Cena di Capodanno: consigli per “sopravvivere” e rimanere leggeri

La notte di Capodanno è ormai alle porte, ma dopo i giorni appena trascorsi abbiamo di certo bisogno di alcuni consigli per non appesantirci troppo a cena.

cena capodanno vademecum
Cena di Capodanno (Pexels)

Il Natale è passato da poco ma abbiamo già mangiato parecchio, forse anche troppo. Eppure le festività non sono ancora terminate e tra pochi giorni ci dovremo rimettere di nuovo a tavola per salutare l’anno trascorso e accogliere il nuovo.

Questo vorrà dire risate, divertimento ma anche cibo, tanto cibo. Come fare dunque per sopravvivere a un’altra cena ricca di pietanze e portate a non finire? Fortunatamente l’Associazione italiana gastroenterologi ed endoscopisti digestivi ospedalieri (Aigo) ci viene in aiuto con alcuni consigli. Vediamoli insieme.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE > L’antipasto perfetto per capodanno: calamari profumati al limone e olive nere

Come affrontare la cena di Capodanno: consigli utili

cena capodanno consigli
Tavola di Capodanno (Pexels)

D’altronde dobbiamo iniziare il 2022 con i migliori propositi, è quindi utile sapere in che modo mangiare tenendo d’occhio la salute, ma allo stesso tempo senza rinunciare ai piaceri della convivialità.

I medici Aigo hanno stilato un vademecum per l’occasione. Questa sorta di “guida” si apre con i brindisi. I medici sono infatti consapevoli che è difficile rinunciare ai brindisi di fine anno, ma allo stesso tempo vogliono ricordare la dose massima giornaliera: 1-2 bicchieri di vino per gli uomini e 1 bicchiere per le donne.

Bisogna però precisare che nei soggetti sani l’alcol può causare, anche in dosi moderate, bruciore o  sintomi da reflusso. In particolare, i medici segnalano che i pazienti con malattie al fegato non dovrebbero assumere bevande alcoliche, mentre i soggetti con disturbi funzionali, come ad esempio l’intestino irritabile, possono fare un brindisi.

Passiamo ora ai cibi. Di solito le pietanze che arricchiscono le tavole durante le festività sono notoriamente più ricche di grassi animali e di zuccheri. Questi elementi, si sa, sono difficilmente digeribili anche per le persone in buona salute. Possono quindi provocare disturbi come reflusso gastroesofageo, cattiva digestione e gonfiore addominale.

Aigo vuole inoltre sottolineare che nelle persone con difficoltà nell’assorbimento del lattosio, prodotti freschi possono favorire  diarrea e disturbi. È dunque bene accompagnare il tutto con un po’ di verdure, oltre a mangiare correttamente. Ci sono infatti alcuni comportamenti molto frequenti che dobbiamo evitare, come ad esempio l’abitudine di fumare tra un pasto e l’altro, mangiare velocemente oppure la sedentarietà a fine pasto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE > Tradizioni a tavola per Capodanno, il significato dei cibi che mangiamo

Per stare bene cercate dunque di mettere in pratica questi consigli. In questo modo potrete godervi l’inizio dell’anno con allegria e serenità, che, oltre alla salute, è ciò di cui tutti abbiamo più bisogno. (Serena Ponso)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *