Pelo incarnito all’inguine: cause, rimedi e prevenzione

323
Pelo incarnito all’inguine

Il pelo incarnito all’inguine è, quindi, un pelo inguinale che, non avendo potuto crescere verso l’esterno della pelle ne è cresciuto all’interno, sotto lo strato più esterno. A volte esso riesce anche a farsi strada verso l’esterno ma poi si piega e vi rientra.

Un pelo incarnito all’inguine non è un grave problema, più che altro costituisce un inestetismo e può diventare anche fastidioso.

Come si presenta un pelo incarnito all’inguine?

Il pelo incarnito all’inguine provoca un’irritazione cutanea e genera una bolla di piccole dimensioni e di colore rossastro, dall’aspetto di un brufolo. In alcune situazioni può generare una vescica che può anche essere dolorosa,

Il pelo incarnito può comparire in qualsiasi area della cute dove siano presenti peli, ed infatti nell’uomo, ad esempio, non sono infrequenti sulla zono del collo, delle guance o del mento dopo una rasatura. Nella donna, invece, la zona pubica e quella inguinale sono quelle dove più frequentemente fa la sua comparsa.

Cause del pelo incarnito all’inguine

Cause del pelo incarnito all’inguine

Un pelo incarnito all’inguine spesso deve la sua comparsa ad una rasatura: in estate soprattutto, ma non solo, le donne sono use depilarsi a fondo nella zona inguinale per evitare l’inestetismo dei peli resi visibili da costumi da bagno ridotti o, comunque, molto sgambati, per cui l’inguine è una delle zone dove più frequentemente si presenta il problema del pelo incarnito. Altre zone, come le gambe e le ascelle, anch’esse soggette a rasatura, possono essere aree cutanee in cui il problema si presenta con discreta frequenza.

Il pelo, una volta rasato, presenta un margine più tagliente che riesce con facilità a far rientro nella cute.

Per la depilazione, di conseguenza, si consiglia l’uso delle cerette perché estirpando il pelo alla radice, evitano il problema del margine tagliente. Le altre rasature, anche quelle condotte con strumenti in commercio, possono ingenerare l’inestetismo.

Ad un’osservazione superficiale il pelo incarnito all’inguine può apparire un semplice brufolo, ma, ad un’osservazione più attenta, si riesce ad intravvedere il pelo cresciuto sotto cute. Le bolle o le vesciche che si formano possono anche riempirsi di pus.

Sintomatologia del pelo incarnito inguinale

  • Prurito cutaneo nella zona inguinale;
  • Dolore alla pelle;
  • Macchiette iperpigmentate sulla pelle;
  • Piccole escrescenze simili ad una vescica piena di pus (pustole);
  • Piccole escrescenze rotonde e solide (papule);
  • Visualizzare un pelo intrappolato sottocute.

Complicazioni del pelo incarnito all’inguine

Un pelo incarnito cronicizzato può essere all’origine di:

  • Cicatrice permanente;
  • Infezioni batteriche (dovute ai graffi);
  • Iperpigmentazione cutanea.

E se riscontriamo molte vescicole ripiene di pus?

Il follicolo pilifero del pelo incarnito inguinale può andare incontro ad infezione, oppure ad infiammazione e, in ogni caso, può riempirsi di pus, dando così origine alla follicolite, pur non indicando la presenza di pus necessariamente un’infezione.

Casi meno gravi di follicolite vanno incontro a risoluzione spontanea, può essere indicato evitare di rasare la zona per alcuni giorni, in attesa della scomparsa dell’infiammazione. Tamponare l’area interessata con antisettici quali, ad esempio, il tea tree oil, può essere d’aiuto.

Le cisti inguinali da pelo incarnito

Complicazioni del pelo incarnito all’inguine

La ciste inguinale da pelo incarnito è tecnicamente conosciuta come ciste pilonidale e rappresenta un notevole fastidio. Allo sguardo si presenta come una ciste solitaria contenente del liquido, non necessariamente aggravata anche da un’infezione. Ha l’aspetto di una macchia piccolina o addirittura di un piccolo punto rossastro sottocutaneo. In alcuni casi non è impossibile scorgere la punta del pelo sotto cute.

In altri casi può, invece, essere presente anche l’infezione e l’area piena di pus. In questo caso siamo in presenza di un ascesso pilonidale. Se l’infezione si estende si possono generare anche altri ascessi e crearsi anche dei buchi nella pelle.

In altri casi, l’area può essere infetta e piena di pus. Tale condizione è conosciuta come ascesso pilonidale. Nelle situazioni più gravi, l’infezione si può diffondere creando più di un ascesso. Questo può causare anche un foro nella pelle.

Diagnosi del pelo incarnito all’inguine

Quando siamo in presenza dei sintomi sopra riportati, è bene rivolgersi ad uno specialista che, in questo caso, è il dermatologo. Altri disturbi possono essere confusi per pelo incarnito all’inguine, ad esempio una cheratosi pilare, un’acne ma anche cisti ed ascessi, delle psoriasi, le impetigini ed anche le semplici sudamine (infiammazioni causate dal sudore). Quindi è necessario che sia lo specialista ad effettuare la diagnosi.

Esistono rimedi naturali per questo problema?

Certo, ad esempio radersi nella direzione di crescita dei peli inguinali, oppure diradare nel tempo le rasature o anche avere la mano “più leggera” durante la rasatura.