Medrol, cosa è e per quali disturbi usare il metilprednisolone

429
Medrol

Medrol è un farmaco a base di metilprednisolone, usato per trattare condizioni come l’artrite, i disturbi del sangue, gravi reazioni allergiche, alcuni tipi di cancro, patologie agli occhi, malattie della pelle / reni / intestinali / polmonari e disturbi del sistema immunitario.

Il medicinale è in grado di ridurre la risposta del sistema immunitario a varie malattie, e contenere sintomi quali gonfiore, dolore e reazioni di tipo allergico. Il metilprednisolone può anche essere usato con altri farmaci, nei disturbi ormonali.

Come usare Medrol

Medrol è disponibile sottoforma di soluzione da assumere per via orale secondo le indicazioni fornite dal medico, di solito con cibo. Considerata la natura del farmaco, è opportuno seguire attentamente le istruzioni di dosaggio, che unitamente alla durata del trattamento dovranno basarsi sulle effettive condizioni mediche e sulla risposta al trattamento.

Per le stesse ragioni, è opportuno non aumentare la dose o utilizzare questo farmaco più spesso o più a lungo di quanto prescritto: le vostre condizioni non miglioreranno di certo più velocemente e, anzi, aumenterà il rischio di effetti collaterali. Ancora, è bene non smettere di prendere questo farmaco senza consultare il medico: potrebbero infatti verificarsi alcune condizioni di peggioramento o potrebbero verificarsi sintomi di astinenza (come debolezza, perdita di peso, nausea, dolori muscolari, mal di testa, stanchezza, vertigini) quando questo farmaco viene improvvisamente interrotto. Per prevenire questi sintomi di astinenza quando si interrompe il metilprednisolone, il medico può consigliare di ridurre gradualmente la dose.

Effetti collaterali di Medrol

Effetti collaterali di Medrol

Per quanto non comuni, con Medrol possono verificarsi nausea, vomito, bruciore di stomaco, mal di testa, vertigini, disturbi del sonno, cambiamenti dell’appetito, aumento della sudorazione o acne. Se uno qualsiasi di questi effetti persiste o peggiora, è opportuno informare immediatamente il proprio medico.

Ricordate anche che il vostro medico ha prescritto questo farmaco perché ha valutato che il beneficio per voi sarebbe maggiore del rischio di effetti collaterali, e che comunque la maggior parte delle persone che assumono Medrol non avvertono gravi effetti collaterali.

Tra le altre conseguenze dell’assunzione del farmaco, ricordiamo come il medicinale possa far aumentare la glicemia, che può causare o aggravare il diabete. Informate pertanto immediatamente il medico se avete sintomi di glicemia alta (come aumento della sete / minzione). Se avete già il diabete, controllate regolarmente il livello di zucchero nel sangue come indicato, e condividete i risultati con il medico. Potrebbe altresì essere necessario assumere o aggiustare i farmaci antidiabetici, il programma di esercizi o la dieta.

Ancora, ricordiamo come questo farmaco può ridurre la capacità di combattere le infezioni, incrementando le probabilità di contrarre un’infezione grave. Informate immediatamente il medico se avete segni di infezione (come febbre, brividi, mal di gola persistente, tosse, chiazze bianche nella bocca). Informate inoltre il medico se avete effetti collaterali gravi, tra cui: aumento di peso insolito, cambiamenti mestruali, dolori ossei / articolari, lividi / sanguinamento, cambiamenti dell’umore (come sbalzi d’umore, depressione, agitazione), debolezza muscolare / dolore, viso gonfio, guarigione lenta della ferita, gonfiore delle caviglie / piedi / mani, pelle diradata, insolita crescita di peli, problemi di vista, battito cardiaco veloce / lento / irregolare.

Raramente questo medicinale può inoltre causare emorragia dallo stomaco o dall’intestino: informate il medico in caso di sintomi come feci nere / sanguinolente, vomito, persistente dolore allo stomaco / addominale.

Ancora più rara è una reazione allergica al farmaco è rara. Tuttavia, in questo caso è fondamentale ottenere assistenza medica immediata subito dopo la comparsa di sintomi come eruzione cutanea, prurito / gonfiore (specialmente del viso / lingua / gola), forti capogiri, problemi di respirazione.

Precauzioni sull’uso di Medrol

Prima di assumere metilprednisolone, informate il medico o il farmacista se siete allergici al principio attivo o al prednisone, o se in generale avete altre allergie a uno degli ingredienti inattivi e agli eccipienti del farmaco, che possono comunque causare reazioni allergiche o altri problemi.

Ancora, prima di usare questo farmaco, informate il medico o il farmacista della vostra anamnesi, e in particolare di: problemi di sanguinamento, coaguli di sangue, fragilità delle ossa (osteoporosi), diabete, malattie degli occhi (come cataratta, glaucoma, infezione da herpes dell’occhio), problemi cardiaci (come infarto cardiaco recente, insufficienza cardiaca congestizia), pressione alta, infezioni attuali / passate (come quelle causate da tubercolosi, nematodi, herpes, funghi), malattie renali, malattie del fegato, condizioni mentali / mentali (come psicosi, depressione , ansia), problemi gastrici / intestinali (come diverticolite, ulcera, colite ulcerosa), convulsioni.

Medrol e vertigini

Medrol potrebbe farvi venire le vertigini. Per questo motivo, non guidate, usate macchinari o svolgere azioni che hanno bisogno di attenzione fino a quando non sapete di poterlo fare in sicurezza.

Sempre in merito alle precauzioni di Medrol, evidenziamo come il medicinale possa causare in rari casi il sanguinamento dello stomaco, e che l’uso quotidiano di alcol durante la fruizione del farmaco può aumentare il rischio.

Il metilprednisolone può inoltre aumentare le probabilità di contrarre infezioni o peggiorare le attuali. Pertanto, lavatevi bene le mani per prevenire la diffusione dell’infezione ed evitate il contatto con persone che hanno infezioni che possono diffondersi ad altri (come la varicella, il morbillo, l’influenza).

È poi noto che l’uso prolungato di farmaci a base di corticosteroidi possa rendere più difficile per il vostro organismo rispondere allo stress fisico. Pertanto, prima di sottoporsi a interventi chirurgici o di emergenza, o se avete una grave malattia / infortunio, informate il medico o il dentista che state usando questo farmaco o che avete usato questo farmaco negli ultimi 12 mesi. Informate anche immediatamente il medico se sviluppate stanchezza insolita o perdita di peso.

Gli anziani potrebbero essere più sensibili agli effetti collaterali di questo farmaco, in particolare in caso di ossa fragili (osteoporosi).

Medrol in gravidanza e in allattamento

Medrol in gravidanza e in allattamento

Durante la gravidanza, questo farmaco deve essere usato solo quando chiaramente necessario, e sempre dietro una piena e attenta condivisione medica. Questo farmaco passa inoltre nel latte materno, ma è improbabile che possa danneggiare il bimbo: consultare comunque il proprio medico prima di allattare.

Interazioni di Medrol

Alcuni prodotti potrebbero interagire con questo farmaco: aldesleukin, mifepristone, altri farmaci che possono anche causare sanguinamento / lividi (inclusi farmaci antipiastrinici come clopidogrel, “fluidificanti del sangue” come warfarin / dabigatran, FANS come ibuprofene, celecoxib, aspirina, salicilati).

Altri farmaci potrebbero invece influire sulla rimozione di metilprednisolone dal corpo, e dunque influire sul funzionamento del principio attivo. Esempi includono antifungini azolici (come ketoconazolo), boceprevir, ciclosporina, estrogeni, inibitori della proteasi dell’HIV (come ritonavir), antibiotici macrolidi (come l’eritromicina), rifamicine (come rifampicina), erba di San Giovanni, alcuni farmaci usati per trattare convulsioni (come fenitoina, fenobarbital), telaprevir, tra gli altri.

Questo farmaco può infine interferire con alcuni test di laboratorio (come i test cutanei), causando probabilmente risultati falsi. Assicuratevi che l’analista di laboratorio sappiano che usate questo farmaco.