Psoriasi: cosa è, perché compare e come trattarla

100
Psoriasi

La psoriasi è una condizione della pelle piuttosto diffusa, che è caratterizzata per l’accelerazione del ciclo di vita delle cellule della pelle. La conseguenza è che le cellule si accumulano rapidamente sulla superficie della pelle, formando squame e macchie rosse pruriginose, e talvolta dolorose.

La psoriasi è una malattia cronica, i cui sintomi spesso oscillano in misura notevole nel corso della vita di un paziente, con la conseguenza che quest’ultimo affronterà periodi in cui le macchie e le squame sono molto visibili, e altri in cui invece sono assenti (o quasi). L’obiettivo principale del trattamento è – intuibilmente – quello di impedire alle cellule della pelle di crescere così rapidamente.

Ad ogni modo, è bene premettere – fin da questa sede introduttiva – che non esiste una cura specifica per la psoriasi, ma si possono comunque gestire i sintomi. Un migliore stile di vita, idratazione, smettere di fumare e gestire lo stress, possono aiutare a contenere i pregiudizi di questa condizione medica.

Sintomi della psoriasi

Sintomi della psoriasi

I segni e i sintomi della psoriasi sono diversi per singolo paziente, ma i più comuni includono:

  • macchie rosse ricoperte da scaglie argentate;
  • piccoli punti di ridimensionamento (comuni soprattutto nei bambini);
  • pelle secca e screpolata che può sanguinare;
  • prurito, bruciore o dolore;
  • unghie ispessite, denocciolate o increspate;
  • giunti rigonfi e rigidi.

La maggior parte dei tipi di psoriasi attraversano cicli, con la conseguenza che la condizione peggiora per alcune settimane o mesi, per poi abbassarsi o scomparire per un certo periodo.

Diversi tipi di psoriasi

Esistono diversi tipi di psoriasi. Questi includono:

  • Psoriasi a placche. La forma più comune, la psoriasi a placche causa lesioni cutanee (placche) secche, sollevate, coperte da scaglie argentee. Le placche potrebbero essere pruriginose o dolorose e potrebbero apparire sulla pelle del paziente in misura ridotta o numerosa. Possono verificarsi in qualsiasi parte del corpo, compresi i genitali e nel tessuto molle all’interno della bocca.
  • Psoriasi ungueale. La psoriasi può colpire le unghie delle mani e dei piedi, causando pitting, crescita anormale delle unghie e scolorimento. Le unghie psoriasiche possono allentarsi e separarsi dal letto ungueale. I casi gravi possono causare la sbriciolatura dell’unghia.
  • Psoriasi guttata. Questo tipo colpisce principalmente giovani adulti e bambini. Di solito è provocata da un’infezione batterica come il mal di gola. E ‘caratterizzato da piccole lesioni a goccia d’acqua sul tronco, braccia, gambe e cuoio capelluto. Le lesioni sono coperte da uno strato molto fine e non sono spesse quanto le placche tipiche. Si potrebbe andare incontro a un singolo focolaio che va via da solo, oppure si potrebbe andare incontro a ripetuti episodi.
  • Psoriasi inversa. Colpisce principalmente la pelle sotto le ascelle, all’inguine, sotto il seno e attorno ai genitali. La psoriasi inversa causa chiazze lisce sulla pelle arrossata e infiammata che peggiora con l’attrito e la sudorazione. Le infezioni fungine possono scatenare questo tipo di psoriasi.
  • Psoriasi pustolosa. Questa rara forma di psoriasi può verificarsi in zone diffuse del corpo o in aree più piccole come mani, piedi o polpastrelli. In genere si sviluppa rapidamente, con vesciche piene di pus che appaiono poche ore dopo che la pelle diventa rossa e morbida al tatto. Le vesciche possono comparire e scomparire frequentemente, e possono essere accompagnate da febbre, brividi, forte prurito e diarrea.
  • Psoriasi eritrodermica. Il tipo meno comune di psoriasi, la psoriasi eritrodermica può coprire l’intero corpo con una eruzione cutanea rossa, che può generare prurito o bruciore intenso.
  • Artrite psoriasica. Oltre alla pelle infiammata e squamosa, l’artrite psoriasica causa articolazioni gonfie e dolorose tipiche dell’artrite. A volte i sintomi articolari sono la prima o unica manifestazione della psoriasi o, a volte, si osservano solo i cambiamenti delle unghie. I sintomi vanno da lievi a gravi e l’artrite psoriasica può colpire qualsiasi articolazione. Sebbene la malattia di solito non sia paralizzante come altre forme di artrite, può causare rigidità e danni articolari progressivi che nella maggior parte dei casi possono portare a deformità permanenti.

Cause della psoriasi

Cause della psoriasi

La causa della psoriasi non è completamente conosciuta, ma si pensa che sia correlata a un problema del sistema immunitario con le cellule T e altri globuli bianchi, chiamati neutrofili, nel corpo dei pazienti.

Le cellule T “viaggiano” normalmente attraverso il corpo per difendersi da sostanze estranee, come virus o batteri. Ma, in caso di psoriasi, le cellule T attaccano per errore le cellule della pelle, come se dovessero curare una ferita o combattere un’infezione.

Le cellule T iperattive attivano anche una maggiore produzione di cellule della pelle sane, più cellule T e altri globuli bianchi, in particolare neutrofili, che “viaggiano” anch’essi nella pelle causando arrossamento e talvolta pus nelle lesioni pustolose. I vasi sanguigni dilatati nelle zone colpite da psoriasi creano calore e arrossamento delle lesioni cutanee.

