Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Scintigrafia renale: un test per l’esame dei reni, come funziona?

La scintigrafia renale utilizza piccole quantità di materiali radioattivi chiamati radiotraccianti, una speciale macchina fotografica e un computer per valutare la funzione e l’anatomia dei tuoi reni e determinare se essi funzionano correttamente. Può fornire informazioni uniche che spesso sono irraggiungibili con altre procedure di imaging.

I rischi della scintigrafia renale

Comunicare al medico le proprie condizioni mediche, allergie e farmaci che si stanno assumendo, compresi i farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS).

Che cosa è la scintigrafia renale

La scintigrafia renale, nota anche come “immagine renale,” si riferisce a diversi esami che utilizzano radioisotopi che valutano la funzione e l’anatomia dei reni. La scintigrafia renale è uno dei molti metodi di imaging utilizzati per valutare i reni. L’ecografia, la tomografia computerizzata (TC) e la risonanza magnetica (MRI) possono essere utilizzate a loro volta. Il medico stabilirà quale di questi esami fornirà la migliore informazione sui reni. Diversi tipi di scansioni renali sono utilizzati per esaminare i diversi aspetti dei reni e il funzionamento del rene.

Che cosa è la scintigrafia renale

Tuttavia, tutte queste procedure prevedono l’iniezione di un radiotracciante o radioisotopi, o la sostanza di imaging che emette una piccola quantità di radioattività, nel paziente. Poiché il radiotracer interagisce in modo diverso in diversi tipi di tessuto, può aiutare i medici a determinare se qualcosa non va con i reni. La scintigrafia renale può anche essere utilizzata per valutare un rene trapiantato. Dopo l’iniezione, il radiofarmaco alla fine viaggia nei reni, dove fornisce energia sotto forma di raggi gamma. Questa energia viene rilevata da un dispositivo chiamato “camera gamma”. La fotocamera funziona con un computer per produrre immagini speciali che offrono dettagli sulla sia la struttura e la funzione di organi e tessuti.

Alcuni usi comuni della procedura

Vari tipi di imaging renale determinano se i reni funzionano normalmente o in modo anomalo.

La scintigrafia renale corticale rileva la quantità di tessuto renale funzionante attraverso immagini scattate con una camera gamma, circa tre ore dopo l’iniezione di un radiotracciante. La perfusione renale e la funzione imaging esamina il flusso di sangue ai reni e identifica il potenziale restringimento delle arterie renali. Attraverso una serie di immagini riprese da 20 a 30 minuti immediatamente dopo l’iniezione radiotracer, ma aiuta anche a determinare quanto bene i reni stanno funzionando. La scintigrafia renale diuretica rileva blocchi renali attraverso le immagini scattate prima e dopo l’introduzione di un diuretico per spostare l’urina attraverso i reni. La scintigrafia renale consente anche di determinare se la causa della pressione alta di un paziente è

proveniente dai reni confrontando immagini renali prima e dopo l’assunzione di una pressione sanguigna con un farmaco chiamato “ACE-inibitore”. Queste procedure possono essere utili per l’identificazione di insufficienza renale o complicanze del trapianto-correlate, così come a scoprire le lesioni renali.

Come prepararsi per l’esame

Come prepararsi per l'esame

La preparazione può variare ampiamente in base al tipo di scansione che viene condotta. È possibile che venga chiesto di bere più acqua o eventualmente si possono ricevere i fluidi per via endovenosa. Si può anche ottenere in somministrazione un diuretico per aumentare la produzione dell’urina. In alcuni casi, la vescica potrebbe dover rimanere vuota durante la scansione, rendendo necessario l’inserimento di un catetere. In altri casi, è possibile che venga chiesto di andare in bagno e svuotare la vescica prima di procedere con la scintigrafia renale. È inoltre possibile che venga richiesto di interrompere l’uso di alcuni farmaci prima del vostro esame.

È possibile che venga chiesto di indossare un abito ad hoc durante l’esame oppure si può essere autorizzati a portare il proprio abbigliamento. Si deve informare il medico e il tecnico prima di eseguire l’esame di tutti i farmaci che stanno prendendo, tra cui le vitamine e gli integratori a base di erbe. Si dovrebbe anche informare loro, se avete qualche allergie e per le recenti malattie o altre condizioni mediche. Dovete anche dire al vostro medico se state assumendo anti-infiammatori non steroidei (FANS). I gioielli e altri accessori metallici dovrebbero essere lasciati a casa, se possibile, o rimossi prima dell’esame

perché possono interferire con la procedura. Riceverete le istruzioni specifiche in base al tipo di scansione che si è sottoposti.

Come funziona

Con normali radiografie, un’immagine viene effettuata facendo passare i raggi X attraverso il corpo del paziente. In contrasto, le procedure di medicina nucleare utilizzano un materiale radioattivo, chiamato radiofarmaco o radiotracer, che viene iniettato nel sangue, ingerito o inalato come gas. Questo materiale radioattivo si accumula nell’organo o zona del corpo in esame, in cui emana una piccola quantità di energia sotto forma di raggi gamma. Le telecamere speciali rilevano questa energia, e con l’ausilio di un computer, creano immagini che offrono dettagli sia sulla struttura e sulla funzione di organi e tessuti nel vostro corpo.

A differenza di altre tecniche di imaging, gli esami di medicina nucleare si concentrano sulla raffigurazione fisiologica con dei processi all’interno del corpo, come i tassi di metabolismo o livelli di varie altre attività chimiche, invece di mostrare l’anatomia e la struttura. Le aree di maggiore intensità, chiamate “hot spot”, indicano dove grandi quantità di radiofarmaco hanno accumulato e dove vi è un elevato livello di chimica o attività metabolica. Le aree meno intense, o “punti freddi”, indicano una minore concentrazione del radiofarmaco e meno attività chimica.