Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Melanoma: cause, fattori di rischio, segni e cura

Che cos’è il melanoma, quali sono i suoi principali elementi determinanti, i sintomi e le modalità per poterlo trattare precocemente.

Il melanoma è la forma più pericolosa di cancro della pelle, determinato quando un DNA non riparato alle cellule della pelle (causato anche da radiazioni ultraviolette da raggi solari o da lettini abbronzanti) innesca mutazioni (difetti genetici) che portano le cellule della pelle a moltiplicarsi rapidamente e formare tumori maligni.

Questi tumori hanno origine nei melanociti produttori di pigmenti nello strato basale dell’epidermide. I melanomi spesso vengono individuati con i nei: la maggior parte sono neri o marroni, ma possono anche essere di colore della pelle, rosa, rosso, viola, blu o bianco. Nel solo territorio statunitense, si stima che vengano diagnosticati circa 180 mila casi all’anno: di questi circa la metà saranno in situ (non invasivi), confinati all’epidermide (lo strato superiore della pelle), mentre l’altra metà saranno invasivi, penetrando nell’epidermide nel secondo strato della pelle (il derma).

Se il melanoma è riconosciuto e trattato precocemente, è quasi sempre curabile. Se non lo è, il cancro può avanzare e diffondersi in altre parti del corpo, dove diventa difficile da trattare e può essere fatale. Anche se non è il più comune dei cancri della pelle, provoca la maggior parte delle morti: sempre con riferimento alle statistiche elaborate negli USA, il melanoma uccide circa 9.320 persone ogni anno e, di questi, 5.909 sono uomini e 3.330 sono donne.

Segnali del melanoma

Segnali del melanoma

Nei, macchie brune e escrescenze sulla pelle sono in genere innocui, ma non sempre. Chiunque abbia più di 100 nei viene generalmente ritenuto a maggior rischio di melanoma.

I primi segni possono apparire in una o più manifestazioni di neo atipiche. Ed ecco perché è così importante conoscere la propria pelle molto bene e riconoscere eventuali cambiamenti sul proprio corpo. Ma quali sono i nei che bisognerebbe guardare con maggiore sospetto e consapevolezza?

Ecco le caratteristiche di potenziali anomalie:

  • Asimmetria: se disegnando una ipotetica linea al centro del neo, i due lati corrispondono, significa che il neo è simmetrico. Se invece si disegna una linea attraverso il neo, e le due metà non corrispondono, significa che è asimmetrico, denotando così un potenziale segnale di avvertimento per il melanoma.
  • Bordi: un neo benigno ha bordi lisci e uniformi, a differenza dei melanomi. I bordi di un melanoma precoce tendono ad essere irregolari, smerlati o dentellati.
  • Colore: la maggior parte dei nei benigni sono tutti di un colore omogeneo, spesso una singola sfumatura di marrone. Avere una varietà di colori nello stesso neo può essere un altro segnale di allarme. Potrebbe ad esempio apparire con diverse tonalità di marrone, marrone chiaro o nero. Un melanoma può anche diventare rosso, bianco o blu.
  • Diametro: i nei benigni di solito hanno un diametro inferiore a quello dei nei maligni. I melanomi hanno solitamente un diametro maggiore della gomma che si trova sulla punta della matita (6 mm), ma a volte possono essere più piccoli quando vengono rilevati per la prima volta.
  • Evoluzione: i nei comuni e benigni hanno lo stesso aspetto nel tempo. State dunque attenti quando un neo inizia a evolversi o cambia in qualsiasi modo. Quando un neo si sta evolvendo, consultate un medico dermatologo per opportuni approfondimenti. Qualsiasi cambiamento – in termini di dimensioni, forma, colore, spessore o altro tratto o qualsiasi nuovo sintomo come sanguinamento, prurito o formazione di croste – indica un potenziale pericolo.

