Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Feijoa, un frutto ricco per tanti fattori

La feijoa è il nome di una pianta tipica di alcune terre del Sudamerica, quali Argentina, Uruguay e Brasile, alta fino a sette metri e che cresce in ambienti tipicamente montani. È molto importante per i suoi frutti e per i loro valori nutrizionali.

La feijoa è il nome di una pianta tipica di alcune terre del Sudamerica, quali Argentina, Uruguay e Brasile, alta fino a sette metri e che cresce in ambienti tipicamente montani. È molto importante per i suoi frutti e per i loro valori nutrizionali.

Descrizione della feijoadescrizione della feijoa

Il frutto di questa pianta ha una scorza di colore verde con all’interno una polpa di colore bianco lucido e giallastro, gelatinosa e con molti semi. La grandezza è simile a quella di una prugna e, cosa importante da non trascurare, è che si tratta di un frutto commestibile. La sua maturazione, senza turbamenti metereologici, è prevista tra settembre e ottobre. Quando i frutti raggiungono la maturazione si staccano da soli dalla pianta e cadono. La loro durata è mediamente intorno ai cinque-sei giorni, se conservati in un ambiente fresco. Per comprendere se il frutto della feijoa è maturo non è sufficiente guardarne il colore della buccia, considerando che essa fin da subito raggiunge il suo colore tradizionale. In alternativa si può tastare il frutto: al tatto dovrà risultare consistente ma allo stesso tempo non duro da non subire la pressione.

Come mangiare la feijoacome mangiare la feijoa

Per gustare la feijoa, quando si è certi che abbia raggiunto la maturazione, solitamente si procede a tagliarla a metà e con un cucchiaino si estrae la polpa per gustarla, magari togliendo i semi che sono particolarmente duri. A differenza di altri frutti la buccia non è destinata ad essere mangiata e digerita dall’organismo. Inoltre la feijoa si può gustare non solo come semplice frutto, ma anche come marmellata, come frullato, come base per delle gustose torte o anche come base del gelato. Sono in molti che utilizzano la feijoa anche come condimento non solo per i dolci, ma anche per le verdure quali, ad esempio, le insalate.

I valori nutrizionali

Dal sapore dolce, tanto che alcuni considerano che la feijoa abbia un gusto che assomiglia a quello dell’ananas e della fragola, ha numerosi e interessanti valori nutrizionali. Schematizzando e semplificando possiamo dire che in 100 grammi di feijoa sono contenuti 82g di acqua e un valore nutrizionali di 55Kcal. Inoltre il frutto è composto da carboidrati, fibre, proteine e grassi, seppur in quantità minore.

Proprietà terapeutiche

Oltre ad avere interessanti proprietà nutrizionali, come ci si aspetta solitamente dai frutti, sono da prendere in considerazione anche molte proprietà sia terapeutiche che cosmetiche. Tra quelle terapeutiche sono da registrare la capacità della feijoa di contribuire allo sviluppo delle ossa nei bambini, così come al corretto sviluppo del sistema nervoso del feto. Inoltre la feijoa è indicata per combattere batteri e funghi, per la sintesi degli ormoni della tiroide e per migliorare il funzionamento dell’intestino.

Proprietà cosmeticheproprietà cosmetiche della feijoa

A livello estetico la feijoa contribuisce alla lucentezza dei capelli, a essere un cibo importante in una dieta dimagrante e all’idratazione della pelle. Mangiare questo frutto significa unire due e più buone cause in un solo alimento: la cura del proprio corpo sia a livello estetico che a livello fisico.

Alcune curiosità sulla feijoaaltre curiosità sulla feijoa

Anche la feijoa, come per altri frutti, esiste in molte varianti e permette diverse applicazioni; come abbiamo visto può essere utilizzata in cucina come frutto, in diverse ricette, ma anche come prodotto di bellezza, sia per le proprietà intrinseche del frutto che per realizzare delle maschere di bellezza. Sono due le curiosità più interessanti in merito alla feijoa: il primo è che sono davvero pochissime le controindicazioni e sono tutte riconducibili ad un eccessivo abuso del frutto, vale quindi la legge del buon senso. L’altra curiosità è che si pensa che la feijoa, forse anche per il suo nome esotico, abbia poteri afrodisiaci. A dire il vero la capacità di stimolare il desiderio sessuale da parte di alcuni frutti o prodotti non è stata mai scientificamente confermata. Alcuni alimenti contengono, questo sì, alcune sostanze che influenzano i circuiti ormonali, ma non sono responsabili diretti di un maggior desiderio o di una migliore prestazione. Quello che spesso si ignora in materia sessuale, è che ciò che determina se un rapporto sia buono, soddisfacente o meno, risiede nella mente e nell’intimità tra i due partner e non si può demandare solo a un prodotto da consumare come se le persone fossero macchine cui aumentare la potenza del motore.