Come pulire i calamari in 9 semplici passi per non sbagliare

Se non avete la minima idea su come pulire i calamari, siete nel posto giusto. In 9 semplicissimi passi vi spiegherò come fare.

come pulire Calamari
Calamari (Pixabay)

Ci sono molti modi per cucinare il calamaro, ma se farlo è semplice ancora più difficile risulta pulirlo in modo corretto. Infatti se non lo si pulisce in maniera adatta, mentre lo si mangia ci si potrebbe incappar in brutte sorprese. Pulire i calamari è veramente semplicismo alla fine, ci metterete pochi minuti e poi potrete dedicarvi a cucinarlo come più preferite.

Calamaro in umido, in padella, al forno, ripieno o fritto. I modi per servirlo sono molti e se avete deciso di portarlo in tavola ma vi mancano le basi per pulirlo, siete nel posto giusto. In nove semplicissimi step avrete tutto sotto controllo. Importante, prima di iniziare, bisogna rimuovere la sacca con l’inchiostro e poi rimuovere ogni traccia di sporco.

Ti potrebbe interessare anche >>> L’antipasto perfetto per capodanno: calamari profumati al limone e olive nere

9 passaggi per pulire i calamari in modo perfetto

come pulire calamari
Calamaro in umido (Pexels)

Vediamo come pulire i calamari in 9 facilissimi step. Ricordatevi che prima di iniziare, è importante aver rimosso la sacca dell’inchiostro e aver pulito bene i calamari. Fatto questo, potete iniziare.

1. Per prima cosa, lavate ancora una volta i vostri calamari. Devono essere belli puliti e privati di ogni impurità.

2. Poneteli poi su un ripiano di lavoro.

3. Successivamente, con una mano afferrate la testa e con l’altra il resto del corpo del calamaro.

4. A questo punto, tirate delicatamente la testa. In questo modo tutte le interiora del calamaro fuoriusciranno dal corpo.

5. Ora dovete rimuovere il gladio. Per farlo, inserite due dita all’interno della testa e afferrate la parte rigida e trasparente. Quella è il gladio.

6. Arrivati a questo punto, potete iniziare a rimuovere la pelle del calamaro.

7. Molto importante è pulire la testa del calamaro sia dentro che fuori.

Ti potrebbe interessare anche >>> Distinguere i totani dai calamari: suggerimenti su come fare

8. Passate ora alla parte del corpo con i tentacoli. Dovete eliminare infatti, gli occhi il becco e tutta la parte intorno a quell’area.

9. Per finire, pulite di nuovo tutto il calamaro sotto l’acqua fredda e lasciatelo asciugare.

I vostri calamari ora, sono belli puliti per essere cucinati come meglio preferite!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd