Emergenza raffreddore: come aiutare il tuo bimbo a stare meglio

Il tuo bimbo si è preso un brutto raffreddore? Capita, è malanno di stagione! Ecco cosa puoi fare per aiutarlo a stare meglio

bimbo-raffreddore-
bimbo e mamma ( gettyimages)

Con i frequenti sbalzi di temperatura a cui ci sottoponiamo ( dentro caldissimi e fuori gelati), con la tendenza che abbiamo durante questi mesi a frequentare posti chiusi, la stagione fredda è la stagione in cui più facilmente ci ammaliamo di brutti raffreddori.

Il raffreddore è un virus del ceppo dei rinovirus e si manifesta con  secrezioni mucose o sierose, naso chiuso, sonnolenza, tosse, mal di gola, mal di testa, stanchezza e spossatezza: insomma, se si può evitare è meglio. I bambini però sono i soggetti più esposti a questo tipo di malattia poiché il loro sistema immunitario potrebbe non riuscire a contrastare al meglio i batteri e i virus.

Ecco quindi che ci troviamo in giro nipoti, figli nostri e di altri, smoccolanti e magari anche un po’ febbricitanti. Come fare ad aiutare i nostri piccoli a star meglio? Vediamo.

Ti potrebbe interessare anche-> Sclerosi multipla: cos’è e le terapie oggi disponibili

Come aiutare il nostro bimbo a guarire dal raffreddore

bimbo-raffreddore-
donna con raffreddore (pixabay)
  • Testa sollevata: per evitare che il respiro gli sia difficoltoso per via dei muchi, solleviamo la testolina al bimbo, magari con un cuscino, così che possa respirare meglio.
  • Farmaci antipiretici: usateli in caso di febbre, per farla scendere. Non prendete iniziativa, sentite prima il vostro medico. Evitate gli antibiotici quando si presenti il solo raffreddore.
  • Riposo a casa: lasciate che il bambino per qualche giorno rimanga tranquillo a casa, così da tenerlo lontano da fenomeni atmosferici avversi e così da evitare il contagio di altri bambini

Ti potrebbe interessare anche-> Tende, quante volte bisogna lavarle e qual è il modo giusto

  • Idratazione: se beve molto, i muchi rimarranno fluidi. Se il bimbo è grande abbastanza, proponetegli una camomilla, magari con un cucchiaino di miele. L’idratazione passa anche per la frutta: magari frullatela e servitela liquida, facilitandone l’assunzione.
  • Naso libero: tenete pulite le vie respiratorie, usando aereosol, pompette aspira-muco e soluzioni fisiologiche che potete trovare in farmacia.

Serena Garofalo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *