Lavare i denti correttamente, i consigli del dentista che migliorano la salute

L’igiene orale fa parte della nostra routine quotidiana, è importante lavare i denti correttamente, in che modo: i consigli del dentista.

lavare denti dentista consigli
Fratellino e sorella che lavano i denti (Pixabay)

L’igiene orale fa parte della nostra routine quotidiana, è importante lavare i denti correttamente, in che modo: i consigli del dentista. Non tutti si lavano i denti come dovrebbero, si tratta più che altro di un’azione che svolgiamo automaticamente. La maggior parte delle volte, controvoglia, quasi obbligati e, ovviamente, in modo scorretto.

Ci sono delle regole precise da rispettare per una sana igiene orale e per lavare correttamente i denti. Ma tutti le rispettano? In realtà, lo fanno in pochi. Queste regole passano per il tempo necessario alla pulizia, lo spazzolino da scegliere, come passarlo tra i denti, il dentifricio da utilizzare e come pulire il tutto. Ma vediamo cosa consiglia di fare il dentista.

Potrebbe interessarti anche → Sonno polifasico, i geni della storia dormivano così per essere produttivi

I consigli del dentista per lavare correttamente i denti

consigli dentista pulizia denti
Padre e figlio che lavano i denti (Pixabay)

Lavare i denti dovrebbe essere un’azione facile, basta spazzolare il cavo orale per un paio di minuti, usare uno spazzolino a spazzole morbide e un dentifricio di buona qualità. Inoltre, bisogna pulire i denti dopo aver mangiato, non subito però, ma deve trascorrere qualche minuto. Occorre pulire con cura soprattutto se abbiamo assunto cibi acidi, come ad esempio gli agrumi, che possono danneggiare lo smalto dentale. Seguiamo i consigli del dentista.

Ma come spazzolare correttamente i denti? Bisogna rimuovere per bene la placca, i batteri sulla superficie dentale e sulle gengive. Se si salta un solo lavaggio, questi batteri si moltiplicano. La placca si nutre del cibo che assumiamo, in particolare di carboidrati e dolci, rilasciando acidi. Questa, maturando sui denti, porta poi alla formazione di carie. La placca matura, mescolata con la saliva, porta ala formazione del tartaro.

Pulizia, i consigli del dentista su come lavare i denti

pulizia dentale
Una paziente dal dentista (Pixabay)

Il tartaro può essere rimosso solo dal dentista, con degli strumenti specifici. Bisogna lavare i denti prima di andare a dormire, poiché il flusso di salivazione si riduce e il cibo incastrato tra i denti fermenta. In questo caso, è necessario l’uso del filo interdentale per rimuovere ogni residuo incastrato. L’alitosi è una conseguenza della scorretta pulizia del cavo orale. Deriva dall’accumulo della placca sulle gengive.

Bisogna lavarsi bene i denti anche per proteggere le gengive. Queste ultime, infatti, se non pulite costantemente, si rovinano, restringendosi e portando alla parodontite. Nei casi più gravi, quando le gengive sono completamente ritirate, lasciano i denti scoperti, e questi possono anche cadere. Che spazzolino utilizzare? Deve avere testina piccola e setole morbide. Acquistare uno spazzolino elettrico è ancora meglio perché più efficace.

Potrebbe interessarti anche → Olio di pesce: se assunto in eccesso può dare problemi al cuore

Bisogna pulire i denti almeno dopo mezz’ora aver consumato il pasto. In questo lasso di tempo, la nostra saliva assorbe gli acidi del cibo, inoltre la superficie dentale è più delicata e potrebbe graffiarsi. E per il dentifricio? Se contiene fluoro è migliore. Il fluoro rinforza i denti, creando una barriera per gli acidi. I dentifrici sbiancanti, invece, non fanno bene, perché sono più aggressivi, usurano la superficie dentale e causano maggiore sensibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.