Il dado da brodo può essere dannoso per la nostra salute

Il dado da brodo lo utilizziamo molto spesso in cucina, ma è bene sapere da cosa è composto per evitare che risulti dannoso per la nostra salute.

dado brodo dannoso
Dadi da brodo (Instagram)

Diffusi in moltissime culture, i dadi da brodo sono diventati un ingrediente base della cucina per insaporire i piatti quali, tra gli altri, zuppe, risotti, insalate, pasta o snack.  Nonostante sia sicuramente molto utile, bisogna anche tenerne in considerazione il contenuto, per evitare di farne largo utilizzo.

La storia del dado è davvero avvincente e risale ai primi anni dell’Ottocento. Fu ideato da un farmacista francese, Antoine-Auguste Parmentier, per sfamare l’esercito impegnato nella battaglia per reintrodurre la monarchia in alcuni Stati europei. La sua nascita si deve in seguito alla richiesta di inventare un estratto di carne da accompagnare con le patate.

Si tratta senz’altro di una piccola rivoluzione culinaria, poiché è versatile e in grado di insaporire le pietanze più ispide, ma non solo. Ma non per questo non bisogna chiedersi che cosa ci sia al suo interno.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Futuro green: i dadi da cucina avranno confezioni commestibili

I motivi per cui il dado da brodo può risultare dannoso

dado brodo dannoso
Dado da brodo (Instagram)

Questi piccoli cubetti quadrati e duri sono in realtà realizzati con brodo di verdure, ma anche di carne disidratate. Una volta sciolti in acqua generano infatti un brodo istantaneo. Ma non sono tutti uguali e il loro sapore dipende, oltre alla marca, anche dalle spezie aggiunte che possono includere aglio, curcuma, rosmarino e molto altro.

Detto ciò veniamo ora ai motivi per i quali è bene evitare di utilizzare i dadi se non strettamente necessari.

  • Come sappiamo l’eccesso di sale, come d’altronde l’eccesso di zuccheri, è dannoso per la salute. Ecco dunque che un primo motivo per cui non dovremmo utilizzare il dado da brodo sta nella quantità di sale che si trova al suo interno: 58 g di sale su 100 g di dado da brodo industriale, più della metà.
  • Altro motivo per il quel non dovremmo utilizzare il dado è la presenza del glutammato. Si tratta di un esaltatore di sapidità per rendere appetibili i prodotti conservati. Dunque, si tratta di un elemento che a lungo andare ci abitua a questo tipo di sapori rendendo meno appetibili quelli naturali. Quindi finiremo per condire tutto con più sale, burro e olio.
  • Il terzo e ultimo motivo per cui non si dovrebbe usare il dado sono i grassi, soprattutto quelli saturi che risultano essere,  insieme al sale, dei fattori di rischio per le patologie cardiovascolari.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE –> Dado per brodo ritirato dai supermercati: pericolo allergene non dichiarato

Dovremmo quindi rinunciare al sapore? Certo che no, ma vogliamo insaporire il brodo o altre pietanze forse è il caso di farlo seguendo delle ricette più salutari. (Serena Ponso)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.