Skimmer, l’odiosa tecnica per derubarci allo sportello: state attenti

La Polizia Postale descrive nei dettagli la truffa dello skimmer, che ha già svuotato i conti correnti di ignare vittime. Come possiamo difenderci.

Skimmer come funziona la truffa allo sportello
Skimmer come funziona la truffa allo sportello Foto dal web

Skimmer, una odiosa tecnica che i malintenzionati mettono in pratica ad un qualsiasi sportello di banche od uffici delle poste per sottrarci i nostri soldi. In questo caso a restare vittime dei criminali sono non solo le persone più facilmente circuibili, come gli anziani (specialmente se soli) ma anche tutti gli altri.

Perché lo skimmer è un qualcosa che mai ci si aspetterebbe e che gli esperti ladri sfruttano allo scopo di clonare la nostra carta di credito. In questo modo possono sottrarre i risparmi depositati sul nostro conto corrente, magari senza che noi ce ne rendiamo conto.

Tutto questo funziona proprio attraverso lo skimmer. I criminali manomettono la postazione attraverso cui noi preleviamo del denaro contante, utilizzando un particolare dispositivo. E per il pin? In qualche modo gli esperti malviventi riescono a carpirlo, sbirciandolo o stando alle nostre spalle oppure piazzando delle microcamere che inquadrano direttamente la tastiera.

Skimmer, come funziona l’odiosa tecnica per derubarci allo sportello

Foto dal web

La loro capacità di essere subdoli va contro ogni immaginazione. Addirittura sono emersi casi nei quali sulle vere tastiere degli sportelli pubblici di prelievo sono state individuate delle altre tastiere, finte e messe dai ladri, in grado di memorizzare i pin inseriti.

Potrebbe interessarti anche: Reddito di libertà, l’INPS comunica il bonus per le donne

Una volta carpito il pin, viene messo in pratica la truffa dello skimmer, che poggia su un omonimo dispositivo predisposto per leggere la banda magnetica nera delle carte. Si posiziona nella feritoia dove vanno inserite le carte e copierà i nostri dati di nascosto.

Potrebbe interessarti anche: COP26, Barack Obama lancia l’allarme. Ma qualcuno lo contesta

Potrebbe interessarti anche: Conto corrente, si cambia ancora: stangata per i correntisti italiani. I dettagli

Come possiamo fare per difenderci? La Polizia Postale consiglia di nascondere sempre la mano con la quale immettiamo il nostro pin, coprendola con l’altra. Inoltre controlliamo sempre prima la tastiera, la feritoia dello sportello e la eventuale presenza di qualcosa di strano, come per l’appunto delle microcamere. Piccoli accorgimenti da mettere in atto preventivamente e che potrebbero scongiurare qualcosa di veramente brutto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *