi colpiscono più spesso le persone anziane e gli atleti. In alcuni casi, tuttavia, possono presentarsi in soggetti molto giovani e pure nei bambini. Per quanto riguarda gli atleti, esattamente come per i crampi ai polpacci, la causa deriva da uno stress muscolare troppo alto, mentre negli anziani sono la poca attività fisica e un affaticamento muscolare che portano a questo problema.

I rimedi più diffusi

Nella maggior parte dei casi, il dolore provocato da questi crampi può essere attenuato con dei rimedi naturali. Se si tratta di un’attività fisica ad averli provocati, la prima cosa da fare è proprio quella di interromperla immediatamente. Il passo successivo è quello di rimanere seduti oppure stendersi, cercando di privilegiare sempre delle posizioni confortevoli. Una volta seduti o stesi, si può cercare di tirare, sempre in modo lento e molto controllato, il muscolo. Si può provare a massaggiare per qualche minuto il piede, permettendo al muscolo di ottenere un rilassamento e, di conseguenza, eliminare in tutto o in parte il dolore. Un altro sistema per rilassare la muscolatura del piede è quello di flettere le dita del piede, verso l’alto e verso il basso. Il bendaggio caldo sul piede è un altro sistema utile per provare a rendere meno intenso il dolore. Anche bagno o doccia caldi sono altrettanto utile per ottenere sempre l’obiettivo finale del rilassamento.

Nel caso in cui i dolori siano piuttosto lancinanti, c’è la possibilità di assumere un antidolorifico, ma ricordatevi di chiedere sempre prima il parere del vostro medico. Per chi fa attività sportive e spesso soffre di crampi ai piedi proprio in loro conseguenza, il consiglio è quello di compiere costantemente degli esercizi di stretching, ma anche degli allenamenti per poter rendere più forte l’intera muscolatura. Anche la dieta alimentare, sotto questo punto di vista, può essere utile per prevenire l’insorgere di crampi ai piedi.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella.
Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia

Change privacy settings