Tappeti per bambini, come scegliere quello giusto!

Nessuno si aspetta che un bambino piccolo stia composto e fermo dove lo si mette. Ha bisogno di muoversi, giocare e sperimentare. Ecco perché, quando arredate la cameretta del vostro bambino, dovete pensare a realizzare un vero e proprio angolo dei giochi.

Ognuno di voi dovrà trovare la soluzione adatta, in base alla grandezza della stanza dedicata al pupo. Vedrete che sarà divertente in ogni sua fase, dalla scelta della sdraietta e della culla, fino al colore delle pareti e i vari mobili adatti per un bambino piccolo. La gravidanza è un momento bellissimo nella vita della donna, ma alterna piaceri (come scegliere il corredo per il piccolo e arredare la sua futura stanza) e dolori (come la nausea, la scialorrea, i crampi etc).

L’obiettivo è ovviamente quello di concentrarsi di più sui lati positivi che su quelli negativi. Permettono di svagarsi e riempire la casa di energie positive e costruttive.

A livello mentale viene visto come l’angolo giusto dove giocare, il posto dove può esprimere se stesso in totale tranquillità. Per il genitore è invece l’angolino sicuro dove il piccolo può rispondere ai primi stimoli della sua crescita e qui educarsi.

Il tappetino infatti, possiede colori, lettere e numeri in rilievo e ovviamente sopra vi sono tutti i suoi giochi preferiti. A livello funzionale il tappeto fa si che il bambino non sieda direttamente sul pavimento duro e freddo, ma piuttosto sul morbido tessuto anallergico e privo di sostanze tossiche.

Come scegliere il tappetino giusto

Come scegliere il tappetino giusto

Passiamo adesso alla guida vera e propria. Quando dovete scegliere i tappeti per bambini dovete prendere in considerazione diversi aspetti importanti. Secondo noi, le principali cose da valutare sono queste:

  • Sicurezza: Deve essere morbido ma allo stesso tempo compatto, non devono esserci parti piccole che si staccano e possono essere eventualmente ingerite. Vostro figlio poi, nel periodo della dentizione, cercherà di mordere ogni cosa e il suo tappeto non deve contenere prodotti tossici che possono in qualche modo danneggiarlo.
  • Igiene: Chiaramente spetta a voi pulirlo spesso, seguendo le indicazioni riportate sul prodotto (cambiano in base al materiale). Tuttavia se acquistate un prodotto di buona qualità, anallergico e anti-acaro, di certo siete molto più tranquille quando vedete vostro figlio giocare allegramente sul suo tappetino.
  • Il materiale: Non cercate di andare a risparmio sul tappetino perché ciò che appunto viene trascurato dal produttore è la scelta del materiale, che invece è l’aspetto più importante. Deve essere resistente, facile da pulire e ovviamente atossico. Ricordatevi che tanto è un investimento che vi accompagnerà per molte fasi della sua crescita!

Ad ogni età il suo tappeto

Esistono sostanzialmente due differenti tipi di tappeti, quelli adatti per i neonati e quelli per i bambini un po’ più grandi. Il neonato ha bisogno di un morbido tappeto ricco di trillini, specchietti e pupazzetti. Spesso questi tappeti hanno anche effetti luminosi e sonori. Deve insomma essere uno spazio stimolante, che lo induce al gioco. Per lui ogni cosa sarà una scoperta e sarà incoraggiato a fare nuove esperienze sia dal punto di vista sensoriale, cognitivo e motorio.

Il bambino più grande invece preferirà un tappeto che gli permetta una maggior manovra di movimento, con sopra disposti tutti i suoi giochi preferiti. Sostanzialmente quindi, potete valutare questi due differenti tipi d’investimento iniziale, entrambi comunque potrebbero rivelarsi di nuovo utili in visione di un altro figlio!

Tipi di tappeti per bambini disponibili

Esistono varie tipologie di tappeti per bambini. Avete visto che gli elementi più importanti da prendere in considerazione sono la qualità del materiale, la facilità di pulizia, l’uso di tessuti atossici e antiacaro e anallergici. Dovete a questo punto scegliere in base ad altri due fattori e si tratta della grandezza e la fantasia.

Il primo elemento è imposto dalla grandezza della cameretta o lo spazio adibito al gioco. Se avete una casa piccola e avete necessità di togliere il tappeto ogni volta che non vi serve o spostarlo facilmente da una stanza all’altra, forse i migliori per voi sono i tappeti puzzle. Super colorati e stimolanti per il bambino, una volta “smontati” occupano pochissimo spazio. Inoltre il bambino si divertirà molto anche nella fase della costruzione!

Se invece preferite un tappeto statico, oggi potete scegliere tra quelli monocolore, che sono secondo me i meno adatti, fino a quelli tutti colorati e interattivi oppure, i tappeti che riproducono le immagini dei cartoni preferiti di vostri figlio! Quando c’è stampata un’immagine amata, il bambino amerà ancor di più passare il proprio tempo sopra il tappetino, viaggiando tanto anche con la fantasia!

Leggi anche

Come dimagrire in una settimana: il sogno di noi tutti!

Sarebbe bellissimo sapere perfettamente come dimagrire in una settimana: già, proprio così: sette giorni soltanto di dieta per rientrare nel proprio peso forma ed...

Benagol pastiglie per il mal di gola. Che cosa sono, come funzionano e in che modalità assumerle

Che cos'è Benagol, quali sono i suoi componenti, quali i meccanismi di azione e in che modo assumere le pastiglie per il mal di gola.

Prurito vulvare: cos’è e come si può trattare

Il prurito vulvare è un fastidio, che può diventare anche molto intenso, derivante da differenti cause.

recenti

Chinesiterapia, un trattamento fisioterapico molto diffuso

Che cos'è la chinesiterapia, a cosa serve, come funziona e quali sono le principali tipologie.

Ernia iatale: cause, sintomi, alimentazione e dieta

Tuttavia, nonostante questa diffusione, spesso la confusione intorno a tale condizione è piuttosto elevata, con il rischio di attribuire all’ernia iatale delle caratteristiche che,...

Coumadin da 5 milligrammi in compresse divisibili

Coumadin è un farmaco dal ristretto “indice terapeutico”, vale a dire che occorre evitare anche le minime variazioni delle dosi consigliate. Un eccesso di...