Per vivere a lungo: ordine, orario e cibo sano

Come vivere a lungo: mangiare bene e in orario sembra essere un prerequisito necessario se vogliamo una lunga vita

Lunga vita segreto
Mani rugose (Pixabay)

Avere una lunga vita è forse quello che ci auguriamo tutti.  Le favole ci hanno abituato a credere agli elisir e alle pozioni facili ma non esiste nulla di tutto questo. Al contrario, come ogni cosa, dobbiamo guadagnarci anche la possibilità di vivere a lungo.

Ovviamente non è una cosa su cui abbiamo l’assoluto controllo: basta il buon senso per realizzare una cosa del genere. Già, rispetto al passato, la prospettiva di vita si è enormemente ampliata: ad oggi si aggira attorno agli ottanta anni, ed è leggermente più alta nelle donne che negli uomini. Questo è dovuto a progredire della scienza e della medicina, ma anche alla crescita generale del tenore di vita medio che si può tenere nelle metropoli.

Ti potrebbe interessare anche->Caffè, non berlo prima dei pasti: la motivazione è molto seria

Per vivere a lungo: ordine, orario e cibo sano: ecco come fare

Vita ordinata
Vita ordinata (Pixabay)

E tuttavia, anche se come sopra detto non dipende completamente da noi e una parte di caso ed incontrollabilità permane comunque- ed è destinata a rimanere lì per sempre- qualcosa possiamo farla anche noi, partendo dal nostro stile di vita. 

Ti potrebbe interessare anche->Pancake alle fragole, morbidi e deliziosi: a colazione conquisteranno tutti

Uno studio recente condotto da Howard Hughes Medical Institute e pubblicato sulla rivista “science” la dice lunga: per vivere di più ci vogliono porzioni piccole ma non solo. Bisogna mangiare anche ad orari fissi, che non siano troppo discordi dal nostro normale ciclo. Avere una vita e una routine sregolata non è quindi sicuramente d’aiuto.

Lo studio in realtà è stato per ora condotto sui topi; questi sono stati divisi in due gruppi: il gruppo che seguiva una dieta ipocalorica e a cui il cibo veniva somministrato solo in determinati orari vedeva la prospettiva allungarsi di molto, contrariamente all’altro gruppo che non subiva limitazioni  né di orari né di  calorie. Questo finiva col compromettere il loro stato di salute e quindi le prospettive di vita.

Inoltre, se lo studio per ora si è limitato al mondo animale, questo non esclude possa coinvolgere anche il mondo umano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd