Prosciutto cotto in gravidanza si può mangiare? La risposta definitiva

Scopri se il prosciutto cotto può far parte della dieta di uan donna in gravidanza e, a prescindere dalla risposta, quali sono le motivazioni

gravidanza
Foto da Pixabay

Tra i primi step quando si scopre di esser in dolce attesa c’è quello legato a una nuova dieta tutta da scoprire. Le future mamme infatti si chiedono: che cosa posso e che cosa non posso mangiare?

Alcuni alimenti possono infatti risultare dannosi per mamma e bambino e c’è poi da tenere conto anche della questione peso: la dieta di una donna in stato interessante dovrà infatti evitare che si prendano troppi chili durante la gestazione.

Ecco dunque scomparire il pesce crudo, alcuni tipi di affettato e i cibi più grassi e pesanti.

Un alimento che però rimane sempre in bilico è lui, il prosciutto cotto: si può o non si può mangiare in gravidanza? Oggi proviamo a capirlo insieme.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Pane, ecco perché dovresti mangiarlo sempre tostato

Prosciutto cotto in gravidanza si può mangiare?

prosciutto
Foto da Pixabay

Iniziamo subito con il dire che abbiamo una buona notizia: il prosciutto cotto è uno dei salumi più sicuri da mangiare in gravidanza quindi si può consumare senza problemi.

Naturalmente occorre mangiarlo sempre nelle porzioni giuste e senza mai esagerare.

Se infatti è vero che il prosciutto crudo è bandito in gravidanza, a causa del rischio di toxoplasmosi, è altrettanto vero che il prosciutto cotto è consentito ma sempre con moderazione per tener il peso sotto controllo.

Ricordiamo che la toxoplasmosi è una malattia dovuta ad un batterio presente nella carne e nei salumi crudi. Può essere molto pericolosa per lo sviluppo del bambino.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Le terme fanno bene in gravidanza?

Ma quali sono allora i salumi banditi in gravidanza? E’ presto detto: tutti quelli crudi. Ecco alcuni esempi tra i più comuni:

  • salame
  • prosciutto crudo
  • salsiccia
  • capocollo
  • bresaola

Grazie alle alte temperature i batteri vengono infatti eliminati e ciò fa sì che solo i prodotti cotti siano sicuri durante la gravidanza. Via libera dunque al consumo di affettati come la mortadella, l’arrosto di tacchino o il prosciutto cotto in gravidanza.

C’è poi chi per ovviare al problema prende i salumi crudi e li cuoce in forno ad alte temperature, magari con una pizza. Certo può esser una soluzione ma noi vi consigliamo comunque di confrontarvi in merito con il vostro ginecologo: una piccola rinuncia potrebbe esser sempre più sicura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *