Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Ernia addominale: tipologie e cause

L’ernia addominale è una patologia che prevede la fuoriuscita di un viscere dalla cavità addominale in cui di solito risiede. Tale situazione è provocata da un notevole indebolimento sia delle parte muscolari che di quelle fasciali. Infatti, normalmente dovrebbe essere proprio queste due pareti a conservare il viscere nella zona di sua competenza. Le ernie addominali vengono ribattezzate esterno, dal momento che i visceri fuoriescono fino all’esterno e questa è la principale differenza rispetto alle erniazioni interne, come ad esempio l’ernia cervicale o quella al disco). Nelle ernie addominali, quindi, si ha l’evidenza di una vera e propria protuberanza e secondo le statistiche si tratta della tipologia di ernie maggiormente diffuse, di cui soffre addirittura il 5-6% della popolazione mondiale.

Ernia addominale cause

All’interno della definizione di ernia addominale si possono comprendere diverse tipologie di erniazione. L’ernia addominale, quindi, può essere acquisita, come ad esempio le ernie da sforzo oppure quella da debolezza, oppure congenita, come ad esempio le ernie inguinali e ombelicali. Le ernie addominali acquisite si caratterizzano per avere alcune peculiarità in comune: l’anatomia addominale viene modificata e tale situazione può essere provocata da delle importanti problematiche legate alla respirazione, si può verificare per colpa dell’ascite, ci può essere il rischio di ernia addominale con delle gravidanze multiple e, tra le altre possibili cause, troviamo le lesioni traumatiche nella regione addominale, obesità e stipsi. Le ernie addominali congenite, invece, vengono provocate di solito da un brusco stop nella crescita della parte addominale nel corso della fase embrionale.

Ernia addominale inguinale

L’ernia inguinale si caratterizza per essere la tipologia maggiormente diffusa, visto che copre ben l’80% dei soggetti che soffrono di tale patologia. L’ernia inguinale può insorgere soprattutto nelle persone dai 20 fino ai 60 anni. Si tratta di un tipo di ernia che va a colpire prevalentemente i soggetti maschili. Nella maggior parte dei casi la prima manifestazione avviene nel corso dell’infanzia. Il motivo deriva dall’assenza di un’occlusione del dotto perineo vaginale. Con il passare degli anni sono altre le cause che possono provocare l’ernia inguinale acquisita, come ad esempio gravidanze, sovrappeso, sforzi eccessivi. Il grado di dolore sale nel caso in cui l’erniazione vada ad eseguire pressione in una zona con una notevole concentrazione di terminazioni nervose. In tutti i casi di maggiore gravità, l’ernia inguinale può progredire fino ad essere ernia strozzata, potendo provocare la morte per sincope, shock e gangrena. Il viscere erniato, quindi, viene praticamente soppresso da parte delle parti muscolari e legamentose della parete dell’addome, bloccando il passaggio del sangue nelle aree circostanti.

Ernia addominale ombelicale

L’ernia ombelicale si caratterizza per essere una particolare tipologia di ernia addominale che insorge dove si trova la cicatrice ombelicale ed è molto diffusa nei bambini, anche se qualche volta può manifestarsi anche nelle persone anziane. Nei bambini, l’ernia ombelicale è provocata dalla presenza di un difetto nella chiusura della parete addominale in seguito alla caduta del cordone dell’ombelico. In altri casi, l’ernia ombelicale può insorgere per colpa di patologie legate al metabolismo del collagene, all’ipotiroidismo congenito, alla sindrome da idantoina o alla sindrome di Down. Quando accade negli adulti, invece, l’ernia ombelicale può essere provocata da un incremento della pressione intra-addominale, la cui causa può essere una gravidanza, uno sforzo particolarmente intenso, neoplasie, ascite o cirrosi.  Nei neonati spesso non c’è nemmeno bisogno di intervenire chirurgicamente, visto che tale patologia ha la tendenza a scomparire in qualche mese. Negli adulti, invece, l’ernia ombelicale deve essere trattata per forza chirurgicamente, in maniera tale da evitare che possa progredire fino a portare a rischi per la vita del paziente (come nel caso dell’ernia strozzata).

Ernia addominale crurale

Quest’ernia addominale è stata ribattezza anche “femorale” e colpisce nella maggior parte dei casi le donne. Una delle caratteristiche dell’ernia addominale crurale è sicuramente quella della manifestazione dei sintomi, che avviene dopo i 30 anni di età del paziente. Questa tipologia di ernia addominale viene provocata da un indebolimento troppo importante della zona ileo-pubica, per colpa di una gravidanza o per via di un’attività fisica eccessivamente intensa. L’ernia crurale ha una maggiore tendenza alla degenerazione rapida in un’ernia strozzata. In alcuni casi, questo tipo di ernia può comportare dei fastidi a livello della coscia nel momento in cui il paziente mantiene una posizione eretta. Il dolore, invece, non viene aumentato dai colpi di tosse oppure dagli starnuti. Anche questo tipo di ernia addominale può essere curato solamente con un intervento chirurgico.