Cause e fattori di rischio del melanoma

Tutti sono a rischio di melanoma, ma un aumento del rischio dipende da diversi fattori come:

Prevenzione del melanoma

Prevenzione del melanoma

È sempre raccomandabile l’uso di una crema solare con un forte fattore di protezione come parte integrante e importante del regime di protezione solare. Tuttavia, la protezione solare non è sufficiente.

Meglio dunque:

  • cercare l’ombra, in particolare tra le 10:00 e le 16:00;
  • non scottarsi;
  • evitare l’abbronzatura eccessiva e non usare lettini abbronzanti UV;
  • coprirsi con indumenti, compreso un cappello a tesa larga e occhiali da sole anti-UV;
  • utilizzare una protezione solare ad ampio spettro (UVA / UVB) con un SPF di 15 o superiore ogni giorno. Per attività estese all’aria aperta, utilizzare una protezione solare resistente all’acqua e ad ampio spettro (UVA / UVB) con un SPF di 30 o superiore;
  • applicare della crema solare su tutto il corpo 30 minuti prima di uscire. Riapplicare ogni due ore o immediatamente dopo il nuoto o un’eccessiva sudorazione;
  • tenere i neonati lontano dal sole. I filtri solari dovrebbero essere usati sui bambini di età superiore ai sei mesi;
  • esamina attentamente la propria pelle una volta al mese.
  • Consultare il proprio medico ogni anno per un esame della pelle professionale.

Come curare il melanoma

Il primo passo nel trattamento è la rimozione del melanoma, e il metodo standard per farlo è l’escissione chirurgica (ovvero, tagliandolo). La chirurgia ha fatto grandi progressi negli ultimi dieci anni e molto meno tessuto occorre rimuovere rispetto a quanto era consuetudine in passato. La chirurgia è dunque minore, più facile da tollerare e con cicatrice finale più piccola.

Introdotto ciò, nella maggior parte dei casi, l’intervento chirurgico per il melanoma può essere eseguito nello studio del medico o in regime ambulatoriale in anestesia locale. I punti di sutura rimangono sul posto per una o due settimane e alla maggior parte dei pazienti è consigliato di evitare l’esercizio fisico pesante durante questo periodo. Le cicatrici sono generalmente piccole e migliorano nel tempo.

Le scoloriture e le aree che sono depresse o sollevate dopo l’intervento chirurgico possono essere nascoste con cosmetici appositamente formulati per fornire il giusto mimetismo. Se il melanoma è più grande e richiede un intervento chirurgico più esteso, è possibile ottenere un aspetto estetico migliore con lembi di pelle vicina al tumore o con innesti di pelle prelevati da un’altra parte del corpo. Per l’innesto, la pelle viene rimossa da aree che sono normalmente o facilmente coperte con indumenti.

Peraltro, esiste ora una crescente tendenza verso l’esecuzione della biopsia del linfonodo sentinella e della chirurgia di rimozione del tumore allo stesso tempo, a condizione che il tumore abbia uno spessore di 1 mm o più. Quando le procedure vengono combinate in questo modo, al paziente viene risparmiata una visita extra.

L’escissione chirurgica viene anche chiamata resezione e i bordi dell’intera area escissa sono noti come margini. L’escissione chirurgica viene utilizzata per trattare tutti i tipi di cancro della pelle. Al suo meglio – dato un chirurgo esperto e un tumore piccolo e ben posizionato – offre risultati eccellenti sia dal punto di vista medico che estetico.

L’operazione inizierà con il medico che descriverà il tumore con una penna marcatrice. Verrà incluso un “margine di sicurezza” di tessuto dall’aspetto sano, poiché non è possibile determinare a occhio nudo quanto i filamenti microscopici di tumore possano essere estesi. Viene disegnata la linea di escissione estesa, in modo che la pelle possa essere cucita di nuovo insieme.

Il medico somministrerà quindi un anestetico locale e poi taglierà lungo le linee che sono state disegnate. L’intera procedura richiede circa trenta minuti per lesioni più piccole. Le ferite guariscono rapidamente, di solito in una settimana o due. La cicatrice dipende da molti fattori, tra cui il posizionamento del tumore e la cura del paziente della ferita dopo la procedura.

