Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Liposuzione: cos’è e quali sono i rischi

Cos’è la liposuzione, quando farne ricorso e soprattutto, quali sono i rischi e le controindicazioni di questa procedura chirurgica.

La liposuzione non è una tecnica sostitutiva, non prende il posto di una dieta dimagrante ma piuttosto interviene in quelle zone del corpo dove non si riesce a perdere massa grassa. E’ un intervento vero e proprio ed in quanto tale, occorre una preparazione specifica e la consapevolezza dei rischi ai quali si va incontro.

Permette di eliminare il grasso da zone specifiche del corpo, come ad esempio i fianchi, i glutei, l’addome e le cosce. Aiuta a modellare il corpo ma non può essere usato per diminuire complessivamente il peso corporeo. Il sovrappeso deve essere trattato esclusivamente con una buona dieta e un corretto esercizio fisico.

I benefici della liposuzione sono essenzialmente due: permettono di modellare il corpo e aiutano a ridurre il numero delle cellule adipose. Inoltre questo intervento chirurgico permette di godere di risultati costanti nel tempo.

Liposuzione: zone del corpo più trattate

Liposuzione: zone del corpo più trattate

Ma quali sono le zone del corpo più trattate con la liposuzione? Sicuramente le cosce, i fianchi, i glutei, il petto, la schiena, l’addome, le braccia nella parte superiore ed il sottomento. Durante l’operazione quindi, il medico modella e rimuove le cellule adipose da una specifica zona del corpo.

E’ consigliato l’intervento a quelle persone che hanno una pelle molto elastica perché tra i principali rischi della liposuzione vi è proprio quello di non ottenere un modellamento della pelle intorno al nuovo profilo del corpo, invidiabile. Quando la pelle è poco elastica, appare allentata nelle zone trattate.

Come funziona l’intervento di liposuzione

Lo storico medico del paziente deve essere buono. Non deve soffrire di patologie coronariche, di diabete, di sistema immunitario indebolito.  Il medico deve sapere quali farmaci o integratori prende il paziente, di quali disturbi soffre o se ha patologie particolari. Quando c’è da rimuovere solo una piccola parte di grasso, l’operazione può essere effettuata anche dal medico altrimenti, è necessario l’intervento in ospedale. Esistono più tecniche di liposuzione. C’è quella tumescente, la più utilizzata. Il medico inietta fluidi nella zona da trattare così da diminuire la perdita di sangue e alleviare il dolore. Il chirurgo fa dei piccoli tagli nella pelle e inserisce un tubo sottile come una penna. Con questo strumento risucchia il grasso e i liquidi.

La liposuzione ad ultrasuoni è un altro metodo usato, alcune volte anche in concomitanza con quella tumescente. Viene inserito un emettitore di ultrasuoni sotto la cute. Rompe le cellule di grasso così da facilitare la rimozione. Tuttavia è più pericolosa perché può provocare ustioni o addirittura alcuni danni al sistema nervoso. La miglior procedura viene sempre stabilita dal medico.

Una volta terminato l’intervento, sono piuttosto frequenti i gonfiori ed i liquidi diffusi. Alcuni giorni per rimettersi in sesto sono necessari e per riprendere l’esercizio fisico o l’attività di sempre possono occorrere alcune settimane. All’inizio gli indumenti stretti provocano fastidio. Il medico di solito prescrive antibiotici per ridurre la possibilità d’infezione. Passato un mese circa, ecco che la zona inizia ad apparire meno voluminosa e dopo sei mesi il corpo ha un aspetto più gradevole.

Non vi sono invece miglioramenti per quanto riguarda la cellulite e le smagliature, in quanto la liposuzione non agisce su questi problemi della pelle.

Rischi della liposuzione

Rischi della liposuzione

La liposuzione comporta anche un certo margine di rischi, come tutti gli interventi chirurgici importanti. C’è il rischio che il corpo reagisca in modo indesiderato davanti all’anestesia, che sia sottoposto a infezioni o emorragie. La complicanza varia in base alla portata dell’operazione e per questo motivo dovete parlarne con il vostro medico.

Il rischio più comune è quello di una pelle irregolare anche in via permanente. Le incisioni per inserire il tubicino possono lasciare la pelle macchiata e inoltre possono formarsi anche delle sacche di liquido nella zona sottocutanea. La zona sottoposta ad intervento può essere colpita da un torpore temporaneo o permanente. C’è poi un rischio, raro ma possibile, di infezioni cutanee gravi. Possono accadere delle forature agli organi interni le quali possono provocare anche la morte. Può risultare fatale la liposuzione, anche se l’evenienza è davvero improbabile, a causa dei movimenti dei liquidi che possono portare a problemi gravi al cuore e i reni.