Mylicongas, un farmaco per l’eliminazione dei gas intestinali

485

Tra i numerosi dispositivi medici per la cura del gonfiore intestinale e del meteorismo esiste in commercio un farmaco a base di simeticone, un principio attivo di cui parleremo approfonditamente in questa sede. Il farmaco in questione si chiama Mylicongas, e cercheremo di analizzare la sua posologia, i suoi possibili effetti collaterali e quando lo si deve utilizzare per la cura di queste fastidiose affezioni intestinali.

A che cosa serve Mylicongas?

A che cosa serve Mylicongas?

Questo medicinale ha la funzione di eliminare dall’intestino i gas intestinali, i quali solitamente si formano a seguito dei processi digestivi, oppure a causa della eccessiva fermentazione della materia organica nelle pareti.

In questo modo, tutti coloro che soffrono di dolori e crampi addominali, senso di gonfiore e meteorismo, possono trovare un’ottima cura per l’espulsione dall’intestino di tale materiale gassoso.

Il principio attivo che ne è alla base, ossia il simeticone, agisce andando ad assorbire ed eliminare in maniera naturale i gas che si formano all’interno dell’apparato gastroenterico, il quale spesso, a causa di metabolismi non perfetti, o di cattive abitudini alimentari, provoca la formazione di bolle d’aria in questi tratti.

Mylicongas è disponibile a livello di formato sia in gocce che in compresse, a seconda che il paziente sia un adulto o un bambino: infatti le compresse masticabili sono solitamente indicate per pazienti adulti, mentre per i più piccoli, ed in particolar modo per i neonati, le gocce orali sono il modo più semplice per favorire l’assunzione di Mylicongas.

Ma andiamo ad analizzare meglio queste due forme di principio attivo, concentrandoci sulle modalità di somministrazione.

Mylicongas gas in compresse: un farmaco specifico per adulti

Per quanto riguarda i soggetti adulti, Mylicongas si trova disponibile in farmacia nel formato di compresse masticabili, le quali sono di solito vendute in scatole da 24 o 50, e al cui interno vi sono presenti 40 milligrammi di simeticone.

Per quanto riguarda le altre sostanze eccipienti all’interno di una singola compressa masticabile, esse sono, nell’ordine:

  • saccarina;
  • acido alginico;
  • lattosio;
  • sodio bicarbonato;
  • povidone;
  • calcio silicato idrato;
  • magnesio stearato.

Posologia di Mylicongas per adulti

Per quanto riguarda invece le dosi di somministrazione di questo medicinale, all’interno del foglietto illustrativo si consiglia di solito di assumere una dose massima di 4 compresse al giorno, le quali sono da suddividere equamente tra i due pasti principali, ossia due compresse a pranzo e due a cena.

Mylicongas gas per bambini

Per quanto riguarda invece i neonati o i bambini che soffrono di coliche gassose, Mylicongas è invece disponibile in gocce orali, contenute all’interno di un flacone da 30 millilitri di soluzione.

Il simeticone, grazie alla sua azione di eliminazione dei gas intestinali, allevia i sintomi delle coliche, favorendo la scomparsa dei dolori addominali nel neonato.

Posologia di Mylicongas per bambini

La dose consigliata di Mylicongas in gocce per neonati è invece di 20 gocce totali, le quali possono essere somministrate da un minimo di 2 ad un massimo di 4 volte al giorno, preferibilmente dopo i pasti.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Controindicazioni ed effetti collaterali

Al pari di tutti i medicinali, anche Mylicongas presenta alcune controindicazioni ed effetti collaterali, ai quali è bene prestare la massima attenzione onde evitare conseguenze anche gravi per la salute.

In primo luogo, qualora vi fossero soggetti ipersensibili, intolleranti o allergici al simeticone, o ad uno solo degli eccipienti presenti all’interno, occorre immediatamente sospendere il trattamento e recarsi presso il proprio medico di fiducia per valutare trattamenti alternativi.

Per ciò che riguarda invece le interazioni con altri farmaci, Mylicongas non presenta alcunché di rilevante a livello chimico e clinico; perciò lo si può assumere anche se si è sottoposti a particolari terapie farmacologiche in tutta tranquillità.

Se invece il paziente che soffre di meteorismo è una donna in stato di gravidanza o di allattamento, è sempre bene chiedere consiglio al medico o al farmacista per evitare effetti anche gravi sulla propria salute e su quella del nascituro o del lattante.

Qualora infine vi fossero sintomatologie di sorta che compaiono dopo l’assunzione di Mylicongas, è bene immediatamente sospendere il farmaco e recarsi dal medico di fiducia per monitorare le proprie condizioni e procedere ad eventuali indagini diagnostiche.

A tal proposito, tra i rari effetti collaterali che si segnalano all’assunzione di Mylicongas rientrano:

  • vomito;
  • eruzioni sulla pelle;
  • gonfiore del viso;
  • gonfiore degli occhi;
  • gonfiore delle labbra;
  • gonfiore della lingua;
  • gonfiore della gola, con conseguente difficoltà nel respirare.

Qualora abbiate uno qualunque di questi sintomi, dovete necessariamente sospendere il trattamento e recarvi presso il vostro medico curante per valutare terapie alternative e curare tali patologie indesiderate.

Che cosa fare in caso si abbia assunto una dose eccessiva di Mylicongas

Come detto in precedenza, le dosi di Mylicongas, sia negli adulti che nei bambini, vanno rispettate in maniera scrupolosa, al fine di evitare danni per la propria salute.

Tuttavia, nel caso in cui un soggetto abbia assunto una dose eccessiva di principio attivo, occorre al più presto consultare il proprio medico o il farmacista.