Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Quanto costa rifarsi il naso? Brevi considerazioni su obbiettivi e costi

Prima di vedere insieme quanto costa rifarsi il naso, si rende necessaria una piccola disquisizione sulle motivazioni e sugli obbiettivi che ci si prefigge di raggiungere con la rinoplastica.

Facciamo una piccola digressione, citiamo parte del monologo emozionante di Agrado, personaggio di “Tutto su mia madre” del regista spagnolo Pedro Almodovar: “Una è realmente autentica quando riesce ad assomigliare tanto all’idea che lei stessa ha sognato per se”. Il personaggio del film è un transessuale il quale, per il tramite di più operazioni di chirurgia plastica riesce a diventare, almeno all’apparenza, una donna ed anche piacente.

Certo, siamo consci che il caso che abbiamo citato è una finzione e, in ogni caso, rappresenta un caso limite, però siamo anche consci del fatto che la frase dovrebbe essere il leit motiv della vita di ogni persona che desideri star bene con se stesso: cercare di essere quanto più possibile quello che per se stessi si sogna di essere, la proiezione della nostra immagine al di là di quello che siano nella realtà.

Da queste nostre parole si evincono quelli che noi riteniamo giusti tanto come motivazione che come obbiettivo di un intervento di rinoplastica: essere quello che si sogna per se, non un astratto concentrato di bellezza artificiale. Questo proposito più che nobile, però, fino ad alcuni anni fa era alla portata esclusivamente delle “tasche più piene”, dati i costi elevati di questo tipo di interventi chirurgici.

Quanto costa rifarsi il naso? Oggi certamente meno di ieri

Quanto costa rifarsi il naso? Oggi certamente meno di ieri

Per fortuna la situazione oggi è molto cambiata e i costi dei diversi interventi di chirurgia plastica, otoplastica, liposuzione, ed anche rinoplastica, si sono realmente ridotti di molto e, in taluni casi, rientrano nelle categorie di interventi pagati dalla Sanità Nazionale.

Capita assai sovente, infatti, che un setto nasale particolarmente deviato o fuori proporzioni, può ingenerare anche dei problemi respiratori, e in taluni casi anche gravi. I tipi di interventi di rinoplastica sono più di uno mentre le tecniche sono fondamentalmente due.

  1. La tecnica chiusa: il taglio chirurgico viene effettuato all’interno del naso;
  2. La tecnica aperta: l’incisione viene effettuata sulla columella, sotto il naso.

L’intervento, poi, può anche essere parziale o totale, a seconda che venga modificato tutto l’insieme del naso oppure se ne modifichi una o più parti, ma non tutto.

Ed ecco che arriviamo ai costi, preliminarmente a costi orientativi: una rinoplastica parziale può anche costare “solo” duemila euro, mentre se occorre una rinoplastica totale il costo può arrivare ed anche superare i quattro/cinquemila euro.

Ovviamente ad intervenire in modo sensibile sui costi dell’operazione sono anche la fama e l’esperienza dell’operatore, del chirurgo, la struttura di tipo ospedaliero (più tipicamente una clinica privata) presso la quale viene eseguita l’operazione, un eventuale ricovero, la complessità dell’intervento, la tecnica (chiusa o aperta) cui si accennava più sopra, ecc.

Ovviamente tutti questi fattori vengono stabiliti prima dell’operazione sin dai primi incontri con il chirurgo il quale non ha il solo compito di effettuare materialmente l’intervento, ma anche di preparare il paziente istruendolo sulle modalità dell’operazione e, soprattutto, guidandolo nelle scelte di tipo estetico che avranno sempre anche uno stretto legame sia con aspetti psico-emozionali di tutto l’iter ed anche di tipo funzionale, nel senso della respirazione.

Quanto costa rifarsi il naso: le alternative alla rinoplastica

Quanto costa rifarsi il naso: le alternative alla rinoplastica

Esiste anche un’alternativa alla classica rinoplastica chirurgica, e cioè quella eseguita con il filler, e quindi senza il taglio chirurgico. In ogni caso l’intervento chirurgico è abbastanza breve e non presenta, generalmente, particolari problemi post operatori e oggi si può affermare tranquillamente che dopo sole quarantotto ore dall’intervento si riprende la propria vita di tutti i giorni. Solo la presenza di una piccolissima ingessatura sul naso e di due tamponi nelle narici ci ricorderà che abbiamo subito un intervento chirurgico di rinoplastica.

Pochissimi giorni ed anche qualche gonfiore scomparirà riassorbendosi, senza lasciare alcuna traccia di se. Invece per poter definire definitivi i risultati estetici dell’operazione, occorrerà aspettare circa una ventina di giorni, e non sarà possibile alcun deterioramento o recidiva, a meno che, ovviamente, non ci si sottoponga nuovamente ad un intervento o non si sia soggetti a traumi nasali.