Valeriana in gocce per dormire e non solo. Tutti i benefici.

362
Valeriana in gocce

Questa pianta, sotto forma di estratto, ovvero in gocce, aiuta in tutti quei casi dove si vuole ottenere riposo fisico e mentale in maniera naturale, senza l’utilizzo di farmaci.

I tipi di valeriana che si possono trovare sono moltissimi, ma la valeriana a scopo curativo è quella officinalis, ricchissima di proprietà e di principi attivi di tipo sedativo e calmante, che agiscono sia sul nostro sistema nervoso, sia sull’intestino. Queste proprietà sono concentrato in maniera particolare nelle sue radici, che vengono sottoposte ad essiccazione e poi impiegate per la preparazione di tisane, capsule oppure in valeriana in gocce.

La valeriana, come quasi tutte le piante officinali, era conosciuta e largamente usata già in tempi antichi, quando veniva raccolta ai margini dei boschi in Europa, Nord America, e in misura minore nelle zone tropicali dell’America meridionale. In passato veniva conosciuta anche come erba dei gatti, per la particolarità di attrarre questi felini, con il risultato che è sempre stato difficile coltivarla in casa e in ambienti domestici dove sono presenti dei gatti che ne sono affascinati e ne vanno ghiotti per presunti effetti afrodisiaci.

Proprietà e benefici

Nella valeriana sono presenti diversi alcaloidi e flavonoidi, ovvero i responsabili delle proprietà distensive e rilassanti di questa pianta, che aiutano il sistema nervoso quando si presentano stati che generano ansia, oppure stress, che impediscono il normale riposo notturno.

Nelle radici della valeriana sono presenti inoltre sostanze ipnoindicenti, ovvero che sono in gradi di contribuire al sonno, in maniera tale da diminuire i tempi di veglia e quindi addormentarsi più velocemente e migliorare la qualità della nostra vita.

I flavonoidi insieme a i terpeni agiscono positivamente in casi di crampi muscolari, e quindi è deducibile che la valeriana è utilissima anche per placare gli spasmi addominali causati da colite.

I benefici che si trovano all’interno di questa pianta miracolosa, sono legati alle sue proprietà rilassanti ed al fatto che favorisce il sonno ristoratore.

Molte persone utilizzano la valeriana in gocce la sera prima di addormentarsi per favorire il sonno, specialmente quando l’ansia e le preoccupazioni ci impediscono un riposo sereno.

Anche contro il mal di testa la valeriana ha i suoi effetti positivi, in particolar modo quando questo si presenta a causa di forte stress e nervosismo. La tintura madre di valeriana a sotto forma di gocce, può anche essere utilizzata al bisogno, assumendone 15 o venti in un bicchiere abbondante di acqua. Agendo in maniera benefica sulla mucosa intestinale, le gocce di valeriana sono utili in casi di colon irritabile.

Gocce e compresse

Gocce-e-compresse.jpg

Come abbiamo già citato, la valeriana si può acquistare sotto forma di estratto in gocce, ma nelle erboristerie è possibile trovarla anche in compresse, oppure secca. Se volete realizzare in casa un infuso di valeriana, vi occorre avere una radice della pianta e 200 ml di acqua naturale bollente, ma è consigliato prediligere una tisana realizzata con un mix di piante calmanti, anche perché il sapore al palato di questa pianta non è molto gradevole.

Una volta realizzato l’infuso, vi consigliamo di berlo almeno trenta minuti prima di coricarvi, mentre se si utilizzano le gocce di tintura madre, è necessario assumerle almeno 30 in abbondante acqua naturale, sempre trenta minuti prima di andare a andare a dormire. Se avete acquistato l’estratto secco di valeriana, è consigliabile impiegarlo come indicato nella confezione, oppure chiedete informazione al vostro erborista, in maniera tale da poter assumere la dose più indicata alle vostre esigenze.

Anche nella valeriana come per tutti rimedi naturali non bisogna mai dare per scontato che, essendo una pianta, non possa avere i suoi effetti collaterali.

Non avendo prove dei suo effetti indesiderati, è meglio evitare l’utilizzo alle donne in gravidanza e ai bambini al di sotto dei anni. Se la valeriana si assume in dosi eccessive può provocare sonnolenza ed interagire con l’assunzione di altri farmaci, specialmente se riguardano sedati, perché potrebbe aumentarne maggiormente l’effetto, per questo vi consigliamo sempre di chiedere informazioni al vostro medico di famiglia.

In assenza di allergia specifica alla pianta, questa tendenzialmente è ben tollerata da tutti e non ha mai causati gravi problemi.

Come abbiamo visto la valeriana viene principalmente utilizzata per conciliare il sonno,quando lo stress, l’ansia e le preoccupazioni ci impediscono di riposare tranquillamente la notte, favorendo un riposo sereno e duraturo. Vi consigliamo specie inizialmente al trattamento, di non dormire durante il pomeriggio, in maniera tale da non invertire il sonno del giorno con quello della notte, così facendo il vostro corpo troverà un riposo costante nelle ore notturne.