La maggior parte delle diete funziona solo temporaneamente

Un nuovo studio ha scoperto che la maggior parte delle diete portano alla perdita di peso e alla riduzione della pressione sanguigna, ma che questi effetti desiderati scompaiono in gran parte dopo un anno. La nuova analisi pubblicata The BMJ mostra dunque che la maggior parte dei regimi alimentari dietetici, indipendentemente da quale esso sia, porta effettivamente a benefici che, però sono solo temporanei.

Lo studio, visionato anche dallo staff di salute.online si è basato sui risultati di 121 studi casuali condotti su quasi 22.000 pazienti. L’età media era di 49 anni, e ogni persona aveva seguito una dieta popolare – paleo, keto, mediterranea – o una dieta di controllo alternativa, riferendo di una perdita di peso e di diversi cambiamenti nei fattori di rischio cardiovascolare.

Secondo lo studio, però, l’evidenza statistica mostra che la maggior parte delle diete a base di macronutrienti, nell’arco di 6 mesi, si era tradotta in una moderata perdita di peso e in miglioramenti sostanziali dei fattori di rischio cardiovascolare come la pressione sanguigna. Tuttavia, dopo 12 mesi, l’effetto sulla riduzione del peso e i miglioramenti nei fattori di rischio cardiovascolari erano in gran parte scomparsi.

Uno studio simile di due anni fa, condotto sulla base di altre 29 ricerche a lungo termine sulla perdita di peso, ha mostrato che più della metà del peso perso è stato riguadagnato entro 2 anni, con una percentuale che sale a più dell’80% del peso perso entro 5 anni. Ciò suggerirebbe dunque che le persone interessate a perdere peso, e a mantenerlo, hanno bisogno di un piano più sostenibile rispetto alla semplice dieta.

Perché le diete sono a breve termine?

maggior parte delle diete
@musiena via Twenty20

Di solito quando qualcuno inizia una dieta ottiene una “auto-motivazione” dal fatto di vedere subito una immediata perdita di peso, soprattutto se ci si attiene rigidamente. Tuttavia, alla fine, e man mano che il corpo perde peso, il metabolismo rallenta e spesso la gente dimentica di regolare altri comportamenti.

Quando si perde peso, il metabolismo reagisce contro di te e rende più difficile continuare con questa tendenza al ribasso“, ha dichiarato Sharon Zarabi, direttore del programma bariatrico del Lenox Hill Hospital di New York. “Dobbiamo essere più in sintonia con ciò che funziona meglio per noi, senza sentirci privati, facendoci rimbalzare a precedenti stili alimentari malsani, sia che si tratti di macro, di intervalli di alimentazione, o di controllo delle porzioni”.

Come far sì che gli effetti durino più a lungo

Quando le persone iniziano una dieta, di solito sono molto entusiaste, e può essere più facile per loro preparare i pasti o tenere un frigorifero pieno di cibo sano“, ha dichiarato Despina Hyde-Gandhi, dietista del Programma di Gestione del Peso della NYU Langone. “Con il passare delle settimane, qualunque sia il comportamento da cui sono cambiati all’inizio, si comincia a tornare alle vecchie abitudini. Dobbiamo lavorare con i pazienti per cambiare completamente lo stile di vita, non solo la dieta”.

Ma cos’è un totale cambiamento di stile di vita? La ricetta non è così misteriosa. Anzi, è piuttosto semplice. Si tratta di mangiare bene e di fare esercizio fisico. La restrizione calorica è infatti un bene, ma per conservare i suoi effetti l’attività fisica e l’esercizio fisico devono aumentare, per creare una massa corporea magra. Più massa magra ha una persona, più elevato può essere il suo metabolismo.

Dieta chetogenica

Dieta chetogenica: tutto quello che c’è da sapere

coronavirus sta mutando

Il coronavirus sta mutando: ecco lo studio che lo dimostra