Pericolo insonnia, cosa succede se dormi meno di sei ore a notte

Pericolo insonnia: dormire meno di sei ore a notte è un rischio reale per noi e la nostra salute. Vediamo insieme questi rischi e quando sia il caso di consultare un medico o uno specialista

pericolo-insonnia-
uomo che sbadiglia (pixabay)

Dormire, quando va bene, tra le quattro e le cinque ore: nei casi di insonnia più severa, si può arrivare a dormire un paio d’ore o per nulla. Lunghe notti simili ad un incubo, in cui ci ritroviamo a fissare il soffitto con gli occhi asciutti di sonno.

E, al problema concreto del non dormire, si aggiunge l’ansia del non riuscire a farlo, mentre valutiamo tutte le conseguenze che questo avrà su di noi e sul giorno che dovremmo affrontare. Pensiamo spesso “Devo dormire“: ecco, il peso di questo obbligo inconscio è il peso da novanta che ci toglie anche l’ultima possibilità di rilassarsi e dormire.

Si stima che durante la pandemia il numero di persone che soffre di insonnia è salito: non che prima fossimo pochi, si intende. Già un terzo della popolazione aveva problemi a dormire, già prima della pandemia.

Ti potrebbe interessare anche-> Emergenza raffreddore, come aiutare il tuo bimbo a stare meglio

Pericolo insonnia, un rischio concreto da combattere

pericolo-insonnia-
sveglia (pixabay)

Uno studio allarmante pubblicato sulla rivista  Science parla chiaro: il sonno protegge il cervello. Durante il giorno infatti il nostro cervello produce tossine accompagnate al processo di degenerazione neuro-cognitivo. Durante il sonno, non solo smettiamo di produrre queste tossine ma, tramite la secrezione di un liquido particolare, è come se queste tossine venissero lavate via, aiutando a migliorare lo stato della nostra materia grigia.

Ti potrebbe interessare anche-> Bucce di mandarino come farmaci, un aiuto naturale

Non dormire quindi ci espone al rischio concreto di malattie degenerative, per non parlare di tutti gli effetti a breve termine, non da meno: difficoltà a concentrarsi, irritabilità, spossatezza. Insomma, quando vi accorgete che le vostre condizioni di sonno sono troppo instabili, valutate se consultare un medico o uno specialista che possa aiutarvi.

Serena garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *