Malocclusione: tipico problema dentale che può diventare qualcosa di serio

329
malocclusione sintomi

malocclusione

Occlusione è un termine che viene utilizzato come riferimento all’allineamento dei denti. Idealmente, i denti dovrebbero adattarsi facilmente all’interno della bocca, senza alcun problema di affollamento o spaziatura. Inoltre, nessuno dei denti dovrebbe ruotarsi o attorcigliarsi.

I denti della mascella superiore devono sovrapporsi leggermente a quelli della mascella inferiore, in modo che le creste appuntite dei molari si inseriscano negli spazi del molare opposto.

Deviazioni dall’occlusione ideale sono conosciuti come malocclusione. Il tipo di deviazione è variabile, ma qualsiasi tipo di disallineamento può causare problemi. È necessario allineare i denti superiori per evitare morsi alle labbra e alla guance, mentre è importante allineare i denti inferiori per proteggere la lingua dai morsi.

Ci sono tre principali classi di malocclusione:

  • classe 1

è la più comune tra le tre, dove i denti superiori si sovrappongono a quelli inferiori.

  • classe 2

questa condizione, nota come retrognazia, porta i denti superiori e la mascella a sovrapporsi in maniera significativa ai denti inferiori e alla mandibola.

  • classe 3

è anche nota come prognatismo e si verifica quando la mascella inferiore sporge in avanti. Questo fa sì che i denti inferiori si sovrappongono ai denti superiori e alla mascella.

Malocclusione, ecco le cause

malocclusione cause

È in genere una malattia ereditaria. Ciò significa che può venire trasmessa da una generazione all’altra. Ci sono alcune condizioni o abitudini che possono modificare la conformazione e la struttura della mandibola. Questi includono:

  • labioplalatoschisi
  • utilizzo frequente del ciuccio dopo i 3 anni di età
  • succhio del pollice durante la prima infanzia
  • infortuni che portano al disallineamento della mascella
  • tumori alla bocca o alla mandibola
  • ostruzione delle vie respiratorie causate da allergie, tonsille o adenoidi.

Sintomi

malocclusione sintomi

A seconda della classificazione della malocclusione, i sintomi del disturbo possono essere lievi o gravi. I segnali tipici sono:

  • disallineamento dei denti
  • alterazione nell’aspetto del viso
  • frequente sensazione di puntura nelle guance interne o nella lingua
  • fastidio durante la masticazione o il morso
  • difficoltà di linguaggio
  • respirazione attraverso la bocca piuttosto che dal naso.

Trattamenti

malocclusione trattamenti

La maggior parte delle persone affette da malocclusione di lieve entità non richiedono alcun trattamento. Tuttavia, il dentista può fare riferimento a un ortodontista se la situazione è grave. A seconda della gravità, è possibile raccomandare diversi trattamenti, tra cui:

  • apparecchio per correggere la posizione dei denti
  • rimozione dei denti per correggere il sovraffollamento
  • rimodellamento o tappatura dei denti
  • intervento chirurgico per rimodellare o accorciare la mascella
  • inserimento di fili o piastre per stabilizzare l’osso della mascella.

I trattamenti per la malocclusione possono talvolta provocare alcune complicazioni tra cui carie, dolori, irritazioni e difficoltà di masticazione.

Le cure in genere correggono il problema, ma il tutto varia da caso a caso. Un trattamento rapido in età infantile riduce la durata della cura che sarà anche meno costosa. Anche gli adulti possono ottenere buoni risultati. Tuttavia, il trattamento per gli adulti avrà una durata più lunga e un costo più alto. Quindi, prima si tratterà la malocclusione e migliore sarà il risultato.

Parliamo di prevenzione

malocclusione prevenzione

Prevenire la malocclusione può essere difficile perché, come abbiamo visto nei paragrafi iniziali, la condizione in alcuni casi è ereditaria. È comunque possibile parlare di prevenzione, apportando alcuni accorgimenti durante la prima infanzia del bambino. Per esempio, si dovrebbe limitare l’uso del ciuccio o del biberon per contribuire a ridurre i cambiamenti nello sviluppo della mascella.

Inoltre, una diagnosi rapida aiuta a ridurre la lunghezza e la serietà del trattamento necessario a risolvere il problema.