Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Zenzero candito: tutto quello che devi sapere!

Si tratta di un alimento che è caratterizzato da un sapore dolce o speziato, e che puoi consumare al naturale o come ingrediente di tante ricette, come i biscotti o le torte.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella

Puoi acquistarlo o puoi prepararlo in casa e, soprattutto, puoi usufruire delle sue tante proprietà se assunto nelle giuste dosi.

Quanto ne puoi mangiare

Iniziamo con il chiarire un punto fondamentale: quando si tratta di zenzero candito, è meglio non esagerare. E, soprattutto, è bene non fare riferimento alla quantità di zenzero raccomandata, poiché tale è quella riferita alla radice di zenzero.

In realtà, con lo zenzero candito vai ad assimilare non solamente lo zenzero, quanto anche (e spesso soprattutto!) lo zucchero. Considerato che il contenuto di zucchero è molto alto, con una proporzione fino a 5 grammi di zucchero per pezzetto di zenzero di 6 grammi, sarebbe opportuno mettere a freno la tua voglia di fare incetta di zenzero candito. Insomma, meglio non esagerare oltre i 2 – 3 pezzetti di zenzero candito al giorno.

Quali sono le proprietà

proprietà dello zenzero candito

Chiarito quanto sopra, possiamo cercare di compiere un passo in avanti nell’evidenza del nostro odierno approfondimento, e cercare di capire quali siano le principali proprietà dello zenzero candito.

Ricorda prima di tutto che lo zenzero candito è nient’altro che lo zenzero essiccato (disidratato) e poi arricchito di zuccheri fino al 70%. Proprio questo trattamento fa sì che le proprietà dello zenzero vengano gradualmente portate in esaurimento, e che alcuni principi naturali che rendono lo zenzero così apprezzato sono dunque eliminati.

Quali sono i benefici

Fin qui, abbiamo condiviso una serie di avvertenze che dovrebbero contribuire a rendere lo zenzero candito meno “miracoloso” di quante molte persone siano portate a ritenere.

Naturalmente, non vogliamo certamente indurti ad evitare di mangiarlo, ma solamente mangiarne le giuste quantità, tenendo conto che così riuscirai comunque a disporre di qualche interessante beneficio.

Per esempio, lo zenzero, anche candito, è pur sempre un buon elemento da sfruttare per poter contrastare il senso di nausea e il mal di stomaco, e favorire la digestione. Può inoltre esercitare una buona funzione contro la tosse e il mal di gola.

Zenzero: Proprietà benefiche e dose giornaliera consigliata.

Lo zenzero candito fa male?

Traendo qualche conclusione, dovresti aver già compreso da solo che mangiare troppo zenzero candito non fa bene a causa della sua elevata quantità di zuccheri: così come peraltro avviene con la frutta candida, anche lo zenzero candito tende inoltre ad attaccarsi ai denti, causando così la carie.

Ha inoltre una elevata quantità di calorie (circa 40 per un pezzettino di 6 grammi), sebbene gli elementi nutrizionali dipendano principalmente dal tipo di produzione che ogni società che processa lo zenzero applica al suo interno.

Tieni infine in considerazione che esistono delle forme di zenzero candito senza zucchero, e che potrai anche acquistare in commercio dello zenzero disidratato poco trattato, che non ha perso buona parte delle sue proprietà nutrizionali come invece avviene con buona parte delle tipologie di zenzero in commercio.

Fonte: www.tecnologia-ambiente.it