Quali fattori influenzano la frequenza cardiaca
credit: stock.adobe.com

Anche se non siete degli atleti, la conoscenza della frequenza cardiaca potrebbe aiutarvi a monitorare il vostro livello di forma fisica e potrebbe persino aiutarvi a individuare eventuali problemi di salute. Ma che cos’è? Quale è la frequenza cardiaca normale?

La frequenza cardiaca è il numero di volte in cui il cuore batte al minuto. La frequenza cardiaca normale varia da persona a persona, e conoscere il proprio ritmo potrebbe divenire un indicatore di salute del cuore davvero importante.

Con l’avanzare dell’età, i cambiamenti nella frequenza e nella regolarità della frequenza cardiaca possono cambiare anche in modo rilevante, e possono aiutare a individuare una condizione cardiaca o un’altra condizione che deve essere affrontata con il proprio medico.

Dove misurare la frequenza cardiaca e quale è quella normale?

I posti migliori per misurare la frequenza cardiaca sono i polsi, nella parte interna del gomito, sul lato del collo, nella parte superiore del piede. Per ottenere una lettura immediata, ma magari non troppo precisa, potrebbe essere sufficiente mettere il ​​dito sul polso e contare il numero di battiti effettuati in 60 secondi.

La frequenza cardiaca a riposo misura il lavoro che viene effettuato dal cuore che pompa la quantità di sangue più bassa di cui avete bisogno quando non siete sotto sforzo.  Se siete seduti o sdraiati (e siete calmi, rilassato e non siete malato), la frequenza cardiaca è normalmente tra 60 (battiti al minuto) e 100 (battiti al minuto).

Ad ogni modo, una frequenza cardiaca inferiore a 60 non segnala necessariamente un problema medico. Potrebbe essere il risultato dell’assunzione di un farmaco come un beta-bloccante. Una frequenza cardiaca più bassa è peraltro anche comune per quelle persone che fanno molta attività fisica o sono molto atletiche. Le persone attive hanno infatti spesso battito cardiaco più basso perché il loro muscolo cardiaco è in condizioni migliori e non ha bisogno di lavorare così duramente per mantenere un ritmo costante.

Ad ogni modo, è anche vero che l’attività fisica – se moderata – di solito non modifica molto l’impulso di riposo. Se siete molto in forma, potrebbe passare a 40. Una persona meno attiva potrebbe avere una frequenza cardiaca tra 60 e 100. Questo perché il muscolo cardiaco deve lavorare di più per mantenere le funzioni corporee, rendendolo così in grado di determinare battiti più intensi.

Quali fattori influenzano la frequenza cardiaca

Quali fattori influenzano la frequenza cardiaca
credit: stock.adobe.com

Nelle righe che precedono abbiamo individuato alcuni fattori che sono in grado di influenzare la frequenza cardiaca. Ne esistono però altri. Vediamoli insieme:

  • temperatura dell’aria: quando le temperature (e l’umidità) salgono, il cuore pompa un po’ più sangue, e quindi la frequenza cardiaca può aumentare, ma in genere non più di 5 – 10 battiti al minuto rispetto allo standard;
  • posizione del corpo: riposo, seduto o in piedi, il polso è solitamente lo stesso. A volte, mentre state in piedi per i primi 15 – 20 secondi, il polso potrebbe salire un po’ di ritmo, ma dopo un paio di minuti dovrebbe stabilizzarsi;
  • emozioni: se siete stressati, ansiosi o straordinariamente felici o tristi, le proprie emozioni possono aumentare le pulsazioni;
  • dimensioni del corpo: le dimensioni del corpo di solito non cambiano di molto le pulsazioni. Se siete molto obesi, però, potreste vedere un impulso a riposo più alto del normale, ma di solito non più di 100;
  • uso di farmaci: i farmaci che bloccano l’adrenalina (beta-bloccanti) tendono a rallentare le pulsazioni, mentre un eccesso di farmaco per la tiroide o un dosaggio troppo elevato la solleveranno.

