Alukina, il principio attivo utilizzato per i farmaci topici curativi delle dermatiti

169
Alukina

L’Alukina è un principio attivo presente in molte creme ad uso topico che vengono impiegate contro la dermatite seborroica e che, grazie ad altre componenti, agiscono sul derma in totale sinergica. Il primo componente si chiama Allume di Rocca, ed in termini scientifici prende il nome di solfato di alluminio e di potassio dodecaidrato.

Questa sostanza minerale è molto utilizzata per trattare patologie dermatologiche, grazie alle sue riconosciute proprietà naturali sebostatiche ed astringenti. Basta pensare infatti, che i barbieri utilizzavano tale prodotto una volta terminata la rasatura in maniera tale da poter ridurre il sanguinamento provocato dalle piccole escoriazioni, ed evitare in questo modo infezioni localizzate.

Benefici

Alukina: benefici

Grazie all’attenzione che si è sviluppata negli ultimi anni verso tutti i prodotti naturali ed i loro benefici nello svolgere azioni di sostegno ai processi fisiologici cutanei, ha fatto in modo di focalizzare ancora di più l’attenzione sulle innumerevoli proprietà dell’allume di Rocca. Le sue proprietà astringenti sono utilissime nella regolarizzazione della produzione di sebo, perché questa causa la caduta delle proteine all’interno dei bulbi delle ghiandole sudoripare e sebacee, ma senza ostruirle. L’allume di Rocca determina anche l’abbassamento del Ph naturale della nostra pelle, rendendo in questa maniera l’ambiente cutaneo inadatto alla proliferazioni di eventuali batteri.

Il secondo componente prende il nome di Retinil Palmitato: questo è un Retinolo a base di vitamina A che svolge l’azione di favorire i processi immunitari della pelle, mediante un potenziamento fisiologico delle loro capacità di riconoscere e neutralizzare gli agenti patogeni. Oltre a questo, il Retinil Palmitato aiuta a stimolare in maniera del tutto sensibile, i processi che sono alla base della produzione delle immunogammaglobuline, contribuendo in questa maniera a sostenere le difese immunitarie cutanee, in grado, a loro volta, di regolarizzare sempre in maniera naturale anche la risposta infiammatoria da parte della stessa.

Sono molto note inoltre le proprietà nel contrastare la formazione dei radicali liberi, ovvero i principali colpevoli dell’invecchiamento cellulare, per questo non è un caso che oggi tutte le creme cosmetiche più efficaci che si trovano in commercio, abbiano tra i loro componenti il Retinolo molto simile a quello presente nell’Alukina.

Il terzo componente presente nell’Alukina prende il nome di Acido 18 beta glicirretico, ovvero una sostanza del tutto naturale che si estrae dalla liquirizia, molto sin dai tempi più antichi per le sue proprietà ed utilizzata anche in passato in medicina.

Tale sostanza a livello cutaneo favorisce la cicatrizzazione delle lesioni restituendo in questa maniera alla pelle la compattezza del tessuto cellulare, andando ad agire proprio negli spazi che dividono una cellula da un’altra. Inoltre l’Acido 12 beta glicirretico interviene in maniera favorevole sui tutti i processi che determinano la proliferazione dell’infiammazione, aiutando a disattivare il meccanismo che causa prurito persistente ed arrossamento della pelle.

Grazie alla funzione sinergica di questo estratto di liquirizia, si riesce a diminuire la tensione superficiale delle sostanze naturali che sono presenti nella nostra pelle, in maniera tale da poter favorire l’assorbimento di tutti gli altri componenti presenti nell’Alukina che abbiamo elencato e descritto sopra, migliorando l’azione.

Studi scientifici

Alukina: studi scientifici

L’azione benefica di questo prodotto e dei singoli componenti che lo caratterizzano, è stata apprezzata in dermatologia e tutt’ora ne fanno un impiego consolidato. La sua particolare formulazione è stata oggetto di uno studio scientifico che poi venne pubblicato sull’autorevole rivista che prende il nome di Journal of Plastic Dermatolgy. Lo studio in questione ha coinvolto un grande numero di persone con età compresa tra i 25 ed i 60 anni selezionati accuratamente tra soggetti che non stavano seguendo alcun trattamento terapeutico o cosmetico contro la Dermatire Seborroica da oltre un mese.

Al termine, i risultati ottenuto sono stati positivi, ossia dopo un’applicazione localizzata con tale prodotto di 14 giorni, il trattamento ha evidenziato una remissione totale dei sintomi o segni della malattia stessa. In alcuni individui il risultato è stato possibile notarlo solo dopo una settimana di applicazione regolare ogni giorno.