Come abbassare i trigliceridi: i trucchi per una dieta amica del cuore

Capire come abbassare i trigliceridi nel sangue è fondamentale. Se questi valori sono troppo alti si rischia infatti d’incorrere in problemi di natura cardiovascolare.

Quali sono quelli normali?Come abbassare i trigliceridi: i valori normali

Prima di specificare come abbassare i trigliceridi è essenziale capire i casi in cui si può parlare di valori nella norma. Possiamo affermare di trovarci davanti a una situazione in cui i trigliceridi non sono oggetti di preoccupazione quando il loro valore non supera i 150 mg/dl.

Continuiamo specificando che i trigliceridi, quando non c’è un eccesso quantitativo, sono importanti. Per quale motivo? Perché si tratta di sostanze che forniscono energia alle cellule del nostro corpo, dando loro modo di svolgere le loro funzioni in maniera efficace.

A cosa è dovuto l’innalzamento?

Per capire come abbassare i trigliceridi è utile comprendere a cosa è dovuto l’innalzamento dei valori in merito. A tal proposito si può aprire un capitolo molto ampio e chiamare in causa l’alimentazione ricca di carboidrati, ma anche la vita troppo sedentaria e l’assunzione di specifici farmaci, per esempio alcuni diuretici e tipologie di pillola anti concezionale.

L’alimentazione rappresenta il primo ambito in cui è possibile intervenire per abbassare i trigliceridi e prendersi cura della salute del cuore.

Come abbassare i trigliceridi: a cosa è dovuto l'innalzamento

I cibi migliori per diminuire il livello di trigliceridi

Entriamo ora nel vivo di come abbassare i trigliceridi ricordando che esistono alcuni trucchi alimentari per avere successo al proposito.

Il più importante è senza dubbio la riduzione dei carboidrati. Spazio quindi alle fibre, principi che aiutano a tenere sotto controllo il peso regolarizzando l’attività intestinale e a rallentare il rilascio dei carboidrati nel sangue, impedendo così l’insorgenza dei picchi glicemici.

Come abbassare i trigliceridi: i cibi migliori

Un altro consiglio utile al proposito consiste nel consumare, oltre ai pasti principali, almeno 2 spuntini quotidiani, possibilmente a base di frutta (in questo modo si tiene allenato il metabolismo, contribuendo sempre a evitare gli aumenti di peso).

Da citare anche è l’importanza di ridurre l’apporto di alcol e quello di grassi, soprattutto se non omega 3 (in questo caso si parla di sostanze che fanno invece molto bene perché riducono il colesterolo LDL presente nel sangue).

Al di là di tutti questi consigli di alimentazione sana è utile ricordare che sono le fibre le regine di una vita sana anti trigliceridi. Questo significa che è bene integrarle nell’alimentazione fin dalla prima colazione, pasto importantissimo durante il quale si possono consumare muesli o formelle a base di fibre con un velo di marmellata o, se si vuole fare un ulteriore regalo alla propria salute, di miele.Come abbassare i trigliceridi

 

Leggi anche

Olio di germe di grano: che cos’è e quali sono i suoi benefici

Scopriamo l'olio di germe di grano, che cos'è e per cosa viene usato? Benefici per la pelle, per i capelli e per molti inestetismi nonché come integratore

Visita ortottica: un insieme di esami per determinare la visione binoculare

Una visita ortottica si costituisce di una serie di esami atti a determinare la binocularità complessiva di un individuo.

Mylicongas, un farmaco per l’eliminazione dei gas intestinali

Il farmaco in questione si chiama Mylicongas, e cercheremo di analizzare la sua posologia, i suoi possibili effetti collaterali e quando lo si deve...

recenti

Ipnovel: a cosa serve, posologia e controindicazioni

Ipnovel si caratterizza per essere un farmaco che presenta al suo interno il principio attivo midazolam e appartiene alla classe di medicinali che vengono...

Riflessologia facciale: Di cosa si tratta e a cosa serve!

La riflessologia plantare o Dien Chan è una pratica orientale, le sue origini si rintracciando nella tradizione vietnamita e, i terapeuti utilizzano i punti...

Fluorangiografia, un esame dell’occhio per capire se c’è corretto afflusso di sangue

Con il termine Fluorangiografia si vuole indicare un esame oculare che consente di visualizzare il flusso sanguigno all’interno dei vasi presenti nella retina e nella coroide.