Quando chiamare il medico

Se state usando un beta-bloccante per ridurre la frequenza cardiaca (e la pressione sanguigna più bassa) o per controllare un ritmo anomalo (aritmia), il medico potrebbe chiedervi di monitorare e registrare la frequenza cardiaca. Tenere sotto controllo la frequenza cardiaca può aiutare altresì il medico a decidere se cambiare il dosaggio o passare a un altro farmaco.

Se il vostro polso è molto basso o se avete frequenti episodi di frequenza cardiaca accelerata “inspiegabile”, specialmente se vi fanno sentire debole o vi fanno avvertire capogiro o svenimento, informate il medico, che potrà valutare se si tratta o meno di un’emergenza.

Pressione sanguigna

Mentre la pressione del sangue è la forza del sangue che si muove attraverso i vasi sanguigni, la frequenza cardiaca è il numero di battiti cardiaci al minuto. Capire la differenza tra queste due misurazioni separate e indicatori di salute è molto importante,  e non solamente per evitare facili confusioni: la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna, infatti, non aumentano necessariamente alla stessa velocità

In altre parole, una frequenza cardiaca in aumento non fa aumentare necessariamente la pressione sanguigna alla stessa velocità. Anche se il vostro cuore batte più volte al minuto, i vasi sanguigni sani si dilatano (si ingrandiscono) per permettere a una maggiore quantità di sangue di fluire più facilmente. Quando vi allenate, ad esempio, il vostro cuore accelera in modo che più sangue possa raggiungere i vostri muscoli. Potrebbe pertanto essere necessario raddoppiare la frequenza cardiaca, mentre la pressione sanguigna potrebbe rispondere aumentando solo di una quantità modesta.

Nelle discussioni sull’ipertensione, vedrete inoltre molto spesso la frequenza cardiaca menzionata in relazione all’esercizio fisico. Se misurate la frequenza cardiaca (prendete il polso) prima, durante e dopo l’attività fisica, noterete che aumenterà nel corso dell’esercizio: maggiore è l’intensità dell’esercizio, maggiore sarà la frequenza cardiaca. Quando si interrompe l’allenamento, la frequenza cardiaca non ritorna immediatamente alla frequenza cardiaca normale (a riposo), anche se più si è in forma, e prima si ritorna alla normalità.

Frequenza cardiaca e aritmia

Frequenza cardiaca e aritmia
credit: stock.adobe.com

Il termine “aritmia” si riferisce a qualsiasi cambiamento dalla normale sequenza di impulsi elettrici. Gli impulsi elettrici possono ad esempio realizzarsi troppo velocemente, troppo lentamente o in modo irregolare, causando un battito del cuore troppo veloce, troppo lento o irregolare. Quando il cuore non batte correttamente, non può pompare il sangue in modo efficace e quando il cuore non pompa efficacemente il sangue, i polmoni, il cervello e tutti gli altri organi non possono funzionare adeguatamente e possono addirittura spegnersi o essere danneggiati.

Generalmente esistono diversi tipi di aritmie, e non tutte sono ovviamente delle emergenze mediche:

  • fibrillazione atriale: le camere cardiache superiori si contraggono irregolarmente;
  • bradicardia: battito cardiaco lento;
  • disturbi della conduzione: il cuore non batte normalmente;
  • contrazione prematura: battito cardiaco precoce;
  • tachicardia: frequenza cardiaca molto alta;
  • fibrillazione ventricolare: contrazione disorganizzata delle camere inferiori del cuore.

Per saperne di più, giova ricordare come il cuore abbia quattro camere, due a destra e due a sinistra:

  • due camere superiori sono chiamate atri;
  • due camere inferiori sono chiamate ventricoli.

Il cuore ha anche quattro valvole che si aprono e si chiudono per far fluire il sangue in una sola direzione quando il cuore si contrae (batte). Le quattro valvole cardiache sono:

  • valvola tricuspide, situata tra l’atrio destro e il ventricolo destro;
  • valvola polmonare, tra il ventricolo destro e l’arteria polmonare;
  • valvola mitrale, tra l’atrio sinistro e il ventricolo sinistro;
  • valvola aortica, tra il ventricolo sinistro e l’aorta.