Il processo diventa purtroppo un ciclo continuo: le nuove cellule della pelle si spostano troppo rapidamente nello strato più esterno della stessa, impiegando giorni invece che settimane. Le cellule della pelle si accumulano così in macchie spesse e squamose sulla superficie, continuando fino a quando il trattamento non arresta il ciclo.

Non è del tutto chiaro cosa causi il malfunzionamento delle cellule T nelle persone affette da psoriasi. I ricercatori credono che sia la genetica sia i fattori ambientali giochino un ruolo importante.

Trigger della psoriasi: come “scatta” la malattia

La psoriasi inizia o peggiora in genere a causa di un “trigger” che potrebbe essere in grado di attivare la condizione. I fattori che possono scatenare la psoriasi includono:

  • infezioni, come infezioni da streptococco;
  • lesioni alla pelle, come un taglio o raschiatura, una puntura di insetto o una grave scottatura solare;
  • stress;
  • fumo;
  • consumo di alcool;
  • carenza di vitamina D;
  • alcuni farmaci – tra cui il litio, che è prescritto per il disturbo bipolare, i farmaci per l’alta pressione sanguigna come beta-bloccanti, farmaci antimalarici e ioduri.

Fattori di rischio della psoriasi

Chiunque può sviluppare la psoriasi, ma questi fattori possono aumentare il rischio di malattia:

  • storia famigliare. Questo è uno dei fattori di rischio più significativi. Avere un genitore con psoriasi aumenta il rischio di contrarre la malattia e avere due genitori con psoriasi aumenta ulteriormente il pericolo;
  • infezioni virali e batteriche. Le persone con HIV hanno maggiori probabilità di sviluppare la psoriasi rispetto alle persone con sistemi immunitari sani. Anche i bambini e i giovani adulti con infezioni ricorrenti, in particolare mal di gola, possono essere maggiormente a rischio;
  • stress. Poiché lo stress può influire sul sistema immunitario, alti livelli di stress possono aumentare il rischio di psoriasi;
  • obesità. L’eccesso di peso aumenta il rischio di psoriasi. Le lesioni (placche) associate a tutti i tipi di psoriasi si sviluppano spesso nelle pieghe e nelle pieghe della pelle;
  • fumo. Il tabacco da fumo non solo aumenta il rischio di psoriasi ma può anche aumentare la gravità della malattia. Il fumo può anche svolgere un ruolo nello sviluppo iniziale della malattia.

Complicazioni della psoriasi

Complicazioni della psoriasi

Se si ha la psoriasi, il paziente è maggiormente a rischio di conseguenze negative come:

  • artrite psoriasica. Questa complicanza della psoriasi può causare danni alle articolazioni e una perdita di funzionalità in alcune articolazioni, che può essere debilitante nel lungo termine;
  • condizioni oculari. Alcuni disturbi oculari – come congiuntivite, blefarite e uveite – sono più comuni nelle persone con psoriasi;
  • obesità. Le persone con psoriasi sono quelle che hanno maggiori probabilità di essere obesi. Non è chiaro come le malattie siano collegate;
  • diabete di tipo 2. Il rischio di diabete di tipo 2 nelle persone con psoriasi è maggiore;
  • alta pressione sanguigna;
  • malattia cardiovascolare. Per le persone affette da psoriasi, il rischio di malattie cardiovascolari è diverse volte più alto di quello dei pazienti senza malattia. La psoriasi e alcuni trattamenti aumentano anche il rischio di palpitazioni irregolari, ictus, colesterolo alto e aterosclerosi;
  • sindrome metabolica. Questo gruppo di condizioni – tra cui l’ipertensione, livelli elevati di insulina e livelli anormali di colesterolo – aumenta il rischio di malattie cardiache;
  • malattie autoimmuni. La celiachia, la sclerosi e la malattia infiammatoria intestinale chiamata malattia di Crohn hanno più probabilità di colpire le persone affette da psoriasi;
  • morbo di Parkinson. Questa condizione neuronica è più probabile che si verifichi nelle persone con psoriasi;
  • malattie renali. La psoriasi da moderata a grave è stata collegata a un più alto rischio di malattia renale;
  • problemi emotivi. La psoriasi può anche influenzare la qualità della vita. La psoriasi è associata a bassa autostima e depressione.

Trattare la psoriasi

I trattamenti per la psoriasi riducono l’infiammazione e liberano la pelle dall’eccesso di squame. Possono essere suddivisi in tre tipi principali: trattamenti topici, terapia della luce e farmaci sistemici.

Per quanto concerne i trattamenti topici, creme e unguenti applicati alla pelle possono trattare efficacemente la psoriasi da lieve a moderata. Quando la malattia è più grave, è probabile che le creme siano combinate con farmaci orali o con la fototerapia, o terapia della luce. I trattamenti per la psoriasi topici includono principalmente prodotti corticosteroidi e a base di vitamina D.

La fototerapia utilizza invece luce ultravioletta naturale o artificiale. La forma più semplice di fototerapia comporta l’esposizione della pelle a quantità controllate di luce solare naturale, ma esistono anche altre forme di terapia che includono l’uso di luce artificiale ultravioletta A (UVA) o ultravioletta B (UVB), da sola o in combinazione con farmaci.

Vi sono infine le cure farmaceutiche, generalmente riservate a psoriasi grave o resistente ad altri tipi di trattamento. In questo caso, il medico può prescrivere farmaci orali o da iniezione, all’interno di un trattamento sistemico. A causa di gravi effetti collaterali, alcuni di questi farmaci vengono utilizzati solo per brevi periodi e possono essere alternati con altre forme di trattamento.