come curare le orchidee
credit: stock.adobe.com

Con oltre 750 generi di orchidee, oltre 30.000 ibridi e più tipi introdotti ogni anno, c’è una grande varietà di orchidee da scegliere per gli appassionati di questo bellissimo fiore e della sua particolare pianta. Mentre il vero appassionato di orchidee potrebbe (e dovrebbe) passare molto tempo studiando attentamente attraverso interi tomi sulla crescita e la cura delle orchidee: il coltivatore principiante deve cominciare dalle basi e dalle varietà più semplici da coltivare. Iniziate ad imparare le basi per prendervi cura delle orchidee che sono generalmente robuste e facili da coltivare.

La scelta

Trova l’orchidea giusta per la tua casa. La specifica cura delle orchidee inizia scegliendo piante che sono adatte per un ambiente particolare. Dovete considerare l’adattabilità dell’orchidea, la facilità di coltivazione, la pronta disponibilità, e i loro bellissimi fiori. Alcune cose da tenere a mente quando si sceglie un’orchidea includono domande come: avrà l’orchidea abbastanza spazio quando sarà completamente cresciuta? O deve essere spostata da qualche altra parte? Potete fornire la giusta temperatura per le esigenze delle orchidee? Le orchidee possono essere suddivise in tre categorie secondo anche i requisiti di temperatura, fresca, intermedia e calda, il che significa che le orchidee richiedono determinate temperature minime notturne, al fine di crescere con successo.

La crescita

come curare le orchidee: la crescita
credit: stock.adobe.com

Avete una serra oltre ad un giardino, d’inverno, se necessario? Molte orchidee prospereranno meglio in un ambiente del genere che semplicemente in casa o su un portico posteriore. Comprate, altrimenti piante da fiore. Le piante che hanno già i fiori sono un ottimo acquisto, perché una pianta può richiedere fino a cinque anni per la produzione di un fiore. A meno che non siate estremamente pazienti, o avete già una serra piena di orchidee, probabilmente non vorrete aspettare così a lungo.

Acqua e nutrimento

Ecco ulteriori informazioni su come innaffiare le vostre orchidee. Le orchidaceae sono una delle più grandi famiglie di piante da fiore, e come tali ci sono molti sotto-famiglie, o variazioni, e hanno diverse esigenze di irrigazione. In generale, innaffiamo le orchidee ogni cinque o 12 giorni a seconda del tipo di orchidea, quella che è la temperatura, e il periodo dell’anno – più in estate, meno in inverno.

Come fare

come curare le orchidee: come fare
credit: stock.adobe.com

Mantenere queste varietà uniformemente umide (non bagnato) in tutti i tempi:

  • paphiopedilum
  • Miltonia
  • Cymbidium
  • Dontoglossum

Mantenere queste varietà uniformemente umide durante la crescita ma lasciarle asciugare tra le annaffiature:

  • Cattleya
  • Oncidium
  • Brassia
  • Dendrobium

Mantenere queste varietà quasi asciutte tra un’innaffiatura e l’altra:

  • Phalaenopsis
  • Vanda
  • Ascocenda

Fate attenzione a non bagnare le foglie quando innaffiate le vostre orchidee. Se si bagnano, asciugatele delicatamente con un tampone di tessuto o di cotone. Mantenete, diversamente, un’irrigazione media. Mai lasciare riposare in acqua la vostra orchidea, sarà come uccidere la pianta.

Le radici

Le orchidee epifite non sono piantate in terra, come quelle terrestri, ma nel guscio di una noce di cocco, in una corteccia o sughero. In alternativa, possono essere coltivate in cesti a doghe o su zattere di legno. Le loro radici crescono dall’alto, e non in fondo come di solito avviene nelle piante terrestri.

La cura

cura e potatura orchidee
credit: stock.adobe.com/Romolo Tavani

Nutrire l’orchidea? Ecco come. In generale, una volta al mese è la dose giusta per la maggior parte dei fertilizzanti ma è bene usare, per le orchidee, fertilizzanti contenenti azoto (N), fosforo (P) e potassio (K), più oligoelementi come il ferro (Fe). L’uso di fertilizzanti con una percentuale più alta di azoto può essere utile quando nuovi germogli stanno per germogliare, e i fertilizzanti con più fosforo e potassio invece si possono usare più avanti nella stagione. Non sovralimentate le orchidee – questo le può danneggiare. Se state crescendo la vostra orchidea sulla corteccia, utilizzate un concime che è significativamente più alto in azoto (con un rapporto di 30 (N) -10 (P) -10 (K)). I batteri nella corteccia in decomposizione consumerà un sacco di azoto. Innaffia la tua orchidea accuratamente prima di aumentarla.

Potatura

Comprendete le diverse esigenze di orchidee terrestri ed epifite. Molte orchidee sono epifite (di legno o di ramo in crescita) e richiedono diversi substrati di coltivazione di orchidee terrestri. L’epifite ha spessore, radici carnose utilizzate per attaccarsi ad alberi o cortecce e di assorbire acqua e sostanze nutritive; altre hanno radici aeree che cresceranno distaccate. Le orchidee epifite crescono meglio in miscele fuori suolo o attaccate a pezzi di corteccia o di sughero. Le orchidee epifite richiedono un supporto in crescita con buona aerazione e drenaggio. Sarà necessario rinvasarle in alcune occasioni, sia per aggiornarle, che per tenerne conto per la crescita. La primavera è il tempo usuale per rinvasare le orchidee. Qui ci sono alcune cose da considerare: le orchidee piantate nella corteccia dovrebbero essere rinvasate ogni 18 o 24 mesi, in generale.

Selezionate le dimensioni del piatto in base alle dimensioni della radice. Le orchidee tendono a preferire vasi più piccoli. Tutte le orchidee preferiscono essere un po’ legate con le loro radici che sporgono dalla parte superiore del supporto (o magari con radici aeree). Tuttavia, come le piante producono nuovi picchi, possono diventare troppo grandi per il loro piatto. Il piatto, insomma, influenzerà la crescita della pianta proprio come l’acqua.