Coxalgia: sintomi, cause e cure di questo dolore al coccige

    ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:07
    0
    148

    Il coccige è la parte inferiore della colonna vertebrale, e rappresenta una coda vestigiale (da cui il termine comune “coccige”) consistente in tre o più ossa molto piccole, fuse insieme.

    Ne deriva che la coxalgia è un dolore al coccige, una condizione poco conosciuta che può causare un dolore persistente nella parte inferiore della colonna vertebrale: si tratta di un dolore localizzato, che di solito è esacerbato quando si è seduti o si fa una qualsiasi attività che può mettere sotto pressione il coccige.

    Ma quali sono le cause della coxalgia? Quali i sintomi? E come poter trattare tale condizione?

    Cause della coxalgia

    La coxalgia è una condizione più comune nelle donne che negli uomini. Generalmente, viene determinata da un trauma come una caduta, che genera una lesione al disco vestigiale e ai legamenti, o ancora a causa del parto, che determina un’eccessiva pressione nell’area.  Raramente, la presenza di un’infezione o di un tumore può causare la coxalgia.

    Mentre inizialmente si pensava che il coccige fosse sempre fuso (senza movimento tra le vertebre coccigee), ora è in realtà noto che l’intero coccige non è un osso solido, ma vi è spesso un movimento limitato tra le ossa consentite dalle articolazioni fibrose e dai legamenti. Le ossa del coccige raramente possono fratturarsi e causare dolore.

    Si tenga conto inoltre che spesso il dolore al coccige viene genericamente confuso con un più diffuso dolore all’anca, che a sua volta può essere il risultato di una serie di fattori. A volte, le malattie che colpiscono altre articolazioni nel corpo, come l’artrite, possono essere la causa del dolore all’anca, o altre volte è un trauma (compresa la frattura ossea) a determinare fastidi in questa zona del corpo.

    Si pensi poi al fatto che il dolore nell’area dell’anca può anche essere causato da infezioni dolorose o altre condizioni della pelle, come l’herpes zoster, o ulteriormente come conseguenza di un problema alla schiena o alla colonna vertebrale.

    Sintomi della coxalgia

    Sintomi della coxalgia

    I principali e più noti sintomi della coxalgia possono includere:

    • dolore che peggiora quando si è seduti;
    • dolore locale nell’area del coccige che peggiora quando viene toccato o quando viene applicata pressione;
    • peggioramento quando ci si sposta da una posizione seduta a una posizione eretta;
    • peggioramento con la stitichezza, e miglioramento dopo un movimento intestinale.

    Diagnosi della coxalgia

    La coxalgia viene diagnosticata con specifici test, come raggi X, risonanza magnetica e scansioni TC.

    Questi test possono essere utili per indagare su eventuali lesioni al coccige, come fratture, masse, tumori o qualsiasi altra lesione. Un riscontro è solitamente dato anche dalla sensibilità locale nell’esame della palpazione del coccige: se questa sensibilità alla palpazione non si manifesta, allora il dolore probabilmente è causato da altra determinante esterna al coccige.

    Cure della coxalgia

    Cure della coxalgia

    I trattamenti per la coxalgia di solito non sono invasivi e sono generalmente piuttosto efficaci per poter trovare un sollievo sostenibile.

    In particolar modo, la prima linea di trattamento generalmente include:

    • applicazione del ghiaccio o di un impacco freddo all’area diverse volte al giorno per i primi giorni di dolore;
    • applicazione di calore o impacchi caldi nell’area dopo le terapie del ghiaccio;
    • esecuzione di alcune terapie di stretching: vengono eseguiti esercizi per allungare i muscoli e i tendini che sono presenti nelle articolazioni. Una buona routine di allenamento dovrebbe essere stabilita da un esperto professionista, per tutto il tempo utile;
    • fisioterapia: la terapia fisica è un aspetto importante del trattamento di quasi tutte le condizioni ortopediche. I fisioterapisti usano diverse modalità per aumentare la forza, recuperare la mobilità e aiutare i pazienti a tornare al livello di attività pre-infortunio;
    • somministrazione di farmaci antiinfiammatori non steroidei: il naprossene e l’ibuprofene, inibitori selettivi della cicloossigenasi 2 riducono l’infiammazione attorno al coccige, che di solito causa dolore;
    • evitare di sedersi per periodi prolungati o di fare pressione sulla zona, il più possibile;
    • usare cuscini ortopedici o un cuscino personalizzato per evitare la pressione che si esercita quando si è seduti nel coccige. Alcuni pazienti usano un cuscino a forma di ciambella, facendo attenzione a non determinare nuove pressioni sul coccige.

    Se il dolore al coccige è causato o aumentato dalla pressione dell’intestino a causa della costipazione, si raccomanda l’uso di ammorbidenti per le feci e una maggiore assunzione di fibre e acqua per ottenere movimenti intestinali morbidi e periodici.

    In ogni caso, trattandosi di una condizione discretamente complessa, con un numero di cause scatenanti piuttosto vario, è opportuna una tempestiva condivisione con il proprio medico curante.