Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Insufficienza cardiaca congestizia: Cause e fattori di rischio

L’insufficienza cardiaca congestizia è una malattia progressiva e cronica. In pratica i muscoli del cuore sono indeboliti e questo impedisce che venga pompato il sangue abbastanza per far si che tutti i bisogni del corpo siano soddisfatti.

Si suddivide in due categorie. La prima è l’insufficienza cardiaca sistolica, la seconda è quella diastolica. In pratica:

  • Insufficienza cardiaca sistolica: il pompaggio è meno potente.

  • Insufficienza cardiaca diastolica: è così definita quando il cuore non si riempie completamente di sangue. E’ frequente nei pazienti con più di 75 anni di età e in quelli affetti da ipertensione. C’è una predisposizione maggiore negli uomini rispetto che nelle donne.

Quali sono le cause?

Possono essere diverse. Ad esempio malattie che impediscono al cuore di pompare sangue a sufficienza. Oppure patologie che richiedono più ossigeno di quanto il cuore sia capace di fornire. Anche l’età gioca un ruolo fondamentale, perché invecchiando i muscoli del cuore si indeboliscono.

Tra i disturbi che causano l’insufficienza cardiaca congestizia troviamo ad esempio la malattia coronarica, la pressione alta, la miocardite, le malattie cardiache congenite, la cardiomiopatia, l’aritmia cardiaca, l’ipertiroidismo, emocromatosi, anemia, amilodosi, assunzione di cocaina, esposizione a tossine e chemioterapia.

Quali sono i fattori di rischio?

L’insufficienza cardiaca congestizia può avere vari fattori di rischio, come ad esempio l’età, il fumo e l’alcol, l’obesità, lo stile di vita sedentario, l’ipertensione arteriosa, il diabete, ereditarietà, stile di vita sbagliata (come una dieta ricca di colesterolo, grassi saturi e sale), sindrome metabolica e precedenti attacchi di cuore!

Sintomi dell’insufficienza cardiaca congestizia

Sintomi dell'insufficienza cardiaca congestizia

In base alla parte del corpo colpita, cambiano i sintomi. Quando l’insufficienza cardiaca è a sinistra (più frequente), i sintomi possono essere la stanchezza, la debolezza, le palpitazioni, la mancanza di respiro, catarro rosato, minor produzione di urine, respiro affannoso, mancanza di respiro la notte, ritenzione di liquidi nei polmoni, aumento di peso.

Quelli della parte destra sono simili. I piedi, la pancia e le gambe sono gonfie. Questo perché si accumulano i liquidi nel corpo. Aumenta il bisogno di urinare. Le vene del collo sono sporgenti, il fegato s’ingrossa e c’è la possibilità che la persona soffra di ittero. Ancora può portare a stanchezza cronica, mancanza di respiro, svenimento, palpitazioni. Ma anche febbre e incapacità di concentrarsi.

Per diagnosticare la malattia viene effettuata la radiografia al torace, l’elettrocardiogramma e l’ecocardiogramma.

Quattro stadi dell’insufficienza cardiaca congestizia

  1. Primo stadio: inizia con una stanchezza lieve sotto sforzo, spesso viene avvertita come senso generale di debolezza. Molte persone non si rendono conto di avere questo problema perché associano la sensazione al troppo lavoro o lo stress.
  2. Secondo stadio: mancanza di respiro, palpitazioni, incapacità di fare sport. Anche un esercizio molto lieve può causare forti dolori.
  3. Terzo stadio: la persona sta bene solo in uno stato di riposo. Ogni minima attività causa mancanza di respiro, tosse. Alcune volte anche vertigini, senso di svenimento e accumulo generale di liquidi.
  4. Quarto stadio: il fastidio è avvisato anche a riposo. Possono comparire disturbi renali, problemi al fegato, all’intestino e ai polmoni.