Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Muscoril fiale: cos’è, come funziona e come usarlo

Muscoril fiale è un farmaco che viene usato spesso per contrastare le lombosciatalgie, sia quelle acute che quelle croniche. Muscoril fiale è adatto a trattare anche le nevralgie cervico-brachiali, i torcicolli ricorrenti, le sindromi dolorose che seguono determinati interventi chirurgici o dei traumi. Al tempo stesso può essere molto utile anche nei casi spastici del morbo di Parkinson, della sindrome neurodislettica e di emiparesi. Nella maggior parte dei casi, la durata della terapia non deve superare i cinque giorni consecutivi, ma è importante seguire lo schema del trattamento che viene stabilito dal proprio medico.

Come funziona questo farmaco

Muscoril fiale è un complesso medicinale costituito dal principio attivo Tiocolchicoside. Quest’ultimo viene ricavato dal Colchicoside e si caratterizza per svolgere un’intensa attività miorilassante. L’obiettivo viene raggiunto con un’azione concentrata nel sistema nervoso centrale. Questo scopo viene ottenuto grazie al rapporto che si realizza tra il principio attivo di questo farmaco e i metaboliti attivi ai recettori GABAergici e Glicinergici. Muscoril fiale agisce su questi ultimi con un’azione antagonizzante. La soluzione iniettabile di questo farmaco si caratterizza per avere al suo interno una quantità di sodio per dose pari a meno di 1 mmol. In poche parole, si può definire “senza sodio”.

Come deve essere usato

Ovviamente deve essere il medico a stabilire il dosaggio di questo farmaco e le relative modalità di assunzione. Il tutto deve essere deciso sempre tenendo conto dello stato di salute del soggetto e di quanto siano gravi le sue condizioni. Nella maggior parte dei casi, il dosaggio consigliato è pari a due fiale al giorno per utilizzo intramuscolare. Tra ciascuna fiala bisogna mettere in conto almeno 12 ore di distanza. L’assunzione di Muscoril fiale non è consigliata per i bambini che hanno meno di 15 anni. Ricordiamo come si tratta di uno di quei farmaci che si possono assumere solo dietro prescrizione medica, che è obbligatoria.

Avvertenze

Ogni terapia con questo medicinale deve seguire una visita medica completa, che deve necessariamente prendere in considerazione ogni possibile controindicazione nel paziente. Particolare attenzione devono prestare tutti quei soggetti che sono soliti avere a che fare con disturbi come l’epilessia, perché questo farmaco potrebbe portare ad incrementare il pericolo di convulsioni. Medesima cautela deve essere prestata con soggetti che soffrono di patologie gastroenteriche, come la diarrea. In ogni caso, l’intera terapia deve essere attentamente seguita da parte di un medico, dal momento che Muscoril fiale potrebbe portare ad un maggiore pericolo di sincope vaso-vagale. Ecco spiegata la ragione per cui dopo ogni somministrazione a livello intramuscolare è bene monitorare con attenzione le condizioni di salute del paziente. Quest’ultima è una peculiarità solamente della versione del farmaco che viene somministrata a livello intramuscolare, mentre le compresse e le capsule presentano altre possibili controindicazioni. Muscoril fiale è altresì sconsigliato in tutti quei soggetti che soffrono di paralisi flaccida, ma anche ipotonia muscolare. L’assunzione di questo farmaco è da evitare in tutti quei soggetti che hanno un’ipersensibilità nei confronti del principio attivo Tiocolchicoside.

Cosa fare durante la gravidanza e l’allattamento

Per il momento non sono stati eseguite delle prove cliniche che garantiscono la massima sicurezza per il feto e il lattante con l’impiego di questo farmaco. Per il momento ci sono solamente delle evidenze sperimentali, che hanno svelato come ci sia la possibilità che il principio attivo possa essere tossico. Ecco spiegato il motivo per cui è sconsigliato l’uso di Muscoril fiale sia nel corso della gravidanza che durante l’allattamento. Nel primo caso è meglio evitarlo soprattutto nelle donne in età fertile che non impiegano alcun tipo di contraccettivo, mentre nel secondo caso perché il tiocolchicoside è secreto all’interno del latte materno.

Quali sono i possibili effetti collaterali

L’impiego di Muscoril fiale, nella maggior parte dei casi, non presenta effetti indesiderati degni di nota, dato che viene tollerato molto bene. In alcuni casi, con dei soggetti che hanno già una certa predisposizione ad avere disturbi gastroenterici, si potrebbero manifestare degli effetti collaterali come vomito, diarrea, sensazione di nausea, sonnolenza ed altre reazioni causate dall’ipersensibilità al principio attivo. Per il momento non esistono degli studi che riguardano l’influenza di Muscoril fiale sulla capacità di guidare qualsiasi tipo di vettura o macchinario. Proprio perché induce sonnolenza, però, è bene considerarne l’impiego prima di mettersi alla guida.