Ogni valvola ha una serie di alette (chiamate anche volantini o cuspidi). La valvola mitrale ha due alette; gli altri ne hanno tre. Il flusso sanguigno si verifica solo quando c’è una differenza di pressione tra le valvole, che le fa aprire. In condizioni normali, le valvole consentono al sangue di fluire in una sola direzione.

Il cuore pompa il sangue ai polmoni e a tutti i tessuti del corpo da una sequenza di contrazioni altamente organizzate delle quattro camere. Affinché il cuore funzioni correttamente, le quattro camere devono battere in modo organizzato.

Detto ciò, il battito cardiaco (contrazione) inizia quando un impulso elettrico dal nodo seno-atriale (chiamato anche nodo SA o nodo sinusale) si muove attraverso di esso. Il nodo SA viene a volte indicato come “pacemaker naturale” del cuore, considerato che avvia impulsi per il battito cardiaco.

La normale sequenza elettrica inizia nell’atrio destro e si diffonde attraverso gli atri al nodo atrioventricolare (AV). Dal nodo AV, gli impulsi elettrici viaggiano lungo un gruppo di fibre specializzate chiamato sistema His-Purkinje a tutte le parti dei ventricoli.

Questo percorso esatto deve essere seguito affinché il cuore possa pompare correttamente. Finché l’impulso elettrico viene trasmesso normalmente, il cuore pompa e batte ad un ritmo regolare. In un adulto, un cuore normale batte da 60 a 100 volte al minuto.

Sancito quanto sopra, è più facile comprendere come le aritmie siano battiti anormali. Il termine “aritmia” si riferisce infatti a qualsiasi cambiamento dalla normale sequenza di impulsi elettrici, causando ritmi cardiaci anormali: non tutte le aritmie sono sicuramente pericolose per la vita, considerando anzi che la maggior parte sono completamente innocue.

Alcune aritmie sono così brevi (per esempio, una pausa temporanea o un battito prematuro) che la frequenza cardiaca o il ritmo generale non sono molto influenzati. Ma se le aritmie durano più a lungo, possono causare una frequenza cardiaca troppo lenta o troppo veloce o un ritmo cardiaco irregolare, determinando quindi un cuore che pompa meno efficacemente.

Ma quali sono le cause dell’aritmia?

Normalmente, le cellule con il più rapido sviluppo del cuore si trovano nel nodo sinusale (o senoatriale o SA), rendendo quell’area un pacemaker naturale. In alcune condizioni quasi tutti i tessuti del cuore possono iniziare un impulso del tipo che può generare un battito cardiaco. Le cellule nel sistema di conduzione del cuore possono automaticamente iniziare l’attività elettrica, che può interrompere il normale ordine dell’attività di pompaggio del cuore. I pacemaker secondari in altre parti del cuore forniscono un ritmo di “back-up” quando il nodo del seno non funziona correttamente o quando gli impulsi sono bloccati da qualche parte nel sistema di conduzione.

Un’aritmia si verifica quando:

  • il pacemaker naturale del cuore sviluppa un ritmo o ritmo anomalo;
  • il normale percorso di conduzione è interrotto;
  • un’altra parte del cuore prende il sopravvento come pacemaker.

Per saperne di più, consultate il vostro medico di famiglia e/o il cardiologo.

Fonti e bibliografia

  • Harrison. Principi di medicina interna. Dennis L. Kasper, Anthony S. Fauci, Dan L. Longo; Ed. CEA; 2016
  • Manual of Cardiovascular Medicine 5° Edition. Brian P. Griffin; Ed. Lippincott Williams and Wilkins; 2018
  • Cardiologia – Per Studenti e Medici di Medicina Generale. Trimarco B; Perrone-Filardi P. Esposito G; Perrino C; Piscione F; AAVV; Ed. Idelson-Gnocchi