Il campione di tessuto verrà inviato ad un laboratorio, per vedere se uno qualsiasi dei “margini di sicurezza” è stato invaso dal cancro della pelle. Se questo è il caso, si presume che il cancro sia ancora presente e che sia necessario un ulteriore intervento chirurgico.

Nel recente approccio alla chirurgia, molte meno porzioni intorno al tumore sono rimosse, e i margini dunque sono molto più stretti di quanto non fossero mai stati prima. Ciò risparmia quantità significative di tessuto e riduce la necessità di una chirurgia ricostruttiva cosmetica postoperatoria.

Tipi di melanoma

Tipi di melanoma

I melanomi rientrano in quattro categorie di base. Tre di loro iniziano in situ – il che significa che occupano solo gli strati superiori della pelle – e talvolta diventano invasivi; il quarto è invasivo sin dall’inizio. I melanomi invasivi sono più gravi, poiché penetrano più in profondità nella pelle e possono essersi diffusi in altre parti del corpo.

La diffusione superficiale del melanoma è di gran lunga il tipo più comune, rappresentando circa il 70% di tutti i casi. È anche la manifestazione che si vede più spesso nei giovani. Come suggerisce il nome, questo melanoma cresce lungo lo strato superiore della pelle per un tempo abbastanza lungo prima di penetrare più profondamente.

Il primo segno è l’aspetto di una parte di pelle scolorita piatta o leggermente rialzata che presenta bordi irregolari ed è piuttosto asimmetrica nella forma. Il colore varia, tanto che potreste vedere aree di marrone chiaro, marrone, nero, rosso, blu o bianco. Questo tipo di melanoma può verificarsi su un neo precedentemente benigno. Il melanoma può essere trovato quasi ovunque sul corpo, ma è più probabile che si verifichi sul tronco negli uomini, nelle gambe nelle donne e nella parte superiore della schiena in entrambi.

La lentigo maligna è simile al tipo di diffusione superficiale, poiché rimane anche vicino alla superficie della pelle per un certo periodo di tempo e di solito si presenta come una decolorazione screziata o leggermente screziata di marrone chiaro, marrone o marrone scuro. Questo tipo di melanoma in situ si riscontra più frequentemente negli anziani, che si manifestano su pelle cronicamente esposta al sole e danneggiata su viso, orecchie, braccia e tronco superiore. Quando questo melanoma diventa invasivo, viene indicato come melanoma lentigo maligna.

Anche il melanoma lentiginoso acrale si diffonde superficialmente prima di penetrare più profondamente. È però abbastanza diverso dagli altri, apparendo come una decolorazione nera o marrone sotto le unghie o sulla pianta dei piedi o dei palmi delle mani. Questo tipo di melanoma si trova talvolta su persone dalla pelle scura e tende ad avanzare più spesso rispetto al melanoma e alla lentigo maligna che si diffondono superficialmente perché viene rilevato in seguito. È il melanoma più comune negli afro-americani e negli asiatici, e il meno comune tra i caucasici.

Il melanoma nodulare è solitamente invasivo già al momento della prima diagnosi. La malignità viene riconosciuta quando diventa una sorta di “bernoccolo”, nero, ma a volte blu, grigio, bianco, marrone, marrone chiaro, rosso o della stessa tonalità della pelle. Le posizioni più frequenti sono il tronco, le gambe e le braccia, principalmente di persone anziane, così come sul cuoio capelluto negli uomini. È il più aggressivo dei melanomi e si trova nel 10-15% dei casi.

Approfondimenti

Melanoma cutaneo: cosa è, come prevenirlo, come curarlo

Melanoma nodulare, il tumore maligno della pelle

Epiluminescenza: uno strumento preciso nella diagnosi del melanoma

Propanololo, il farmaco riesce a bloccare il melanoma