Tisane in gravidanza: ecco quali scegliere e quali invece bisogna evitare

Le tisane in gravidanza si possono consumare? Alcune sono super consigliate, altre invece dovrebbero essere evitate: vediamo qualche esempio nello specifico.

tisane in gravidanza
(foto pixabay)

Il consumo di tisane in gravidanza è consentito, tuttavia è limitato solo ad alcuni infusi. Mentre alcune tisane possono essere consumate anche tutti i giorni altre non sono per niente consigliate, anzi sono completamente da evitare. Andiamo a vedere quali possiamo assumere e quali no, spiegandone anche le regioni.

Le tisane e la gravidanza

Durante il periodo della gravidanza una donna deve essere particolarmente attenta per quanto riguarda il regime alimentare da attuare. Parlando delle tisane esse costituiscono un’ottima scelta: si possono infatti consumare anche un paio di volte al giorno nelle ore in cui si preferisce. Una buona idea è quella di berle a colazione al posto del caffè, ma si possono anche prendere prima di dormire o durante l’ora dello spuntino.

tisana
(foto pexels)

Ciò a cui dobbiamo fare attenzione prima del consumo è capire se la tisana in questione si può assumere in gravidanza o meno. Se infatti alcune favoriscono il benessere delle donne in dolce attesa grazie ad ingredienti ben precisi, altre possono creare dei rischi.

Potrebbe interessarti anche: La tisana al finocchio: deliziosa e benefica

Tisane in gravidanza: quali scegliere

A seguire ecco un elenco di tisane che si possono assumere in gravidanza senza problemi e che aiutano anche le donne a sentirsi meglio. È consigliato però non consumare questi infusi più di due volte al giorno. Inoltre rivolgersi ad un esperto erborista prima di acquistarli non è mai una cattiva idea.

Betulla

La tisana alla betulla costituisce un’ottima arma per eliminare la ritenzione idrica ed idratare il proprio corpo; ciò avviene grazie alla presenza di betulina. Di conseguenza anche il gonfiore di stomaco si riduce. Questo infuso bisogna però consumarlo lontano dai pasti.

Camomilla

La camomilla è uno dei migliori alleati delle donne in gravidanza. In particolare la sua assunzione contrasta il bruciore di stomaco. Ciò accade perché questa bevanda contiene l’altea: una pianta con proprietà emollienti ed antinfiammatorie.

camomilla in gravidanza
(foto pexels)

Zenzer0

Nella lista delle tisane consigliate c’è quella allo zenzero. Questo ingrediente infatti è molto utile per diminuire le nausee o il vomito, episodi che avvengono soprattutto durante i primi tre mesi della gravidanza. Se questi fastidi non accennano a scomparire con il tempo si può scegliere di assumere anche lo zenzero secco, ma in questo caso è necessario una prescrizione medica.

Ippocastano

La maggior parte delle donne in gravidanza deve fare i conti con la pesantezza alle gambe ed alle braccia. Qui entra in gioco la tisana a base di ippocastano, utile per ridurre tale fastidio e garantire una migliore circolazione.

tisana ippocastano
(foto pexels)

Malva e semi di lino

Questa tisana rappresenta la soluzione migliore se durante la gravidanza l’intestino smette di essere regolare. Per un risultato efficace è meglio seguire qualche suggerimento. In primo luogo bisogna consumarla quando ci si sveglia, a digiuno. Dopo aver preparato la tisana a base di malva, aggiungere un cucchiaino di semi di lino ed infine dobbiamo lasciarla riposare per circa 15 minuti prima di berla.

Arancia e Cannella

Questa tisana è un ottimo rimedio contro la stanchezza. Quando ci si sente particolarmente affaticate basta prepararla aggiungendo all’acqua mezza stecca di cannella e tre fettine di arancia. Si consiglia però di non esagerare con l’assunzione, in quanto la cannella è uno stimolante.

tisana arancia e cannella
(foto pexels)

Biancospino

La tisana a base di biancospino è considerata molto efficace durante i momenti di ansia, tipici durante i nove mesi della gravidanza. Essa presenta infatti proprietà sedative ed è anche utile per regolare la pressione. La cosa migliora è consumarla prima di andare a letto.

Tisane in gravidanza: quali evitare

Come abbiamo già affermato, non tutte le tisane si posso consumare in gravidanza. Alcune di esse infatti possono mettere in pericolo la salute del bambino in grembo. In primo luogo sono sconsigliate quelle che contengono olii essenziali, in quanto non sono stati studiati in maniera approfondita gli effetti che essi possono avere sul feto. Ecco altre tisane sconsigliate:

Artemisia

L’artemisia è una tisana super consigliata se si hanno problemi di digestione, ma è sconsigliata per le donne in gravidanza., in quanto potrebbe causare dei difetti al bambino quando nascerà.

artemisia
(foto pexels)

Ginepro

Anche questa tisana ha delle ottima proprietà digestive, ma anche qui non si consiglia il consumo in gravidanza. Il ginepro infatti può stimolare l’utero, ecco perché spesso viene utilizzato durante il momento del parto.

Ginseng

Nella lista degli infusi da evitare compare anche quello a base di ginseng. Esso, utilissimo contro il raffreddore, potrebbe infatti creare problemi al sistema endocrino.

Maria Marinelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *