Blocco atrioventricolare: Cause, fattori scatenanti e trattamento

Tali segnali, si propagano fino al ventricolo, ma in presenza di un blocco, l’impulso elettrico non raggiunge i ventricoli. In presenza di una interruzione totale della conduzione dal nodo senoatriale, i ventricoli proseguono nel loro lavoro, e continuano a contrarsi.

Cause e fattori scatenanti

I fattori e le cause che determinano la comparsa del blocco atrioventricolare, possono essere diverse. Esse possono essere sia di natura congenita, come le cardiopatie, oppure ereditarie, autonomiche, o metaboliche.

Anche l’assunzione di alcuni farmaci, potrebbero provocare come affetto collaterale il blocco atrioventricolare, oppure la presenza di una infiammazione o una infezione. Il blocco atrio ventricolare, può essere una conseguenza tumorale, infiltrativa o degenerativa, o secondaria ad una manifestazione di un evento acuto.

Blocco atrioventricolare

Tra i vari fattori ereditari coinvolti nel blocco atrioventricolare sono compresi:

  • La sindrome di Lev-Lenègre
  • La distrofia miotonica
  • La distrofia facio-scapolo-omerale
  • La distrofia muscolare di Emery- Dreifess
  • La sindrome di Kearns- Sayre

Un’altra causa del blocco atrioventricolare, è l’effetto collaterale dovuto alla somministrazione di medicinali. Alcuni classi di antipertensivi, e beta bloccanti, oppure antagonisti del canale del calcio e digitalici, possono determinare tale disfunzione.

A causa della loro azione verso la conduzione degli impulsi, anche l’impiego di antiritmici di prima classe e di terza, così come il litio, possono determinare il blocco atrioventricolare.

Tipologie

  1. Blocco atrio ventricolare di grado I: si intende un allungamento del tempo, che impiega la corrente per raggiungere il muscolo cardiaco.
  2. Blocco atrio ventricolare di grado II: è costituito dalla mancanza di trasmissione di alcuni impulsi, da parte degli atri verso i ventricoli. Il paziente affetto, potrebbe avvertire ad intermittenza, dei battiti cardiaci mancanti.
  3. Blocco atrio ventricolare di grado III: è costituito da un blocco totale del passaggio degli impulsi dagli atri verso i ventricoli. Questa è una condizione clinica molto seria, che va trattata da personale qualificato. In base alla frequenza del centro di comando ventricolare, il paziente mostrerà o meno la sintomatologia. A causa della bassa frequenza cardiaca, accade molto spesso, che il soggetto affetto, perde conoscenza e cade a terra. La caduta può essere molto pericolosa, perché potrebbe determinare traumi cerebrali o fratture. Quando capitano tali avvenimenti, specialmente in persone anziane, in assenza di motivazioni valide, si deve intervenire nel blocco intermittente della conduzione.

Sintomi

I blocchi atrioventricolari di primo e secondo grado, non manifestano alcuna sintomatologia. Essi si identificano casualmente a seguito di un elettrocardiogramma di routine, oppure per la percezione di mancanza di battiti. I sintomi molto spesso, si manifestano nei blocchi atrio-ventricolari, di grado terzo.

Blocco atrioventricolare

Questi comprendono: intolleranza agli sforzi fisici, astenia, mancanza di fiato sotto sforzo, respirazione semplificata stando con la testa alzata, capogiri e sincope. Ad accompagnare tale manifestazioni, nella maggior parte dei casi, è la frequenza del polso al di sotto dei 40 battiti al minuto. Possono essere presenti inoltre, anche segnali di scompenso cardiaco, progressivo ed anomalo aumento del peso corporeo, e gonfiore di piedi e gambe.

Trattamento

I farmaci che attualmente vengono utilizzati in presenza di blocco atrioventricolare, sono l’Atropina e l’Isoprenalina. Questi vengono somministrati in condizioni di emergenza, e la somministrazione è per via endovena. Non esistono altri prodotti che si possono assumere per via orale in grado di migliorare la conduzione degli impulsi elettrici.

Quando a provocare tale disfunzione è l’effetto collaterale di un farmaco, è sufficiente interrompere il trattamento, oppure ridurre il dosaggio. In gran parte dei casi di blocco atrioventricolare di secondo e terzo grado, si impone al paziente di impiantare un pacemaker. Questo piccolo apparecchio, è in grado di stimolare il cuore quando esso non ce la fa da solo. Il pace consente al malato una vita migliore. Vivere con un pacemaker non è un handicap, ma una opportunità per poter vivere una vita normale, senza rischiare la propria vita a causa di una frequenza cardiaca troppo bassa.

Bibliografia e credit

  • Paziente critico nelle patologie cardiovascolari. Ed. Poletto Editore; 2005
  • Blocco atrioventricolare – Da Wikipedia
  • Manual of Cardiovascular Medicine 5° Edition. Brian P. Griffin; Ed. Lippincott Williams and Wilkins; 2018
  • Rugarli. Medicina interna sistematica. Estratto: Malattie del sistema circolatorio. Rugarli Claudio, Crea Filippo; Ed. EDRA ; 2016

Microalbuminuria: indicatore relativo alla nefropatia diabetica

Ipoestesia: la perdita della normale sensibilità della superficie corporea.