Seggiolone pappa: un prodotto indispensabile per il tuo bambino

Quando il tuo piccolo inizia ad avere una certa stabilità e inizia lo svezzamento ecco che è il momento di pensare al seggiolone. Come scegliere quello più adatto a te e a lui?

Quando è ora di seggiolone

A circa 6 mesi il tuo bambino inizia ad avere la stabilità sufficiente per stare su un seggiolone per la pappa, qui vi resterà per lungo tempo e qui conquisterà la sua autonomia, iniziando a mangiare da solo. Ogni casa e ogni mamma ha però le sue esigenze e quindi è bene prendere in considerazione tutti gli elementi per scegliere il seggiolone adatto al caso. Il Seggiolone è un prodotto indispensabile, non si può infatti pensare di tenere in braccio il bambino sempre, né di metterlo su una sedia semplicemente perché finirebbe di certo col cadere. Quando è in grado di stare seduto da solo è ora di acquistare un seggiolone per praticità vostra e per la sua sicurezza.

Il seggiolone gli darà la possibilità di stare comodo per mangiare, ma anche per giocare e per godersi un momento di relax. Se questo sarà poi regolato all’altezza giusta, la mamma o il papà potranno dare la pappa al loro bimbo stando seduti e senza fare sforzi o movimenti scomodi. Se il seggiolone è inoltre provvisto di un vassoio anteriore , questo diventerà lo spazio personale del bambino e una volta pulito potrà anche giocarvi. Una volta cresciuto un po’ il piccolo è possibile di solito anche rimuovere il vassoio e avvicinare il seggiolone al tavolo, così finalmente sarà anche a lui a tavola con mamma e papà, una nuova conquista.

Il seggiolone per la pappa

Questo prodotto solitamente si tiene a casa, esso è infatti un po’ troppo ingombrante da portarsi appresso. L’ideale sarebbe averne uno fisso a casa e un altro maneggevole da trasportare in auto quando si va via, al ristorante o a casa di altre persone. Ad ogni modo non è sempre possibile, non preoccupatevi che comunque ormai non v’è ristorante o pizzeria che non abbia provveduto ad attrezzarsi.

Elementi da controllare

Tipologie di seggioloni

Nella scelta del seggiolone è fondamentale che vi siano determinate caratteristiche per la sicurezza del vostro bambino e per praticità:

  • Controllate che i materiali siano solidi e atossici. Questa informazione si trova sull’imballaggio oppure nelle istruzioni del seggiolone.
  • Guardate che abbia i bordi arrotondati al fine di evitare che il piccolo si possa fare male.
  • Il seggiolone è opportuno che disponga di dispositivi doppi di sicurezza, per eliminare il rischio che si chiuda improvvisamente in modo accidentale.
  • La seduta, in modo che il bambino si possa sedere in modo corretto appoggiandosi anche allo schienale, deve essere ampia e comoda.
  • Lo schienale è bene sia anatomico e imbottito così da essere confortevole. Molti modelli prevedono la possibilità di reclinare lo schienale in diverse posizioni, per un maggiore comfort.
  • Le cinture devono essere fisse e salde e devono essere in grado di resistere agli strattoni. Allo stesso tempo per ragioni di sicurezza è opportuno che si possano allacciare e slacciare facilmente
  • L’apertura e la chiusura del seggiolone, la regolazione dell’altezza o l’estrazione del vassoio devono essere comode.
  • Le ruote del seggiolone permettono di spostarlo in facilità ma è bene verificare che almeno due delle quattro abbiano il freno. Se il prodotto non ha ruote invece, deve avere un dispositivo anti-ribaltamento.
  • È importante verifichiate che il prodotto sia in regola con la normativa europea EN 14988:2006 (in vigore però da maggio 2007). Questa garantisce che il seggiolone ha passato i controlli di sicurezza.

