Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Indigestione, cosa fare per risolvere il problema occasionale e cronico

L'indigestione è un disturbo che si manifesta a seguito di un pasto abbondante, con una sintomatologia più o meno pesante, a seconda dei casi.

Quando si parla di indigestione, si vuole indicare un disturbo che interessa l’apparato digerente e che si manifesta molto spesso a causa di un pasto troppo ricco ed abbondante. Esso può comparire anche dopo il consumo di alimenti nuovi, oppure dopo aver bevuto bevande alcoliche o gassate in grandi quantità.

L’indigestione è molto comune è colpisce tutte le fasce di età, dal bambino alla persona anziana. Consumare pasti troppo velocemente, in particolare cibi ricchi di grassi, oppure bere troppo caffè o alcool, sono le cause principali che determinano tale disturbo.

Anche lo stress emotivo, così come il consumo in dosi massicce di sigarette possono causarla. Ed infine la somministrazione abituale di determinati farmaci, che a lungo andare possono danneggiare lo stomaco o l’intestino, provocando così problemi nella digestione.

I sintomi più comuni

Ora elencheremo i sintomi più comuni che si manifestano quando un soggetto è affetto da indigestione alimentare:

1. Tensione addominale
2. Dolori addominali che tendono ad aumentare nel corso del tempo
3. Rigurgito di cibo
4. Rigurgito di succhi gastrici acidi
5. Bruciore allo stomaco
6. Nausea
7. Vomito
8. Sudorazione fredda
9. Malessere generale
10. Eccessiva salivazione

L’indigestione, oltre ad essere determinata dal consumo di cibi troppo pesanti o grassi, potrebbe essere il sintomo di specifiche patologie come ad esempio la colecistite, ovvero l’infiammazione della cistifellea, o ancora la presenza di gastrite acuta o cronica, di pancreatite, ulcera gastrica o duodenale.

Tra le complicazione che si possono manifestare, quella più frequente è il vomito. Se gli episodi di questo disturbo tendono a manifestarsi con molta frequenza possono provocare perdita rapida del peso corporeo e gravi conseguenze sull’organismo. Per questo consigliamo in tal caso di rivolgersi tempestivamente dal proprio medico di base.

Cure mediche

Quando l’indigestione è un evento occasionale, dovuto al consumo di pasti abbondanti nel periodo natalizio ad esempio, alcuni rimedi molto utili per contrastare il fastidio sono i farmaci antiacido. Molti di questi vengono realizzati con una base di calcio carbonato, oppure magnesio carbonato.

Sono due sostanze che sono in grado di neutralizzare l’eccessiva produzione degli acidi gastrici e di conseguenza di alleviare il dolore ed il bruciore di stomaco. Per contrastare invece l’indigestione, quando si manifesta con frequenza, esistono dei farmaci specifici che solo il vostro medico potrà prescrivere, una volta diagnostica la causa scatenante del problema.

In ogni caso, è possibile prevenire l’indigestione magari sforzandosi di consumare i pasti lentamente, masticando a lungo ed evitando di mangiare in piedi ad esempio, oppure evitare di telefonare o leggere mentre si sta a tavola.

Rimedi naturali

Tra i vari rimedi naturali che possono aiutare la favorire la digestione troviamo:

1. Camomilla: questa pianta che tutti noi conosciamo possiede proprietà che aiutano a favorire la digestione. Allevia la nausea, i forti dolori allo stomaco, il vomito e tutti i fastidi che si manifestano a causa di una indigestione. Essa agisce velocemente. Basta aggiungere semplicemente una bustina in una tazza di acqua calda, lasciarla in infusione e berla lentamente.

2. Tisana alla cannella: questa bevanda è ideale per alleviare il tipico fastidio di pesantezza che si manifesta a causa di un pasto abbondante. Basta consumare solo una tazza di questa tisana appena avvertite i sintomi tipici dell’indigestione, dopodiché attendere qualche minuto una volta consumata.

3. Coriandolo: grazie alle sue proprietà il coriandolo è un ottimo alleato contro i problemi di indigestione. Una volta che avete a disposizione la pianta fresca, sarà sufficiente mettere a bollire un rametto con acqua naturale per circa 10 minuti. Una volta raffreddata, consumate la bevande ed aspettate che il vostro stomaco si liberi.

Altri rimedi naturali

4. Tè alle erbe: una volta consumato un pasti pesante e ricco di grassi, bere una tazza di tè alle erbe aiuterà sicuramente a sentirsi meglio. Prendete una bustina di tè e lasciatela riposare in una tazza di acqua bollente per circa 5 minuti. Successivamente consumate il tè ancora caldo.

5. Arancia: questo frutto che utilizziamo in tavola oppure per realizzare delle gustose spremute, facilita la digestione perché al suo interno è presente l’acido citrico ed ascorbico. L’ideale è consumare la spremuta di arance fresche prima di mangiare. In questo modo si controlla la produzione dei succhi gastrici e di conseguenza a migliorare la digestione.

6. Bicarbonato di sodio: il bicarbonato di sodio quello che si utilizza ad esempio per pulire la frutta e la verdura in realtà è anche un potente rimedio casalingo per contrastare i problemi di indigestione. Preparalo in casa è molto semplice. Infatti basta aggiungere mezzo cucchiaino di esso in mezzo bicchiere di acqua ed attendere che il vostro stomaco si liberi dai fastidi.

7. Mela: questo frutto è molto ricco di fibre per questo è particolarmente indicato in presenza di indigestione. L’ideale è consumarla con la buccia perché ricchissima di proprietà benefiche per il nostro organismo. Una volta ingerita la mela, quando viene a contatto con l’apparato digerente è in grado di pulire le ostruzioni. Quindi dopo solo pochi minuti placa il fastidioso mal di stomaco.

Quando consultare il medico

Se uno o più sintomi dell’indigestione si manifestano con frequenza e durano molto più a lungo, è importante consultare tempestivamente il proprio medico. Rivolgersi al proprio medico anche quando alla normale sintomatologia si aggiunge forte dolore addominale e presenza di sangue nel vomito o nelle feci. Infine è importante raggiungere il proprio medico se al mal di stomaco si manifesta dolore alla mandibola, dolore toracico o alla schiena, sudorazione, ansia e difficoltà respiratoria, perché potrebbe trattarsi di un problema cardiaco.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella.
Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia