Pericolo moneta: cosa fare se un bambino la ingoia?

Con i bambini, soprattutto se piccoli, bisogna fare i conti con alcuni rischi, e tra questi vi è quello della moneta, perché se il tuo bambino la ingoia sopraggiunge subito il panico, e in quel caso come sventare il pericolo? Scopriamolo insieme.

monete
Monete (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

Le monete possono essere facilmente scambiate dai bambini per dei giochi; ecco perché basta un attimo per far sì che queste finiscano in bocca o, peggio ancora, vengano ingoiate dai bambini, magari durante un momento di distrazione da parte dei genitori, del tutto ignari.

Questo, oltre ad essere un pericolo, potrebbe causare ansia e panico negli adulti, che potrebbero andare in tilt e non sapere cosa fare. Vediamo dunque come è bene comportarsi quando il bambino ingoia una moneta, oltre a non perdere la testa.

giocare monete
Bambina che gioca con le monete (Adobe Stock)

Le monete, specialmente i centesimi, potrebbero finire facilmente nelle mani dei bambini, dato che gli adulti le usano poco. E ciò potrebbe essere un pericolo perché i più piccoli potrebbero non saper riconoscerle. E considerando che che uno dei principali istinti dei più piccoli è quello di portare tutto in bocca, anche in questo caso non faranno un’eccezione.

Se questo fatto è accaduto anche al tuo bambino, di sicuro la prima cosa che devi fare è assicurarti che non stia soffocando. Questo lo puoi capire subito da eventuali problemi di respirazione o deglutizione. Successivamente, recati subito al pronto soccorso, dove i medici saranno in grado di valutare la condizione e capire qual è il modo migliore per risolverla. Si possono infatti verificare diverse possibilità.

Nel primo caso la moneta potrebbe depositarsi nell’esofago e se ciò accade tuo figlio potrebbe far fatica a deglutire o accusare sintomi quali dolore al collo, aumento della salivazione, vomito, tosse oppure dolore al petto. Altrimenti, se la moneta si deposita nell’intestino, tale condizione potrebbe lacerare  la parete intestinale, causando feci sanguinolente o scure. Altrimenti, il bambino potrebbe accusare vomito anche in questo caso o dolore allo stomaco o problemi a defecare.

Però stai tranquillo, perché di solito la moneta esce tra le 48 ore e i 5 giorni dopo l’episodio. Dunque, non forzare la cosa somministrando al bambino dei lassativi, perché tutto si verificherà in modo naturale. Può essere di certo utile idratarlo a sufficienza per fare in modo che l’espulsione avvenga quanto prima.

Ora che sai come affrontare il problema, cerca di non andare in panico se tale episodio dovesse verificarsi. Ma il modo migliore per evitarlo è sicuramente quello di non lasciare le monete incustodite, così come qualsiasi altro piccolo oggetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.