Come vengono e come si curano i grani di miglio

I grani di miglio sono quei puntini bianchi antiestetici che si presentano sotto la cute, tendenzialmente sul viso, dove si trovano le ghiandole sebacee.

Spesso sono le donne a soffrire di questo inestetismo che si presenta sul volto nella zona T, ovvero fronte, naso e mento, anche se possono comparire anche intorno agli occhi. A causare la formazione di questi “punti bianchi” è l’accumulo di cheratina che si trova nei follicoli, ed è presente anche nelle unghie e nei capelli. Spesso questa cheratina viene alimentata dall’impiego di prodotti per la pulizia del viso, oppure make up di scarsa qualità, abrasioni da ceretta e frequenti sbalzi di temperatura.

I grani di miglio tendono a scomparire da soli oppure possono accompagnarci tutta la vita, ma si possono rimuovere con l’aiuto di operatori sanitari, mediante un sistema che non comporta nessun dolore e nessun rischio. Inizialmente per togliere i grani di miglio, è opportuno non utilizzare più la crema o il trattamento che li ha generati, e sostituirla con una esfoliante, quando questi inestetismi sono di piccole dimensioni, per non utilizzare sin da subito un trattamento più aggressivo.

I passaggi da svolgere sono semplicissimi: come prima cosa dove coprire la pelle con un panno bagnato e ben caldo, e successivamente applicare la crema esfoliante eseguendo dei movimenti rotatori molto delicati. Una volta terminato il trattamento, risciacquate la pelle e ripetetelo ogni 3 settimane, in maniera tale da favorire la caduta delle cisti.

Principali cause

Molti esperti dermatologi sono ancora oggi in disaccordo tra loro sulla formazioni dei grani di miglio, ma una causa che li accomuna esiste: inadeguata pulizia del viso post make up.

Non sempre le donne sanno quale sia il trattamento cosmetico giusto per la propria pelle, ed in questo modo, giorno dopo giorno, la pelle crea una sorta di difesa, manifestando i punti bianchi che fungono da campanello di allarme, comunicando così alla donna che qualcosa non va, nei suoi trattamenti quotidiani. Anche detergere il viso con prodotti molto aggressivi ed irritanti, possono alterare il rivestimento lipidico, fino alla formazione di inestetismi cutanei.

Attraverso studi recenti, è stato possibile affermare che la formazione dei grani di miglio potrebbe dipendere anche da uno sviluppo insufficiente delle ghiandole sebacee.

Ustioni, dermoabrasioni, cicatrici ed escoriazioni, possono influire sulla formazione dei grani di miglio nella pelle del viso.

Sappiamo che le donne sono amanti non solo del make up perfetto, ma nel periodo estivo anche dell’abbronzatura, e una esagerata esposizione ai raggi UV sia della luce solare, che di quella artificiale e delle lampade abbronzanti, possono causare la formazioni di questi inestetismi, specialmente quando sulla pelle non vengono applicate le creme protettive. Quando i grani di miglio si presentano nelle persone adulte, queste possono essere causate da problematiche più importanti, come la presenza di epidermolisi bollosa, lichen planus oppure porfiria.

Dopo una lunga cura farmacologica a base di corticosteroidi o dopo la radioterapia, è possibile la formazione dei grani di miglio.

Rimedi

Non vi sono dei rimedi veri e propri per contrastare la formazione dei grani di miglio, ma la cosa ideale da fare è una prevenzione accurata.

La pulizia del viso tramite prodotti delicati e naturali è il primo passo da compiere, stando sempre ben attenti alle componenti delle creme che non devono contenere siliconi, petrolati o altre sostanze che sono in gradi di ostruire i pori della pelle, impedendo in questa maniera la traspirazione.

Si può, ad esempio, utilizzare l’olio di argan al posto delle creme per dare lucentezza al viso, ed effettuare almeno una volta la settimana uno scrub esfoliante oppure un peeling a base di prodotti naturali. Un rimedio efficace che contrasta la formazione di questi inestetismi è l’eliminazione, dalla nostra dieta di tutti i giorni, di cibi dannosi contenenti elevate quantità di grassi, oppure dolciumi, snack salati e formaggi calorici, e lasciare il posto a frutta fresca e verdura di stagione, continuando ad idratare la pelle con il consumo abituale di tisane naturali ed acque aromatizzate.

Come abbiamo visto le cause della formazione dei grani di miglio sono moltissime, ma con la cura quotidiana della nostra pelle, eseguendo delle semplici azioni e applicando degli accorgimenti anche alimentari, possiamo fare in modo di evitare sia gli inestetismi, ma anche l’invecchiamento naturale. Una serie di abitudini coordinate, faranno sì che il nostro aspetto sia sempre giovanile, anche in età inoltrata.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella.
Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia

Change privacy settings