Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Puntura calabrone: come prevenirla e come trattarla correttamente

Che cosa è la puntura calabrone, che cosa determina, come poterla prevenire correttamente e come intervenire con una cura efficace.

La puntura di calabrone rappresenta una delle più temute esperienze durante le piacevoli scampagnate estive. Ma di cosa bisogna avere timore? Come è possibile ridurre la possibilità di essere punto da un calabrone? E quali potrebbero essere le possibili reazioni a una puntura di un calabrone? E come trattarle in caso di allergia o meno? Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza!

Cosa punge, e cosa no

Innanzitutto, calabrone e api si trovano nell’ambiente naturale un po’ ovunque sul nostro territorio, e nella stragrande maggioranza dei Paesi in cui potreste recarvi per le vacanze. Utilizzati come impollinatori nelle colture agricole e orticole, ci sono varie sottospecie con aspetti diversi tra di loro (come i colori), con l’evidenza però che di solito i bombi sono più grandi delle api domestiche e più pelosi delle vespe.

Detto ciò, solo gli operai e le regine dei calabroni hanno un pungiglione, esattamente come nel caso delle api e delle vespe, mentre gli altri non possono pungere. Il pungiglione è inoltre non un’arma di attacco, bensì di difesa. In ogni caso, quel che avviene potrebbe esser ben noto: quando un’ape punge, un po’ di veleno viene iniettato nel corpo attraverso il pungiglione, generando un dolore breve e intenso che poi si attenua. Occasionalmente (in circa l’1% dei casi) si sviluppa una reazione allergica al veleno iniettato.

Come prevenire le punture di calabrone

Raramente i calabroni sono portati a pungere gli umani. E, in ogni caso, la possibilità di essere punto da un calabrone può essere fortemente ridotta evitando di provocarli o rendendoli aggressivi. Prima di tutto, è importante essere calmi quando ci si ritrova a stretto contatto con i calabroni, evitando di agitare le braccia sui bombi, urtare l’alveare, toccarli e così via.

Inoltre, siate consapevoli che i calabroni possono reagire in modo aggressivo a odori come alcol, sudore, profumi, saponi profumati, dopobarba e così via. Inoltre, anelli, bracciali e orologi possono causare un comportamento aggressivo (dovuto al profumo del materiale ossidato tra la pelle e la gioielleria). Non tutti sanno infine che i bombi sono attratti dal colore blu, compresi gli abiti blu e in particolare il blu chiaro. Indossare indumenti protettivi può ridurre il rischio di punture anche se i bombi possono pungere attraverso i vestiti.

Reazioni e trattamenti alle punture di calabrone

trattamenti alle punture di calabrone

Di solito una puntura di calabrone porta a una reazione locale non allergica: gonfiore, prurito e arrossamento sul sito della puntura, che dura solo un paio d’ore, sono dunque tutto ciò che dovreste attendervi.

Una situazione che può verificarsi direttamente dopo la puntura, ma più in generale prende il via dopo alcune ore. In alcuni casi, il gonfiore o il prurito possono durare ore o addirittura giorni. In alcuni casi, la reazione locale può anche diffondersi in una zona più ampia e, in questo caso, di solito ci vuole più tempo perché i sintomi scompaiano del tutto.

Trattamento di una reazione locale non allergica

Di solito il trattamento medico non è necessario in caso di puntura di un calabrone, ma alcune misure possono comunque essere assunte per minimizzare la reazione locale, in particolare se la persona è stata punto in una zona sensibile, come quella vicino agli occhi.

Appena possibile dopo essere stati punti, in particolare, la persona dovrebbe prendere un antiinfiammatorio (come l’aspirina o ibuprofene). Gli impacchi freddi dovrebbero essere applicati al sito, così come uno dei numerosi unguenti anti-prurito (ad esempio contenente dietil-m-toluamide).

Nel raro caso di una puntura nella bocca o nella faringe, il paziente deve essere portato immediatamente in ospedale, perché ciò potrebbe causare ostruzioni delle vie respiratorie. In ospedale, il paziente riceverà corticosteroidi (come il prednisone) e sarà tenuto sotto osservazione.

Reazione allergica alla puntura di calabrone

In circa l’1% della popolazione, punture ripetute (o in alcuni casi solo due o tre punture) possono portare a una reazione allergica, detta anche “reazione allergica generale”, una reazione allergica sistemica o una reazione anafilattica. Poiché una reazione allergica coinvolge anticorpi formatisi durante un’esposizione precedente ad un antigene, non è possibile avere una reazione allergica dopo la prima puntura. Le reazioni allergiche di solito diventano evidenti molto presto dopo la puntura (da pochi secondi a mezz’ora dopo la puntura).

Più approfonditamente, le reazioni allergiche sono di solito classificate in quattro livelli, in ordine crescente di gravità:

  • Livello 1 – prurito, arrossamento e gonfiore (orticaria, orticaria) su tutto il corpo;
  • Livello 2 – sintomi di livello 1 più problemi intestinali (vomito, diarrea);
  • Livello 3 – livello 1 e / o 2 sintomi più difficoltà respiratorie e / o sensazione di soffocamento;
  • Livello 4 – livello 1 e / o 2 e / o 3 sintomi più palpitazioni cardiache, svenimento, shock anafilattico (accompagnato da vertigini, sudorazione eccessiva e brividi freddi).

Come trattare una reazione allergica

Come trattare una reazione allergica

In caso di febbre o reazione di Livello 1, è opportuno contattare un medico, che cercherà di comprendere come si evolve la situazione e, di conseguenza, come intervenire in modo più appropriato. È anche auspicabile un periodo di osservazione in ospedale, in quanto la reazione può aumentare progressivamente nel tempo. In caso di vomito e in caso di sintomi di grado 3 o 4, la vittima deve essere immediatamente ricoverata in ospedale.

Ad ogni modo, se si verifica una reazione allergica, è utile la somministrazione di un antistaminico (come la clemastina). L’antistaminico riduce il gonfiore causato dall’istamina nel veleno. Talvolta vengono prescritti corticosteroidi (come DAF / desametasone). Nel caso delle reazioni di livello 3 o 4, è necessario somministrare prima l’adrenalina. L’adrenalina stimola il cuore, restringe i vasi sanguigni e apre le vie respiratorie.

L’adrenalina può essere auto-somministrata mediante un autoiniettore di adrenalina (come EpiPen o Jext), disponibili solo su prescrizione medica (dunque, potrebbero essere condivisi se il paziente ha già avuto una reazione allergica a una puntura di calabrone). A seconda dei regolamenti locali, un iniettore di adrenalina può anche essere disponibile presso le aziende in cui i dipendenti lavorano in ambienti che li espongono a stretto contatto con i bombi.

Vivere con un’allergia a calabrone

Se avete avuto una reazione allergica una volta, non avrete necessariamente una reazione allergica alla prossima puntura. Se avete avuto una reazione di livello 1 o 2, in particolare, la possibilità è piuttosto ridotta. In ogni caso, le reazioni alle punture di calabrone possono differire in ciascun caso.

Ancora, tenete a mente che è sempre possibile fare un test usando il veleno di bombo purificato per determinare se si verificherà una reazione allergica la prossima volta che si viene punti. È anche possibile usare il veleno purificato per un trattamento di iposensibilizzazione.

Infine, ricordiamo come l’immunoterapia con veleno di api non protegge necessariamente i pazienti con allergia a calabrone e che se non si desidera sottoporsi a un trattamento di iposensibilizzazione, è possibile ottenere una prescrizione per un autoiniettore di adrenalina (come EpiPen o Jext) dal proprio medico.