Tipologie di seggioloni

Ogni famiglia deve valutare le caratteristiche che il seggiolone deve avere a seconda dello spazio e della comodità personale dei genitori. Seguono le varianti:

  • Seggiolone pieghevole/fisso: il fisso è un’ottima soluzione se si dispone logisticamente di spazio sufficiente. In caso contrario, vi sono modelli che si possono ripiegare ed essere quindi custoditi altrove, nonché trasportati in auto.
  • Regolabile: Moltissimi modelli di seggioloni hanno una seduta regolabile in altezza, il che consente di adattarlo innanzitutto alle necessità del momento e poi alla crescita del bambino, cosicché una volta cresciuto potrà utilizzarlo come una sedia.
  • Seggioloni con schienale reclinabile: consentono al piccolo di avere una posizione confortevole ne caso decidesse di schiacciare brevi riposini. È chiaro che non ha la comodità di un lettino, quindi se il bambino dorme proprio andrà spostato, ma se si tratta di brevi riposini oppure di farlo addormentare in loco è possibile.
  • Sedile ampio e comodo: Certi modelli hanno sedute più ampie di altri, così da andare bene fino al momento in cui il bimbo compie 3 anni. I rivestimenti possono variare e possono essere più o meno imbottiti, alcuni hanno anche un cuscino aggiuntivo per far stare perfettamente comodi anche i più piccoli.
  • Vassoio estraibile: alcuni prodotti dispongono di un vassoio rimovibile e regolabile in diverse posizioni, cosicché i genitori possano posizionare e togliere il bambino più facilmente e per adattarsi mano a mano alla crescita del bambino. Certi seggioloni non prevedono il vassoio per far sedere il bambino già a tavola coi genitori.
  • Trasformabili: vi sono seggioloni pappa di nuova generazione multifunzione ideati per seguire il bambino nella crescita e possono trasformarsi in poltroncine oppure in una combinazione tavolo e sedia. Certi diventano vere e proprie sedie quasi per adulti. Alcuni modelli si possono usare sin dalla nascita perché prevedono di potervi agganciare una sdraietta per deporre il bambino e interagire con lui
  • Ruote o senza: Le ruote permettono di muoverlo con facilità, possono essere parziali, e quindi necessitare un minimo sollevamento per spostarlo, oppure con ruote 100% per muoverlo e per spostarsi con i movimenti del bambino restando in piedi. I seggioloni fissi, è bene abbiano un dispositivo anti-ribaltamento.

Leggi anche

Bilirubina alta: valori normali, cause e cura.

La bilirubina è un pigmento contenuto nella bile, e prodotto dal catabolismo dell’emoglobina. Il suo nome deriva dalla particolare colorazione rossastra: bilirubina è di fatti l’unione di bilis (bile) e ruber (rosso).

Liquore alla liquirizia: la ricetta gustosa e singolare

Il classico liquore alla liquirizia è l’Anima Nera. Se vi piace questo liquore, potreste pensare di farlo voi a casa, la ricetta è piuttosto...

Giramenti di testa e vomito, da cosa possono essere causati e cosa fare

I giramenti di testa ed il vomito, spesso sono dei sintomi riconducibili a diverse patologie, che vanno ricercate con approfondimenti. Quando si manifestano giramenti di testa e vomito, alla base di tale sintomi, ci possono essere diversi patologie scatenanti, oppure possono essere delle manifestazioni separate.

recenti

Scintigrafia renale: un test per l’esame dei reni, come funziona?

La scintigrafia renale utilizza piccole quantità di materiali radioattivi chiamati radiotraccianti, una speciale macchina fotografica e un computer per valutare la funzione e l'anatomia dei tuoi reni e determinare se essi funzionano correttamente. Può fornire informazioni uniche che spesso sono irraggiungibili con altre procedure di imaging.

Flutter atriale, un’anomalia nei battiti del cuore facilmente risolvibile

Il flutter atriale è un’alterazione del battito cardiaco in sede atriale, e per effetto di tale aritmia il battito subisce irregolarità con manifestazioni violente...

Azoto Ureico alto o basso, cosa significa?

L'azotemia in pratica non è altro che un calcolo matematico. Misura il peso dell'azoto rispetto al totale della molecola di urea. Conoscere questo valore...