Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Esercizio fisico dopo il parto, come comportarsi?

Si può tornare subito all’esercizio fisico dopo il parto? Quali regole bisognerebbe rispettare per evitare sgradite conseguenze?

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Viviana Pisaniello

Anche dopo che il proprio medico ha autorizzato a fare esercizio fisico, molte donne dopo il parto sono piuttosto confuse su se e come tornare in modo sicuro alla forma fisica precedente il lieto evento. Ma come fare?

Innanzitutto, non c’è una regola che valga la pena per tutte. Quel che è certo è che è molto importante valutare prima, durante e dopo il parto il proprio livello di forma fisica e i propri obiettivi successivi. Alcune donne vogliono semplicemente “sentirsi in forma” (qualsiasi cosa voglia dire), mentre altre vogliono riprendere in tempi rapidi a effettuare degli sforzi fisici più intensi.

Un buon punto di partenza dovrebbe tuttavia essere quello di valutare, insieme a uno specialista, quali sono gli effetti sul corpo dei movimenti di cui hanno bisogno per completare gli esercizi che desiderano fare, sia che si tratti di attività aerobica o di allenamento della forza”. Insomma, ogni donna dovrebbe poter ottenere dal proprio staff di assistenza gli strumenti di cui ha bisogno per migliorare e non normalizzare le condizioni dopo il parto.

Per quanto concerne poi le principali raccomandazioni che potrebbero valere per un’ampia platea di destinatarie, è importante ricordare come una donna dovrebbe assicurarsi con il proprio medico che non vi siano rischi di emorragia post parto, e che qualsiasi lacerazione determinata dall’evento sia guarita, prima ancora di pensare a riprendere l’esercizio fisico. Questo arco temporale di massima sicurezza dipende dalle condizioni della donna e da cosa è avvenuto durante il parto, e può variare da 10 giorni a sei settimane, in alcuni casi.

Nel caso di parto cesareo, è inoltre opportuno cercare di aspettare la completa guarigione dell’incisione e l’assenza di dolore addominale: l’arco temporale di attesa è in questo caso maggiore, e richiede generalmente da sei a otto settimane.

Detto ciò, un buon punto di partenza per la ricostruzione dei muscoli tesi e indeboliti è quello di concentrarsi su esercizi di rafforzamento del nucleo. Si tratta dunque di esercizi che dovrebbero enfatizzare i muscoli del nucleo profondo – quelli dell’addome e della schiena – e i muscoli del pavimento pelvico, come le inclinazioni pelviche e i ponti dell’anca.

Per l’attività aerobica, è infine consigliabile iniziare il proprio percorso di “ripresa” con esercizi a basso impatto, come camminare, che in caso di bel tempo può peraltro essere fatto facilmente con un neonato, oppure farsi seguire per un allenamento ellittico o con una sessione non particolarmente intensiva e stressante di nuoto.